O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Assòlto o baccan di Bagni Liggia, o l’aiva insou a battaggia in sciâ Bolkestein

O l’é stæto assòlto in primmo graddo o Claudio Galli, baccan di Bagni Liggia de Quarto ch’o l’ea accaxonou d’occupaçion abuxiva de demanio pubrico. Da quello stabilimento, sexio do 2018, l’ea partio a guæra giudiçiäia à livello naçionale in scê conçescioin da mæña e in sciâ direttiva europea Bolkestein ch’a l’imponieiva de dâle con de cæghe pubriche. Segondo o pm Cotugno o Galli o no l’aiva nisciun titolo pe gestî o stabilimento, ma pe-o giudiçe «o fæto o no l’é un crimine». I fæti ean comensæ da unna rattella tra di privæ pe unna miagetta abbattua, dapeu a costion a l’é vegnua d’importansa penale. A Procua a l’aiva assegnou o stabilimento a-o Commun perché o ciammesse a cæga, ma apreuvo a-a prononçia do Tar l’amministraçion a l’à consegnou torna i bagni a-o baccan.

Traduçion italiaña

Assolto il titolare dei Bagni Liggia, aveva iniziato la battaglia sulla Bolkestein

È stato assolto in primo grado Claudio Galli, titolare dei Bagni Liggia di Quarto che era accusato di occupazione abusiva di demanio pubblico. Da quello stabilimento, sequestrato nel 2018, era partita la guerra giudiziaria a livello nazionale sulle concessioni marittime e sulla direttiva Bolkestein che imporrebbe di rilasciarle con gare pubbliche. Secondo il pm Cotugno Galli non aveva nessun titolo per gestire lo stabilimento, ma per il giudice «il fatto non costituisce reato». La vicenda era iniziata da un contenzioso tra privati per un muretto abbattuto, poi la questione ha assunto rilievo penale. La Procura aveva assegnato o stabilimento al Comune perché lo mettesse a gara, ma dopo la pronuncia del Tar l’amministrazione ha riconsegnato i bagni al titolare.

L’architetto Amirfeiz arrestou pe-o fallimento de l’Aspera

L’architetto e imprenditô Alex Amirfeiz, amministratô delegou de l’açienda Aspera ch’a l’aiva cuou o repiggio de unna parte do Colosseo, o l’é stæto arrestou da-a Guardia di finansa pe-o fallimento da soçietæ, decrettou do 2019. L’accaxonamento prinçipâ o l’é de bancarotta de sfrouxo. O Amirfeiz o l’ea stæto o brasso drito do Sandro Biasotti quand’o l’ea o prescidente da Region e o l’aiva avuo ascì di ligammi co-o Gregorio Fogliani, accaxonou pe-o fallimento da Qui!Group. Pe-i investigatoî o l’avieiva «straggiou de maniman o patrimònio de l’Aspera pe inricchîse lê mæximo», un comportamento che i atri amministratoî da soçietæ, segondo i papê acquixii da-a Guardia di finansa, conosceivan ben ma in sciô quæ an sempre taxuo.

Traduçion italiaña

L’architetto Amirfeiz arrestato per il fallimento di Aspera

L’architetto e imprenditore Alex Amirfeiz, amministratore delegato dell’azienda Aspera che aveva curato il restauro di una parte del Colosseo, è stato arrestato dalla Guardia di finanza per il fallimento della società, decretato nel 2019. L’accusa principale è di bancarotta fraudolenta. Amirfeiz era stato il braccio destro di Sandro Biasotti quando era presidente della Regione e aveva avuto anche legami con Gregorio Fogliani, accusato per il fallimento di Qui!Group. Per gli investigatori avrebbe «svuotato gradualmente il patrimonio di Aspera per arricchire sé stesso», un comportamento che gli altri amministratori della società, secondo i documenti acquisiti dalla Guardia di finanza, conoscevano bene ma sul quale hanno sempre taciuto.

