O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Corruçion, o Toti o parlià a-a fin de mazzo. O Spinelli: «O prometteiva ma o no mantegniva»

O l’é delongo a-i arresti in cà o prescidente da Liguria Giovanni Toti, into mezo de l’investigaçion da Procua de Zena pe corruçion e voto de scangio. L’interrogatöio, domandou da l’avvocato Stefano Savi, o no saià avanti di 27 de mazzo. Chi l’à za parlou l’é o Aldo Spinelli: «O Toti o prometteiva e o no mantegniva», o l’à dito a-a giudiçe. E in scî finançiamenti dæti pe-a campagna elettorale: «Tutto regolare, dava unna man anche a-o Pd». O cappo de gabinetto Matteo Cozzani o l’à denegou tutti i accaxonamenti e o l’à annonçiou e dimiscioin. «Fòscia de quarcösa son pentio, ô diò a-i magistrati», o l’à deciarou o scindico de Zena Marco Bucci ch’o saià sentio in procua da chì à no guæi. O Signorini o l’arresta in prexon, dond’o l’à incontrou l’avvocato Enrico Scopesi. L’oppoxiçion a ciamma delongo e dimiscion, o çentrodrita o se strenze d’in gio a-o Toti: «Semmo garantisti, o deçiddià lê se lasciâ l’incarrego».

Traduçion italiaña

Corruzione, Toti parlerà a fine maggio. Spinelli: «Prometteva ma non manteneva»

È sempre agli arresti domiciliari il presidente della Liguria Giovanni Toti, al centro dell’inchiesta della Procura di Genova per corruzione e voto di scambio. L’interrogatorio, chiesto dall’avvocato Stefano Savi, non sarà prima del 27 maggio. Chi ha già parlato è Aldo Spinelli: «Toti prometteva e non manteneva», ha detto alla giudice. E sui finanziamenti elargiti per la campagna elettorale: «Tutto regolare, davo una mano anche al Pd». Il capo di gabinetto Matteo Cozzani ha negato tutte le accuse e ha annunciato le dimissioni. «Forse di qualcosa sono pentito, lo dirò ai magistrati», ha dichiarato il sindaco di Genova Marco Bucci che sarà sentito in procura a breve. Signorini resta in carcere, dove ha incontrato l’avvocato Enrico Scopesi. L’opposizione continua a chiedere le dimissioni, il centrodestra si stringe intorno a Toti: «Siamo garantisti, deciderà lui se lasciare l’incarico».

Estorscion a-o Zena, assoluçion pe tutti i 14 tifoxi imputæ

O tribunâ de Zena o l’à dæto l’assoluçion à tutti i 14 imputæ into proçesso pe assoçiaçion criminosa finalizzâ à l’estorscion a-i danni do passou prescidente rossobleu Enrico Preziosi. I cappi di tifoxi ean accaxonæ de ciù caxi de violensa e in particolâ d’avei garantio a «paxe» in cangio de dinæ gestii da-a soçietæ do Artur Marashi co-o Massimo Leopizzi comme sòçio ascoso. Lagrime in sala a-a lettua da sentensa, in particolâ o Davide Traverso: «Son stæti quattro anni d’inferno che no prego à nisciun, sta sentensa a mostra ch’aivimo raxon quande divimo che voeivimo solo che o ben do Zena». «O no l’ea un proçesso contra i tifoxi – o l’à azzonto o Leopizzi – ma contra de mi e o Marashi».

Traduçion italiaña

Estorsione al Genoa, assoluzione per tutti i 14 tifosi imputati

Il tribunale di Genova ha assolto tutti i 14 imputati nel processo per associazione a delinquere finalizzata all’estorsione ai danni dell’ex presidente rossoblu Enrico Preziosi. I leader della tifoseria erano accusati di più episodi di violenza e in particolare di aver garantito la «pace» in cambio di soldi gestiti dalla società di Artur Marashi con Massimo Leopizzi come socio occulto. Lacrime in aula alla lettura della sentenza, in particolare Davide Traverso: «Sono stati quattro anni da incubo che non auguro a nessuno, questa sentenza dimostra che avevamo ragione quando dicevamo che volevamo solo il bene del Genoa». «Non era un processo contro i tifosi – ha aggiunto Leopizzi – ma contro di me e Marashi».

