O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

O Toti o porrià vedde i politichi, depoxitou o recorso a-o Riexamme

A giudiçe Paola Faggioni, visto o pai poxitivo da Procua, a l’à autorizzou i incontri tra o Giovanni Toti e i esponenti politichi co-i quæ o l’aiva domandou de parlâ pe mezo do seu avvocato Stefano Savi. O prescidente ligure, a-i arresti in cà da-i 7 de mazzo accaxonou de corruçion, o porrià vedde inta seu rescidensa de Meggia trei gruppi pe un mascimo de træ oe ciaschedun: ghe saià i componenti prinçipæ da zonta, i cappi regionali di partii da maggioransa e i referenti naçionali de Noi Moderati. Intanto o Savi o l’à depoxitou o recorso a-o Tribunale do Riexamme pe ottegnî a revoca di arresti co-a raxon che no gh’é ciù de neçescitæ preventive. Into papê o Toti o dixe ch’o no domandieiva ciù di finançiamenti à di privæ co-e mæxime mainee, sciben ch’o l’arresta seguo d’avei agio delongo pe l’interesse pubrico e inti limiti da lezze. A primma instansa a l’ea stæta refuâ da-a giudiçe ch’a l’aiva consciderou «concreto e attuale» o reisego de resegondâ o crimine e de guastâ e preuve.

Traduçion italiaña

Toti potrà vedere i politici, depositato il ricorso al Riesame

La giudice Paola Faggioni, visto il parere positivo della Procura, ha autorizzato gli incontri tra Giovanni Toti e gli esponenti politici con cui aveva chiesto di parlare tramite il suo avvocato Stefano Savi. Il presidente ligure, agli arresti domiciliari dal 7 maggio accusato di corruzione, potrà vedere nella sua residenza di Ameglia tre gruppi per un massimo di tre ore ciascuno: ci saranno i componenti principali della giunta, i leader regionali dei partiti della maggioranza e i referenti nazionali di Noi Moderati. Intanto Savi ha depositato il ricorso al Tribunale del Riesame per ottenere la revoca degli arresti con la motivazione che non ci sono più esigenze cautelari. Nel documento Toti dice che non chiederebbe più finanziamenti ai privati con le stesse modalità, anche se rimane sicuro di aver agito sempre per l’interesse pubblico e nei limiti della legge. La prima istanza era stata rigettata dalla giudice che aveva considerato «concreto e attuale» il rischio di reiterazione del reato e di inquinamento delle prove.

Doî zoeni mòrti in scê stradde da Liguria inte pöchi giorni

Doî açidenti mortali inte pöchi giorni in scê stradde da provinsa de Zena. Inta seiaña di 16 de zugno un zoeno de 20 anni, Riccardo Cella, o l’à perso a vitta à Rosagni, inta valle de l’Aito, e atri trei son arrestæ ferii. A seu machina a l’é anæta à piccâ, fòscia perché a l’anava tròppo spedia ò foscia perché unna bestia a gh’à taggiou a stradda. Unna figgia a s’é addesciâ da-o còmma e va megio anche e condiçioin di atri doî, recoveræ a-o San Martin e à Lavagna. À l’arba di 19 de zugno un òmmo de 29 anni ch’o l’anava in möto, Erik Steven Culqui, o l’é mòrto à Sant’Anna, tra Sestri Levante e Lavagna. No ghe saieiva di atri mezzi interessæ da l’açidente.

Traduçion italiaña

Due giovani morti sulle strade della Liguria in pochi giorni

Due incidenti mortali in pochi giorni sulle strade della provincia di Genova. Nella serata del 16 giugno un ragazzo di 20 anni, Riccardo Cella, ha perso la vita a Rezzoaglio, in val d’Aveto, e altri tre sono rimasti feriti. La loro auto si è schiantata, forse per l’elevata velocità o forse perché un animale ha tagliato loro la strada. Una ragazza si è svegliata dal coma e migliorano anche le condizioni degli altri due, ricoverati al San Martino e a Lavagna. All’alba del 19 giugno un uomo di 29 anni che andava in moto, Erik Steven Culqui, è morto a Sant’Anna, tra Sestri Levante e Lavagna. Non ci sarebbero altri mezzi coinvolti nell’incidente

