O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Zoeno o l’ammassa un òmmo de 55 anni a-a Foxe: «O m’ascidiava in sciâ chat»

Un òmmo de 55 anni, o Ahmed Chawqui, de naçionalitæ marocchiña, o l’é stæto ammassou à Zena into quartê da Foxe a-a seia di 15 de novembre. Ferio con ciù cotellæ, o l’é mòrto à l’uspiâ Galliera donde o l’ea arrivou inte unna condiçion despiâ. Accaxonou de l’assascinio o l’é un zoeno de 17 anni, italian, ch’o s’é presentou a-i carabinê de Ciavai: «L’ò corpio dòppo unna rattella – o l’à contou –. Ea anæto à cà seu perché o m’ascidiava in sce unna chat e voeiva ch’o scassesse o mæ numeo». Ma depeu, à l’interrogatöio, o no l’à confessou. I investigatoî stan apreuvo ascì à l’ipòtexi de unna rapiña finia mâ. Un atro ammassamento o l’é avvegnuo à Çeiâ, in provinsa de Saña: o Massimo Romano, 47 anni sensa cà originäio de Neuve, o l’é stæto attrovou cadaveo inte un riâ, inguggeito inte unna coverta. Pe sto fæto l’é stæto fermou un atro sensa cà, o Andrea Soldati de 32 anni: i doî se saieivan piccæ inte un garaxe, ancon da capî e raxoin.

Traduçion italiaña

Ragazzo uccide un uomo di 55 anni alla Foce: «Mi molestava in chat»

Un uomo di 55 anni, Ahmed Chawqui, di nazionalità marocchina, è stato ucciso a Genova nel quartiere della Foce nella sera del 15 novembre. Ferito con più coltellate, è morto all’ospedale Galliera dove era arrivato in condizioni disperate. Accusato dell’omicidio è un ragazzo di 17 anni, italiano, che si è presentato ai carabinieri di Chiavari: «L’ho colpito dopo una lite – ha raccontato –. Ero andato a casa sua perché mi molestava su una chat e volevo che cancellasse il mio numero». Ma poi, all’interrogatorio, non ha confessato. Gli investigatori seguono anche l’ipotesi di una rapina finita male. Un altro omicidio è avvenuto a Ceriale, in provincia di Savona: Massimo Romano, 47enne senzatetto originario di Novi Ligure, è stato trovato cadavere in un rio, avvolto in una coperta. Per questo fatto è stato fermato un altro senzatetto, il 32enne Andrea Soldati: i due si sarebbero picchiati in un garage, ancora da capire le motivazioni.

’Ndrangheta e dröga à Ponente, operaçion da Guardia de finansa: 26 arresti

Gròssa operaçion contra a ’ndrangheta in provinsa d’Impëia. I reparti particolæ da Guardia de finansa an arrestou 26 persoñe pe traffego de dröga e assoçiaçion criminosa de stampo mafioso. Tra de loiatri, 17 di indagæ son tegnui pe componenti de un gruppo criminale commandou da-a famiggia De Marte-Gioffrè, arreixâ in Liguria ma ligâ a-a ’ndrangheta calabreise. L’organizzaçion a louava inta zöna de Dian da-o 2020 pe fâ cresce, portâ in gio e vende da cocaiña, de l’hashish e da marijuana. Pe controllâ i seu dafæ addeuviavan da violensa e de menasse, de vòtte ascì con de arme, pe costrenze e casañe à pagâ a dröga. I investigatoî ghe contestan lexoin, laddronissi de mezzi de traspòrto, estorscion, menasse, tutto aggravou da-o metodo mafioso.

Traduçion italiaña

'Ndrangheta e droga a Ponente, operazione della Guardia di finanza: 26 arresti

Maxi operazione contro la ’ndrangheta in provincia di Imperia. I reparti speciali della Guardia di finanza hanno arrestato 26 persone per traffico di droga e associazione a delinquere di stampo mafioso. Tra loro, 17 degli indagati sono ritenuti componenti di un gruppo criminale diretto dalla famiglia De Marte-Gioffrè, radicata in Liguria ma legata alla ’ndrangheta calabrese. L’organizzazione operava nella zona di Diano dal 2020 per coltivare, trasportare e vendere cocaina, hashish e marijuana. Per controllare i loro affari usavano violenza e minacce, a volte anche con armi, per costringere i clienti a pagare la droga. Gli inquirenti gli contestano lesioni, furti di mezzi di trasporto, estorsione, minacce, tutto aggravato dal metodo mafioso.