Neuva diga de Zena, scì definitivo a-a construçion di cascioin à Voæ

L’é arrivou a luxe verde finale in sciâ construçion di cascioin pe-a neuva diga do pòrto de Zena à Voæ, vexin à Saña. A conferensa di serviçi a s’é serrâ con l’autorizzaçion pe tiâ sciù a fabrica donde se mettià insemme i blòcchi che componian a neuva proteçion à 800 metri da-a riva. Inte unna primma fase se construià çinque cascioin no ciù erti de 22 metri che servian à avvardâ da-e onde o stabilimento in mâ. O stramuo à Voæ o l’ea stæto deçiso dòppo e proteste di rescidenti de Pra, into Ponente de Zena, donde in prinçipio se preveddeiva de fâ tutti i cascioin da diga, de struttue erte fin à 34 metri, saieiva à dî comme di palaçi.

Traduçion italiaña

Nuova diga di Genova, sì definitivo alla costruzione dei cassoni a Vado

È arrivato il via libera finale sulla costruzione dei cassoni per la nuova diga del porto di Genova a Vado, vicino a Savona. La conferenza dei servizi si è chiusa con l’autorizzazione per realizzare la fabbrica in cui si assembleranno i blocchi che comporranno la nuova protezione a 800 metri dalla costa. In una prima fase si costruiranno cinque cassoni non più alti di 22 metri che serviranno a proteggere dalle onde lo stabilimento in mare. Il trasloco a Vado era stato deciso dopo le proteste dei residenti di Pra’, nel Ponente di Genova, dove in origine si prevedeva di fare tutti i cassoni della diga, strutture alte fino a 34 metri, in pratica come dei palazzi.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

A Giulia Cecchettin mòrta pe mancansa de sangue, o Turetta o responde a-e domande: «Veuggio pagâ»

A Giulia Cecchettin, a figgia di 22 anni ammassâ da-o passou galante Filippo Turetta in Veneto, a l’é mòrta pe mancansa de sangue apreuvo a-e cotellæ. O l’é l’exito de l’autopscia fæta inte l’universcitæ de Padova. Intanto o zoeno o l’à ammisso l’assascinio: «Veuggio pagâ quello ch’o saià giusto», o l’à dito avanti de responde à l’interrogatöio duou pe neuv’oe. I investigatoî travaggian pe capî se contestâ a premeditaçion e se a Cecchettin a l’ea ancon viva quand’a l’é stæta carregâ in machina dòppo l’aggrescion. Intanto l’é sciortio feua di atri messaggi vocali donde se capisce che o Turetta o voeiva allontanâ a galante anche da-e seu amighe e ch’o l’ea gioso e possescivo, ascì dòppo finio a relaçion.

Traduçion italiaña

Giulia Cecchettin morta dissanguata, Turetta risponde alle domande: «Voglio pagare»

Giulia Cecchettin, la ragazza di 22 anni uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta in Veneto, è morta dissanguata a causa delle coltellate. È l’esito dell’autopsia eseguita nell’università di Padova. Intanto il giovane ha ammesso l’omicidio: «Voglio pagare quello che sarà giusto», ha detto prima di rispondere all’interrogatorio durato nove ore. Gli investigatori lavorano per capire se contestare la premeditazione e se Cecchettin fosse ancora viva quando è stata caricata in macchina dopo l’aggressione. Intanto sono emersi altri messaggi vocali da cui si evince che Turetta voleva allontanare la fidanzata anche dalle sue amiche e che era geloso e possessivo, anche dopo la fine della relazione.