L’economia da Liguria a va ciù cianin: ben o turiximo, freña o pòrto

L’economia da Liguria a cresce cian cianin, con unna variaçion poxitiva do Pil do 0,8% do 2023, in linia co-a tendensa naçionale. O dæto o l’é vegnuo feua da-o rappòrto da Banca d’Italia in sce l’economia regionale. I segnæ ciù boin arrivan da-o turiximo, ch’o l’à visto cresce e presense do 4%, e da-e construçioin, sponciæ ancon da-i bonus. I traffeghi de merçe in pòrto registran un frazzo do 4% apreuvo a-a scituaçion globale, pe contra i passaggê de croxee son o 55% in ciù da l’anno avanti. A mancansa de seguessa ligâ a-e tenscioin geopolitiche a no permette de dî se ghe saià unn’inverscion de tendensa a-a fin 2024.

Traduçion italiaña

L’economia della Liguria rallenta: bene il turismo, frena il porto

L’economia della Liguria cresce lentamente, con una variazione positiva del Pil dello 0,8% nel 2023, in linea con la tendenza nazionale. Il dato è emerso dal rapporto della Banca d’Italia sull’economia regionale. I segnali migliori arrivano dal turismo, che ha visto crescere le presenze del 4%, e dalle costruzioni, spinte ancora dai bonus. I traffici di merci in porto registrano un calo del 4% a causa della situazione globale, tuttavia i crocieristi sono il 55% in più rispetto all’anno precedente. La mancanza di certezze legata alle tensioni geopolitiche non permette di dire se ci sarà un’inversione di tendenza alla fine del 2024.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Approvou l’autonomia differençiâ, l’oppoxiçion a l’inandia o referendum

L’autonomia differençiâ a l’é unna lezze: dòppo unna discuscion duâ pe tutta a neutte a Camia a l’à approvou o provedimento à l’arba di 19 de zugno. Oua ògni Region a porrià domandâ a-o Stato de gestî da pe lê çerte matëie tra e 23 indicæ into testo. «L’Italia a l’é ciù fòrte e ciù giusta», a l’à dito a prescidente Meloni. Pe-a Lega «unna vittöia stòrica». E oppoxiçioin annonçian l’arrecuggeita de firme pe-o referendum abrogativo in sce unna lezze che ciamman «scciappa-Italia». Ma à protestâ gh’é anche di prescidenti de çentro-drita into Mezogiorno. L’Union Europea a l’à misso in guardia: «Dâ de competense in ciù a-e Regioin o compòrta di reiseghi pe-a coexon e e finanse pubriche». Intanto in Senato l’é arrivou anche o primmo «scì» a-o disegno de lezze in sciô premierato ch’o cangia a Constituçion.

Traduçion italiaña

Approvata l’autonomia differenziata, l’opposizione prepara il referendum

L’autonomia differenziata è legge: dopo una discussione durata tutta la notte la Camera ha approvato il provvedimento all’alba del 19 giugno. Ora ogni Regione potrà chiedere allo Stato di gestire da sé alcune materie tra le 23 indicate nel testo. «L’Italia è più forte e più giusta», ha detto la presidente Meloni. Per la Lega «una vittoria storica». Le opposizioni annunciano la raccolta delle firme per il referendum abrogativo su una legge che chiamano «spacca-Italia». Ma a protestare sono anche alcuni presidenti di centrodestra nel Mezzogiorno. L’Unione Europea ha messo in guardia: «Dare ulteriori competenze alle Regioni comporta rischi per la coesione e le finanze pubbliche». Intanto in Senato è arrivato anche il primo «sì» al disegno di legge sul premierato che cambia la Costituzione.

Louante mòrto con un brasso destaccou, l’aivan abbandonou in sciâ stradda

Un louante de 31 anni d’origine indiaña, Satnam Singh, o l’é mòrto dòppo un graviscimo açidente in sciô travaggio a-i 17 de zugno inte unn’açienda agricola inte campagne de Latiña. L’òmmo o l’aiva perso o brasso inte un machinäio rebellou da un trattô, ma o figgio do baccan, incangio de ciammâ soccorso, o l’à abbandonou davanti à cà seu. Portou à l’uspiâ San Camillo de Romma o l’à finio de vive da lì à trei giorni. «A l’é stæta unna scemmaia, mi ghe l’aiva dito ch’o no s’avvexinesse, ma lê o l’à fæto de testa seu», e poule do prinçipâ Renzo Lovato, che oua o l’é indagou pe ammassamento corposo. «Da mi o no l’é in regola», o l’avieiva respòsto o figgio Antonello à di zoeni che l’an visto mollâ lì o Satnam e scappâ via. «Un atto de barbaritæ», a l’à dito a ministra do Travaggio Elvira Calderone, dô e raggia da-i scindicati. A-i 20 de zugno un zoeno de 18 anni o l’é mòrto investio da un machinäio tanto ch’o louava inte un campo in Lombardia. «O l’ea apreuvo à fâ quello ch’o l’à sempre dexidiou», o regòrdo da moæ.