A maneuvra da Liguria, 50 mioin pe ascurtî e liste d’atteisa da sanitæ

Anche a Region Liguria a l’à presentou a seu maneuvra, un pacchetto da 7 miliardi, i ciù tanti pe-a sanitæ. Tra e novitæ gh’é pròpio un stançiamento de 50 mioin pe redue e liste d’atteisa e contegnî e fughe verso e atre regioin. Palanche che servian à pagâ de prestaçioin azzontive, into pubrico e into privou: «St’intervento – o l’à dito o prescidente Toti – o dovieiva portâ à zero a mobilitæ pasciva pe raxoin de neçescitæ». Da-o 2024 o nio o saià de badda pe chi à un Isee sotta i 35mia euro, unna mesua ch’a tocchià 22mia famigge e passa. Ghe saià un voucher pe-e bestie da compagnia: torna in relaçion à l’Isee a primma vixita da-o veterinäio a se porrià fâ de badda.

Traduçion italiaña

La manovra della Liguria, 50 milioni per accorciare le liste d’attesa della sanità

Anche la Regione Liguria ha presentato la sua manovra, un pacchetto da 7 miliardi, la maggior parte per la sanità. Tra le novità c’è proprio uno stanziamento di 50 milioni per ridurre le liste d’attesa e contenere le fughe verso le altre regioni. Soldi che serviranno a pagare prestazioni aggiuntive, nel pubblico e nel privato: «Questo intervento – ha detto il presidente Toti – dovrebbe azzerare la mobilità passiva per ragioni di necessità». Dal 2024 l’asilo nido sarà gratuito per chi ha un Isee sotto i 35mila euro, una misura che riguarderà più di 22mila famiglie. Ci sarà un voucher per gli animali da compagnia: sempre in rapporto all’Isee la prima visita dal veterinario si potrà fare gratis.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Sciòpero, scontro tra Governo e scindicati: 60mia in ciassa à Romma

Scontro tra governo e scindicati in sciô sciòpero di 17 de novembre proclamou da-a Cgil e da-a Uil contra e politiche do governo Meloni, da-o titolo «Oua basta!». Pe-a commiscion de garançia no gh’ea e condiçioin pe consciderâlo «generale». E in sciâ fin o ministro di Traspòrti Matteo Salvini o l’à firmou a preçettaçion ch’a l’à reduto a mobilitaçion da 8 a 4 oe, solo pe quello settô. «Un atto politico graviscimo», o l’à attaccou o segrettäio da Cgil Maurizio Landini. A-o manco 60mia, segondo i organizzatoî, e persoñe in ciassa do Pòpolo à Romma pe-a manifestaçion naçionale into giorno de l’astenscion. Adexon erta areo, ch’a l’avieiva toccou o 100% inte çerte categorie comme i pòrti. «Son contento che ancheu 20 mioin d’italien se pòssan mesciâ liberamente – o l’à commentou o Salvini – perché o drito a-o sciòpero de unna minoransa o no peu arroinâ o drito a-o travaggio de unna maggioransa».

Traduçion italiaña

Sciopero, scontro tra Governo e sindacati: 60mila in piazza a Roma

Scontro tra governo e sindacati sullo sciopero del 17 novembre proclamato dalla Cgil e dalla Uil contro le politiche del governo Meloni, dal titolo «Ora basta!». Per la commissione di garanzia non c’erano le condizioni per considerarlo «generale». E alla fine il ministro dei Trasporti Matteo Salvini ha firmato la precettazione che ha ridotto la mobilitazione da 8 a 4 ore, solo per quel settore. «Un atto politico gravissimo», ha attaccato il segretario della Cgil Maurizio Landini. Almeno 60mila, secondo gli organizzatori, le persone in piazza del Popolo a Roma per la manifestazione nazionale nel giorno dell’astensione. Adesione alta in generale, che avrebbe toccato il 100% in alcune categorie come i porti. «Son contento che oggi 20 milioni di italiani si possano muovere liberamente – ha commentato Salvini – perché il diritto allo sciopero di una minoranza non può ledere il diritto al lavoro di una maggioranza».