Neuvo scontro Governo-magistratua, o Crosetto: «Çerti interventi son graviscimi»

Torna rouxie tra o governo Meloni e a magistratua. À açende a miccia o ministro da Defeisa Guido Crosetto che inte unn’intervista o l’à parlou de unna «oppoxiçion giudiçiäia» ch’a l’à delongo «mandou à fondo i governi de çentro-drita». «Unna notiçia fäsa ch’a fa do mâ a-e instituçioin», a replica de l’Anm. O ministro Nordio a-o plenum do Csm o l’à ammermou o feugo: «A Constituçion a peu cangiâ, ma i pm no saian mai sotta o governo». E in sciâ fin o Crosetto o l’à parlou a-a Camia: «Contra de mi un ploton, no ò mai dito che me contan d’incontri segretti ò traghetti, ma daggo conto de çerti interventi pubrichi che mi tëgno pe graviscimi in sciâ costion da giustiçia». Intanto o Conseggio di ministri o l’à approvou doî decreti pe portâ avanti a reforma da giustiçia e se parla de preuve pscico-attitudinale pe intrâ inta magistratua.

Traduçion italiaña

Nuovo scontro Governo-magistratura, Crosetto: «Certi interventi sono gravissimi»

Ancora screzi tra il governo Meloni e la magistratura. Ad accendere la miccia il ministro della Difesa Guido Crosetto che in un’intervista ha parlato di una «opposizione giudiziaria» che ha sempre «affossato i governi di centro-destra». «Una notizia falsa che fa male alle istituzioni», la replica dell’Anm. Il ministro Nordio al plenum del Csm ha buttato acqua sul fuoco: «La Costituzione può cambiare, ma i pm non saranno mai sotto il governo». E alla fine Crosetto ha parlato alla Camera: «Contro de me un plotone, non ho mai detto che mi raccontano di incontri segreti o cospirazioni, ma do lettura di certi interventi pubblici che considero gravissimi sulla questione giustizia». Intanto il Consiglio dei ministri ha approvato due decreti per portare avanti la riforma della giustizia e si parla di test psico-attitudinali per entrare in magistratura.

Energia, l’Euröpa a mette l’urtima poula: o mercou avvardou o no peu anâ avanti

Nisciuña estenscion pe-o mercou avvardou de l’energia. À asmortâ e smangiaxoin da Lega e de l’oppoxiçion gh’à pensou l’Union Europea. A liberalizzaçion pe graddi o l’é un obiettivo che l’Italia mæxima a l’à misso drento a-o Pnrr e pe de ciù o l’é scrito inta tersa raçion da 18,5 miliardi za missa in pagamento. Donca e tariffe in bolletta fissæ da-o Stato finian a-i 10 de zenâ do 2024 pe-a luxe e a-o 1° d’arvî pe-o gazzo, comme vegniva feua da-o decreto approvou da-o Conseggio di ministri. Un argomento ch’o l’à averto un neuvo scontro politico. «Fermâ a Meloni in scê bollette», a l’à commentou a segrettäia do Pd Elly Schlein. O cappo da Lega Matteo Salvini o sperava de remediâ à «un errô che se semmo attrovæ in sciâ töa». Ma o Antonio Tajani de Forza Italia o l’é d’accòrdio: «O faià chinâ i prexi».

Traduçion italiaña

Energia, l’Europa mette l’ultima parola: il mercato tutelato non può continuare

Nessuna proroga per il mercato tutelato dell’energia. A spegnere le brame della Lega e dell’opposizione ci ha pensato l’Unione Europea. La liberalizzazione graduale è un obiettivo che l’Italia stessa ha incluso nel Pnrr e per giunta è scritto nella terza rata da 18,5 miliardi già messa in pagamento. Quindi le tariffe in bolletta fissate dallo Stato finiranno i 10 gennaio 2024 per l’energia elettrica e il 1° aprile per il gas, come risultava dal decreto approvato dal Consiglio dei ministri. Un argomento che ha aperto un nuovo scontro politico. «Fermare Meloni sulle bollette», ha commentato la segretaria del Pd Elly Schlein. Il leader della Lega Matteo Salvini sperava di rimediare a «un errore che ci siamo trovati sul tavolo». Ma Antonio Tajani di Forza Italia è d’accordo: «Farà scendere i prezzi».