Traduçion italiaña

Bracciante morto con un braccio staccato, lo avevano abbandonato in strada

Un bracciante di 31 anni di origine indiana, Satnam Singh, è morto dopo un gravissimo incidente sul lavoro il 17 giugno in un’azienda agricola nelle campagne di Latina. L’uomo aveva perso il braccio in un macchinario trainato da un trattore, ma il figlio del titolare, invece di chiamare i soccorsi, lo ha abbandonato davanti a casa sua. Portato all’ospedale San Camillo di Roma ha smesso di vivere dopo tre giorni. «È stata una leggerezza, io lo avevo avvisato che non si avvicinasse, ma lui ha fatto di testa sua», le parole del titolare Renzo Lovato, che ora è indagato per omicidio colposo. «Da me non sta in regola», avrebbe risposto il figlio Antonello ad alcuni ragazzi che lo hanno visto abbandonare Satman e scappare via. «Un atto di barbarie», ha detto la ministra del Lavoro Elvira Calderone, dolore e rabbia dai sindacati. Il 20 giugno un giovane di 18 anni è morto investito da un macchinario mentre lavorava in un campo in Lombardia. «Stava facendo quello che ha sempre desiderato», il ricordo della madre.

O Roberto Baggio rapinou inta seu villa tanto ch’o l’ammiava Italia-Spagna

O campion de ballon Roberto Baggio o l’é stæto rapinou e piccou inta seu villa in provinsa de Viçensa tanto ch’o l’ammiava in televixon a partia Italia-Spagna di europëi co-a seu famiggia. O passou zugou da Naçionale o l’à çercou de fermâ i çinque laddri, ch’ean armæ, ma un de loiatri o l’à corpio in sciâ fronte con unna pistòlla. O Baggio, insemme co-a moggê e i figgi, o l’é arrestou serrou pe ciù de mez’oa inte unna stançia tanto che i malemmi portavan via i oggetti de prexo. Dapeu o l’é arriëscio à cacciâ zu a pòrta e o l’à ciammou i carabinê che son apreuvo à investigâ pe trovâ i responsabili. «Graçie pe l’affeçion, oua ò da fâme passâ a poia», o l’à commentou.

Traduçion italiaña

Roberto Baggio rapinato nella sua villa mentre guardava Italia-Spagna

Il campione di calcio Roberto Baggio è stato rapinato e picchiato nella sua villa in provincia di Vicenza mentre guardava in televisione la partita Italia-Spagna degli europei con la sua famiglia. L’ex giocatore della Nazionale ha cercato di fermare i cinque ladri, che erano armati, ma uno di loro lo ha colpito in fronte con una pistola. Baggio, insieme alla moglie e ai figli, è rimasto chiuso per più di mezz’ora in una stanza mentre i malviventi portavano via gli oggetti di pregio. Poi è riuscito a sfondare la porta e ha chiamato i carabinieri che stanno indagando per trovare i responsabili. «Grazie per l’affetto, ora devo superare la paura», ha commentato.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Union Europea, a von der Leyen verso a prescidensa da Commiscion

A Ursula von der Leyen a va pe-a reconferma a-a guidda da Commiscion europea. Popolari, soçialisti e liberali gh’an i numei pe çernila e porrieivan fâlo inte l’incontro fissou pe-a fin de zugno, ma tra e fòrse in zeugo gh’é da tenscion. O Webber e o Tajani an tiou sciù e preteise co-o Pse: «L’Union a l’é de çentro-drita, e nòmine an da tegnîne conto – an dito –. In Fransa e Germania i governi an perso, no peuan impoñe e deçixoin». À tutte e mainee, pe-o primmo ministro polacco Tusk l’inteisa a l’é vexiña. Intanto a Commiscion a l’à averto unna proçedua pe-o deficit tròppo erto contra sette Paixi, tra i quæ l’Italia, a Fransa e o Belgio ascì.