Sandöia battua da-o Palermo a-i playoff, un atro anno in Serie B

A Sandöia a perde a partia secca in sciô campo do Palermo e a dixe addio a-i playoff pe tentâ a promoçion. Anche l’anno che vëgne i bleuçerciæ zughian in Serie B. A-o Barbera i siçilien an guägno 2-0 con doggia marcatua do Diakité. Un finale amao pe unna saxon comensâ mâ, che però o Pirlo o l’à sacciuo addrissâ in corsa passando da-a zöna retroçescion a-o serrâ o campionato a-o settimo pòsto. «Vedde i zugoei cianze dòppo tutto quello ch’an fæto o m’arranca o cheu – e poule de l’allenatô –. Inte sto momento no penso à l’avvegnî, gh’ò un contræto. No gh’ò de problemi à partî torna da-a Serie B. No poemo fâ de mercou, ghe saià da fâ un gròsso travaggio».

Traduçion italiaña

Sampdoria battuta dal Palermo ai playoff, un altro anno in Serie B

La Sampdoria perde la partita secca sul campo del Palermo e dice addio ai playoff per tentare la promozione. Anche l’anno prossimo i blucerchiati giocheranno in Serie B. Al Barbera i siciliani hanno vinto 2-0 con doppietta di Diakité. Un finale amaro per una stagione iniziata male, che però Pirlo ha saputo raddrizzare in corsa passando dalla zona retrocessione a chiudere il campionato al settimo posto. «Vedere i giocatori piangere dopo tutto quello che hanno fatto è straziante – le parole dell’allenatore –. In questo momento non penso al futuro, ho un contratto. Non ho problemi a ripartire dalla Serie B. Non possiamo fare mercato, ci sarà da fare un grosso lavoro».

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Premierato, l’allarme da Liliana Segre: «No pòsso e no veuggio taxei»

A senatoa à vitta Liliana Segre a bòccia a reforma do premierato vosciua da-o governo Meloni: «Gh’é de parte allarmante, no pòsso e no veuggio taxei – a l’à dito inta discuscion generale –. No se peu sacrificâ tutto into nomme do slogan çernei voiatri o cappo do governo!. Anche e tribù da preistöia gh’aivan un cappo, ma solo e democraçie constituçionale gh’an a separaçion di poei, di contròlli e di contrapeixi». Pe-a Segre, ch’a l’à sostegnuo un paragon co-a lezze Acerbo do 1923 introduta da-o Mussolini, gh’é o reisego de produe «unna lexon stramesuâ da representativitæ do parlamento» pe creâ «à tutti i conti unna maggioransa a-o serviçio do prescidente elezuo».

Traduçion italiaña

Premierato, l’allarme di Liliana Segre: «Non posso e non voglio tacere»

La senatrice a vita Liliana Segre boccia la riforma del premierato voluta dal governo Meloni: «Ci sono aspetti allarmanti, non posso e non voglio tacere – ha detto durante la discussione generale –. Non si può sacrificare tutto nel nome dello slogan scegliete voi il capo di governo!. Anche le tribù della preistoria avevano un capo, ma solo le democrazie costituzionali hanno la separazione dei poteri, controlli e contrappesi». Per Segre, che ha sostenuto un paragone con la legge Acerbo del 1923 introdotta da Mussolini, c’è il rischio di produrre «una lesione abnorme della rappresentatività del parlamento» per creare «a tutti i costi una maggioranza al servizio del presidente eletto».

A Ilaria Salis a sciòrte d’in prexon, oua se ponta à portâla in Italia

A Ilaria Salis, l’attivista de 39 anni detegnua pe un anno e trei meixi in Ongaia, a porrià stâ a-i arresti in cà. O tribunale de segondo graddo o l’à açettou o recorso presentou da-i seu avvocati. A Salis, candidâ a-e eleçioin europee con l’Alleanza Verdi Sinistra, a l’à posciuo sciortî d’in prexon co-o brassallo elettrònico e apreuvo a-o pagamento de 40mia euro. «Semmo contentiscimi de poeila abbrassâ torna», o l’à dito o poæ Roberto ch’o l’azzonto: «O ministëio da Giustiçia e de l’Estranxeo no an fæto ninte». A deçixon di giudiçi ongareixi a l’arve a stradda a-o stramuo in Italia in sciâ base de unn’interpretaçion de unna lezze quaddro do Conseggio europeo.