Operäia de 26 anni mòrta in sciô travaggio, a strage a l’é sensa fin

A l’é mòrta co-a testa schissâ da un machinäio a Grishaj Anila, operäia de 26 anni ch’a travaggiava inte unna dita de mangiâ ziou in provinsa de Treviso. L’enneximo açidente in sciô travaggio o l’é avvegnuo a-i 14 de novembre, accompagnou da unn’atra tragedia: un louante de 59 anni o l’é stæto corpio da un escavatô inte un cantê drento a-o çentro chimico de Ravenna e o l’à perso a vitta. Inte mæxime oe vexin à Udine un zoeno o l’é arrestou gravemente ferio dòppo sciaccou da-e gomme de un camio in maneuvra, tanto che in Trentin un tecnico de 43 anni o l’é stæto investio da-o scceuppo de unna cädea inte un offiçiña. Inti primmi sette meixi do 2023 son za 559 e vittime in sciô travaggio in Italia, i ciù tanti (40) in Lombardia. Inte 20 anni i mòrti son stæti pöcassæ 20mila.

Traduçion italiaña

Operaia di 26 anni morta sul lavoro, la strage è senza fine

È morta con la testa schiacciata da un macchinario Grishaj Anila, operaia di 26 anni che lavorava in una ditta di surgelati in provincia di Treviso. L’ennesimo incidente sul lavoro è avvenuto il 14 novembre, accompagnato da un’altra tragedia: un operaio di 59 anni è stato colpito da un escavatore in un cantiere all’interno del centro chimico di Ravenna e ha perso la vita. Nelle stesse ore vicino a Udine un giovane è rimasto gravemente ferito dopo essere stato schiacciato dagli pneumatici di un camion in manovra, mentre in Trentino un tecnico di 43 anni è stato investito dall’esplosione di una caldaia in un’officina. Nei primi sette mesi del 2023 sono già 559 le vittime sul lavoro in Italia, la maggior parte (40) in Lombardia. In 20 anni i morti sono stati circa 20mila.

L’Euröpa a bacchezza l’Italia in sciâ Bolkestein e l’assegno unico

L’Italia a l’à reçevuo unna lettia da l’Union Europea con unna doggia proçedua d’infraçion pe-a violaçion da direttiva Bolkestein, ch’a prevedde d’assegnâ con de cæghe pubriche e conçescioin demaniale da mæña, e in sce l’assegno unico. A Commiscion a contesta o decreto do governo Meloni ch’o tramanda a descheita de conçescioin a-o 2024 e l’exito da töa tecnica pe-a mappatua da riva, segondo a quæ solo o 33% da mæña o saieiva occupou da di bagni e donca a direttiva a no se porrieiva applicâ. Oua Romma a l’à doî meixi pe responde. Bocciou anche l’assegno unico pe-i figgi introduto da-o governo Draghi perché, imponendo o requixito da rescidensa, o portieiva à unna «discriminaçion» verso i atri çittæn europëi

Traduçion italiaña

L’Europa bacchetta l’Italia su Bolkestein e assegno unico

L’Italia ha ricevuto una lettera dall’Unione Europea con una doppia procedura d’infrazione per la violazione della direttiva Bolkestein, che prevede di assegnare con gare pubbliche le concessioni demaniali marittime, e sull’assegno unico. La Commissione contesta il decreto del governo Meloni che rimanda la scadenza delle concessioni al 2024 e l’esito del tavolo tecnico per la mappatura della costa, secondo cui solo il 33% del litorale sarebbe occupato da stabilimenti balneari e quindi la direttiva non sarebbe applicabile. Ora Roma ha due mesi per rispondere. Bocciato anche l’assegno unico per i figli introdotto dal governo Draghi perché, imponendo il requisito della residenza, porterebbe a una «discriminazione» verso gli altri cittadini europei.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra Isræle-Hamas, l’Onu a veu unn’investigaçion internaçionale in sce Gazza

L’Onu a l’à domandou unn’investigaçion internaçionale in scê violaçioin de guæra d’Isræle inta Striscia de Gazza e intanto o prescidente Netanyahu o l’à ammisso che no se riësce à redue e vittime çivile, con dâ a corpa à Hamas. Battaggia à l’uspiâ al-Shifa da çittæ palestineise donde se pensa che ghe segge o commando prinçipâ da façion islamica. Isræle o sostëgne che Hamas a no l’agge ciù o contròllo da Striscia e o l’à annonçiou d’avei piggiou o pòrto e o parlamento. I aggiutti umanitäi fan sempre ciù giamin à arrivâ pe-a mancansa de carburante. Ancon ninte da fâ in sciâ trattativa pe-a liberaçion di 239 ostaggi fæti prexonê a-i 7 d’ottobre: dòppo 40 giorni, quande l’inteisa a paiva vexiña, Hamas a l’à tiou sciù o prexo e Isræle o l’à refuou.