Traduçion italiaña

Unione Europea, von der Leyen verso la presidenza della Commissione

Ursula von der Leyen si avvia alla riconferma alla guida della Commissione europea. Popolari, socialisti e liberali hanno i numeri per sceglierla e potrebbero farlo nel vertice fissato alla fine di giugno, ma tra le forze in gioco c’è tensione. Webber e Tajani hanno alzato la posta col Pse: «L’Unione è di centrodestra, le nomine devono tenerne conto – hanno detto –. In Francia e Germania i governi hanno perso, non possono imporre le decisioni». In ogni caso, per il primo ministro polacco Tusk l’intesa è vicina. Intanto la Commissione ha aperto una procedura per il deficit eccessivo contra sette Paesi, tra cui anche Italia, Francia e Belgio.

Ucraina, (squæxi) tutti d’accòrdio in sciâ paxe. O Putin o va avanti in scê arme nucleare

S’é serrou in Svissera l’incontro internaçionale in sciâ paxe in Ucraina. Into papê finale s’afferma i prinçippi de «sovranitæ, independensa e integritæ di territöi de tutti i Stati», ma se dixe ascì che «o dialogo tra tutte e parte o l’é neçessäio pe vegnî a-a fin da guæra». Dozze Paixi però no l’an firmou, tra i quæ l’India, l’Arabia Saudita, o Mescico, l’Indonesia e o Sud Africa. O Zelensky o l’à domandou aggiutto a-a Ciña, intanto o Putin o l’à streito un patto co-a Corea do Nòrd in caxo d’aggrescion e o l’à deciarou che Mosca a veu anâ avanti à inandiâ i seu armamenti nucleari comme «garançia de deterrensa strategica e equilibrio de poei into mondo».

Traduçion italiaña

Ucraina, (quasi) tutti d’accordo sulla pace. Putin va avanti sulle armi nucleari

Si è chiuso in Svizzera il vertice internazionale sulla pace in Ucraina. Nel documento finale si affermano i principi di «sovranità, indipendenza e integrità territoriale di tutti gli Stati», ma si dice anche che «il dialogo tra tutte le parti è necessario per mettere fine alla guerra». Dodici Paesi però non l’hanno firmato, tra cui l’India, l’Arabia Saudita, il Messico, l’Indonesia e il Sud Africa. Zelensky ha chiesto aiuto alla Cina, nel frattempo Putin ha stretto un patto con la Corea del Nord in caso di aggressione e ha dichiarato che Mosca vuole andare avanti a sviluppare i suoi armamenti nucleari come «garanzia di deterrenza strategica ed equilibrio di potere nel mondo».

O Vatican o ciamma o Viganò, o l’é accaxonou de scisma

O dicastëio pe-a Dottriña da Fæ do Vatican o l’à convocou o passou nonçio apostòlico inti Stati Unii, o monscignô Carlo Maria Viganò, ch’o «pòsse piggiâ nòtta de l’accaxonamento de scisma» à seu carrego. De ræo a Gexa cattòlica a l’incriminou quarchedun de mainea coscì pesante. Pe-o segrettäio de Stato Parolin «o l’à piggiou di atteggiamenti di quæ o deve responde». O Viganò, ch’o l’à criticou ciù vòtte o pappa Françesco con ciammâne e dimiscioin, o l’à commentou: «Tëgno i accaxonamenti contra de mi pe un onô. Nisciun cattòlico ch’o se digghe pægio peu ëse in commenion con sta Gexa do Bergoglio» ch’a l’agisce, segondo o Viganò, «in rottua con tutti i pappi da stöia» e co-a «Gexa de Cristo».

Traduçion italiaña

Il Vaticano chiama Viganò, è accusato di scisma

Il dicastero per la Dottrina della Fede del Vaticano ha convocato l’ex nunzio apostolico negli Stati Uniti, monsignor Carlo Maria Viganò, perché «possa prendere nota dell’accusa di scisma» a suo carico. Di rado la Chiesa cattolica ha incriminato qualcuno in modo così grave. Per il segretario di Stato Parolin «ha assunto atteggiamenti di cui deve rispondere». Viganò, che ha criticato più volte papa Francesco chiedendone le dimissioni, ha commentato: «Considero le accuse contro di me un onore. Nessun cattolico degno di questo nome può essere in comunione con questa Chiesa bergogliana» che agisce, secondo Viganò, «in rottura con tutti i papi della storia» e con la «Chiesa di Cristo».