Traduçion italiaña

Ilaria Salis esce dal carcere, ora si punta a portarla in Italia

Ilaria Salis, l’attivista di 39 anni detenuta per un anno e tre mesi in Ungheria, potrà stare agli arresti domiciliari. Il tribunale di secondo grado ha accolto il ricorso presentato dai suoi avvocati. Salis, candidata alle elezioni europee con l’Alleanza Verdi Sinistra, è potuta uscire dal carcere col braccialetto elettronico e dietro pagamento di 40mila euro. «Siamo felicissimi di poterla riabbracciare», ha detto il padre Roberto che ha aggiunto: «Il ministero della Giustizia e degli Esteri non hanno fatto niente». La decisione dei giudici ungheresi apre la strada al trasferimento in Italia in base all’interpretazione di una legge quadro del Consiglio europeo.

L’é mòrto o Franco Di Mare, o l’aiva denonçiou o «scilençio» da Rai inta moutia

L’é mòrto o Franco Di Mare, giornalista, passou inviou de guæra e scrittô. O l’aiva 68 anni e o l’ea mouto de mesoteliöma, un tumô ch’o se piggia à respiâ da pua d’amianto. L’annonçio l’à dæto a seu famiggia inte unna nòtta. O Di Mare o l’aiva commòsso l’Italia a-i 28 d’arvî quande, ospitou in televixon da-o Fabio Fazio à Che tempo che fa, o l’aiva contou che no gh’arrestava guæi da vive, con denonçiâ o «scilençio da Rai» quand’o l’aiva domandou o stato de serviçio pe-a refæta di danni caxonæ da-o seu travaggio. L’açienda a l’aiva respòsto che no ne saivan ninte. Tra-i Paixi dond’o l’ea stæto gh’ea sorviatutto a Jugoslavia d’alantô, ch’a l’à fæto tante vittime anche dòppo finio a guæra.

Traduçion italiaña

È morto Franco Di Mare, aveva denunciato il «silenzio» della Rai nella malattia

È morto Franco Di Mare, giornalista, ex inviato di guerra e scrittore. Aveva 68 anni ed era affetto da mesotelioma, un tumore che si prende respirando particelle di amianto. A dare l’annuncio la sua famiglia in una nota. Di Mare aveva commosso l’Italia il 28 aprile quando, ospitato in televisione da Fabio Fazio a Che tempo che fa, aveva raccontato che non gli restava molto da vivere, denunciato il «silenzio della Rai» quando aveva chiesto lo stato di servizio per il risarcimento dei danni causati dal suo lavoro. L’azienda aveva risposto che non ne sapeva niente. Tra i Paesi che aveva frequentato c’era soprattutto l’ex Jugoslavia, che ha provocato molte vittime anche dopo la fine della guerra.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Slovacchia, attentato a-o primmo ministro Fico: o l’é in condiçioin grave

O primmo ministro da Slovacchia Robert Fico, esponente da drita vexin a-o Orban e a-o Putin, o l’é stæto ferio inte un attentato à Bratislava. L’aggressô, ch’o gh’à sparou quattro corpi inta pansa, o l’é un òmmo de 71 anni ch’o l’à deciarou: «Gh’ò tiou perché no son d’accòrdio co-e seu politiche». E condiçioin do Fico arrestan grave: «E ferie son ben ben esteise e o còrpo o l’é apreuvo à reagî con difficoltæ», o l’à dito o ministro da Defeisa Kalinak. O prescidente elezuo Peter Pellegrini o l’à invitou e fòrse politiche à sospende a campagna pe-e eleçioin europee. L’Union Europea a l’é in allarme: «Ne dà di penscëi a violensa ch’a fa montâ e divixoin». Pe-a prescidente da Commiscion Von der Leyen un «attacco a-a democraçia».