Traduçion italiaña

Guerra Israele-Hamas, l’Onu vuole un’inchiesta internazionale su Gaza

L’Onu ha chiesto un’inchiesta internazionale sulle violazioni di guerra di Israele nella Striscia di Gaza e intanto il presidente Netanyahu ha ammesso che non si riescono a ridurre le vittime civili, dando la colpa a Hamas. Battaglia all’ospedale al-Shifa della città palestinese dove si pensa che ci sia il comando principale della fazione islamica. Israele sostiene che Hamas non abbia più il controllo della Striscia e ha annunciato di aver preso il porto e il parlamento. Gli aiuti umanitari fanno sempre più fatica ad arrivare per la mancanza di carburante. Ancora nulla di fatto sulla trattativa per la liberazione di 239 ostaggi fatti prigionieri il 7 ottobre: dopo 40 giorni, quando l’intesa sembrava vicina, Hamas ha alzato la posta e Israele ha rifiutato.

O Biden: «Xi o l’é un dittatô», America e Ciña torna a-e curte

Dòppo e preuve d’avvexinamento torna a tenscion tra Stati Unii e Ciña. O prescidente american Joe Biden, into responde à unna domanda a-a fin de un incontro co-o Xi Jinping à San Francisco, o l’à definio «un dittatô, into senso ch’o l’é quello ch’o l’é a-a guidda de un Paise communista». Un commento ch’o no l’é piaxuo ninte à Pechin. A pòrtavoxe do ministëio de l’Estranxeo cineise Mao Ning a l’à dito che «sto tipo de descorso o l’é unna manipolaçion politica inresponsabile a-a quæ a Ciña a s’oppoñe con fermessa» e a l’à azzonto che «gh’é delongo de persoñe con di atri fin che çercan de mette de rouxie, e anche sto chì o no ghe riëscià».

Traduçion italiaña

Biden: «Xi è un dittatore», America e Cina di nuovo ai ferri corti

Dopo le prove di avvicinamento torna la tensione tra Stati Uniti e Cina. Il presidente americano Joe Biden, rispondendo a una domanda alla fine di un incontro con Xi Jinping a San Francisco, lo ha definito «un dittatore, nel senso che è colui che è alla guida di un Paese comunista». Un commento che non è affatto piaciuto a Pechino. La portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha detto che «questo tipo di discorso è una manipolazione politica irresponsabile alla quale la Cina si oppone con fermezza» e ha aggiunto che «ci sono sempre persone con altri fini che cercano di seminare discordia, e anche in questo non avranno successo».

Gran Bretagna, ascadi pe-o Sunak: a Corte a refua o cian pe-i migranti

Anche in Gran Bretagna scceuppa un caxo migranti. A Corte supremma do Regno Unio a l’à deciarou inlegale o cian Ruanda misso sciù da-o primmo ministro Sunak, a streita in scî arrivi inregolari ch’a prevedde de mandâ in Africa chi domanda a proteçion internaçionale. Oua o premier conservatô o veu «unna lezze d’emergensa pe affermâ che o Ruanda o l’é un Paise terso seguo» e o dixe che «a Corte europea di driti de l’òmmo a no fermiâ i xeui». Quarche giorno avanti o Sunak o l’aiva dovuo formalizzâ o rimpasto de governo scorrindo a Suella Braveman, esponente da drita Tory, e reciammando à sorpreisa o passou primmo ministro David Cameron, nominou ministro de l’Estranxeo.

Traduçion italiaña

Gran Bretagna, guai per Sunak: la Corte respinge il piano migranti

Anche in Gran Bretagna scoppia un caso migranti. La Corte suprema del Regno Unito ha dichiarato illegale il piano Ruanda organizzato dal primo ministro Sunak, la stretta sugli arrivi irregolari che prevede di mandare in Africa i richiedenti asilo. Ora il premier conservatore vuole «una legge d’emergenza per affermare che il Ruanda è un Paese terzo sicuro» e dice che «la Corte europea dei diritti dell’uomo non fermerà i voli». Qualche giorno prima Sunak aveva dovuto formalizzare il rimpasto di governo cacciando Suella Braveman, esponente della destra Tory, e richiamando a sorpresa l’ex primo ministro David Cameron, nominato ministro degli Esteri.