Traduçion italiaña

Slovacchia, attentato al primo ministro Fico: è in gravi condizioni

Il primo ministro della Slovacchia Robert Fico, esponente della destra vicino a Orban e Putin, è stato ferito in un attentato a Bratislava. L’aggressore, che gli ha sparato quattro colpi all’addome, è un uomo di 71 anni che ha dichiarato: «Gli ho sparato perché non sono d’accordo con le sue politiche». Le condizioni di Fico restano gravi: «Le ferite sono molto estese e il corpo sta reagendo con difficoltà», ha detto il ministro della Difesa Kalinak. Il presidente eletto Peter Pellegrini ha invitato le forze politiche a sospendere la campagna per le elezioni europee. L’Unione Europea è in allarme: «Ci preoccupa la violenza che aumenta le divisioni». Per la presidente della Commissione Von der Leyen un «attacco alla democrazia»

Isræle o l’allarga l’operaçion à Rafah, neuvi accaxonamenti a-a Corte de l’Aia

Isræle o l’inandia unn’operaçion sempre ciù streita à Rafah contra e fòrse de Hamas. Unna battaggia «fondamentale – o l’à dito o prescidente Benyamin Netanyahu parlando a-i sordatti – ch’a deçiddià tante cöse inte sta guæra». Ma o Sudafrica o l’accaxoña torna o Stato ebraico a-a Corte internaçionale de giustiçia de l’Aia: «A l’é l’urtima tappa da destruçion de Gazza e do pòpolo palestineise», dixan. L’Egitto o l’à domandou de fermâse. Dozze Paixi, tra i quæ l’Italia, an sottoscrito unna lettia a-o ministro de l’Estranxeo Katz: «Isræle – scrivan – o l’à drito de defendise ma o l’à da rispettâ o drito internaçionale e l’operaçion a l’avieiva de conseguense catastròfiche in sciâ popolaçion».

Traduçion italiaña

Israele espande l’operazione a Rafah, nuove accuse alla Corte dell’Aia

Israele prepara un’operazione sempre più stringente a Rafah contro le forze di Hamas. Una battaglia «fondamentale – ha detto il presidente Benyamin Netanyahu parlando ai soldati – che deciderà tante cose in questa guerra». Ma il Sudafrica accusa nuovamente lo Stato ebraico alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia: «È l’ultima tappa della distruzione di Gaza e del popolo palestinese», dicono. L’Egitto ha chiesto di fermarsi. Dodici Paesi, tra cui l’Italia, hanno sottoscritto una lettera al ministro degli Esteri Katz: «Israele – scrivono – ha diritto di difendersi ma deve rispettare il diritto internazionale e l’operazione avrebbe conseguenze catastrofiche sulla popolazione».

Ruscia-Ciña: «Ciù cooperaçion in campo militare». O Xi o propoñe unna tregua olimpica

O prescindente ruscio Vladimir Putin o l’à fæto vixita a-o cappo da Ciña Xi Jinping. «Mosca e Pechin anian avanti à rinforsâ a confiansa e a cooperaçion into campo militare e à allargâ e exerçitaçioin», reçita a deciaraçion conzonta ch’an firmou. O Xi Jinping o l’à portou in sciâ töa a propòsta de l’Occidente pe-a tregua olimpica in Ucraina, ma o Zelensky o no se fia: «Gh’emmo za provou, co-i rusci a no fonçioña. Chi n’assegua che no s’avvexinian pe attaccâne?». Intanto e truppe de Mosca guägnan do terren à Kharkiv. O Putin o remescia e carte in çimma a-o regimme: o Patrushev, za segrettäio do Conseggio de seguessa, o vëgne o seu ascistente. L’oppoxitô Kara-Murza o dovià scontâ 25 anni de prexon perché o l’é contra a guæra.

Traduçion italiaña

Russia-Cina: «Più cooperazione in campo militare». Xi propone una tregua olimpica

Il presidente russo Vladimir Putin ha fatto visita al leader della Cina Xi Jinping. «Mosca e Pechino continueranno a rafforzare la fiducia e la cooperazione in campo militare e ad estendere le esercitazioni», recita la dichiarazione congiunta che hanno firmato. Xi Jinping ha portato sul tavolo la proposta dell’Occidente per la tregua olimpica in Ucraina, ma Zelensky non si fida: «Ci abbiamo già provato, coi russi non funziona. Chi ci assicura che non si avvicineranno per attaccarci?». Intanto le truppe di Mosca guadagnano terreno a Kharkiv. Putin rimescola le carte al vertice del regime: Patrushev, già segretario del Consiglio di sicurezza, diventa suo assistente. L’oppositore Kara-Murza dovrà scontare 25 anni di carcere perché è contro la guerra.