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra Isræle-Hamas, a tregua a l’é finia: se torna à combatte

L’é repiggiou i combattimenti inta Striscia de Gazza dòppo a fin da tregua tra Isræle e Hamas pe consentî o scangio di prexonê, za esteisa de quarche giorno. A pösa da-e arme a l’ea stæta rotta primma da un attentato à Gerusalemme revendicou da-i islamisti e dapeu da un furgao tiou da Gazza e interçettou da-o scistema de defeisa, ascì che Hamas a s’ea dita pronta à scangiâ tutti i sordatti isrælien pe-i palestineixi detegnui. Intanto o New York Times o l’à desvellou che Isræle o l’ea à conoscensa do cian de Hamas za un anno avanti de l’attacco di 7 d’ottobre, ma ch’o ô tegniva pe tròppo diffiçile da realizzâ. Ascì sotta e bombe e co-o conto di mòrti ch’o l’à repiggiou à montâ, e trattative no s’afferman.

Traduçion italiaña

Guerra Israele-Hamas, la tregua è finita: si torna a combattere

Sono ripresi i combattimenti nella Striscia di Gaza dopo la fine della tregua tra Israele e Hamas per consentire lo scambio dei prigionieri, già prorogata di qualche giorno. Lo stop alle armi era già stato rotto prima da un attentato a Gerusalemme rivendicato dagli islamisti e poi da un razzo lanciato da Gaza e intercettato dal sistema di difesa, nonostante Hamas si fosse detta pronta a scambiare tutti i soldati israeliani per i palestinesi detenuti. Intanto il New York Times ha svelato che Israele era a conoscenza del piano di Hamas già un anno prima dell’attacco del 7 ottobre, ma che lo riteneva troppo difficile da realizzare. Anche sotto le bombe e con la conta dei morti che ha ripreso a salire, le trattative non si fermano.

Cresce e pormonite inti figgeu in Ciña e in Euröpa, pe l’Oms nisciun allarme

À quattro anni da-o scceuppo do Covid o mondo o l’é in pensceo pe-o montâ de pormonite inti figgeu in Ciña e no solo. Perché inte urtime settemañe se registra ben ben de caxi in ciù in relaçion a-i anni passæ in Fransa, inti Paixi Basci e in Vietnam, ascì che pe-i esperti ste notiçie porrieivan no avei ninte da fâ uña con l’atra. Da-a Ciña manca delongo i dæti, ma pe l’Organizzaçion mondiale da sanitæ a crescita complesciva de infeçioin respiatöie a l’é dovua à tanti agenti patògeni, compreiso l’influensa. Intanto da-a Cambögia arriva a notiçia de un atro caxo d’influensa di öxelli inte l’òmmo, tanto che in Gran Bretagna gh’é stæto a primma diagnoxi d’influensa di pòrchi in sce un uman.

Traduçion italiaña

Aumentano le polmoniti nei bambini in Cina e in Europa, per l’Oms nessun allarme

A quattro anni dall’esplosione del Covid il mondo è preoccupato per l’aumento delle polmoniti nei bambini in Cina e non solo. Perché nelle ultime settimane si registrano molti casi in più rispetto agli anni scorsi in Francia, nei Paesi Bassi e in Vietnam, anche se per gli esperti queste notizie potrebbero essere slegate tra loro. Dalla Cina mancano sempre i dati, ma per l’Organizzazione mondiale della sanità la crescita complessiva delle infezioni respiratorie è dovuta a molti agenti patogeni, compresa l’influenza. Intanto dalla Cambogia arriva la notizia di un altro caso di influenza aviaria nell’uomo, mentre in Gran Bretagna c’è stata la prima diagnosi d’influenza suina su un essere umano.

Mòrto o passou segrettäio de Stato american Henry Kissinger, o l’aiva 100 anni

O l’é mòrto de 100 anni o Henry Kissinger, passou segrettäio de Stato american, un di personaggi ciù controversci da stöia do Neuveçento. Tegnuo da çertidun pe un genio da diplomaçia, o l’ea stæto ben ben criticou pe l’invaxon da Cambögia, l’arrembo a-o golpe do Pinochet in Cile, a seu relaçion co-o Mao Zedong. In sciâ guæra tra Isræle e Hamas o no l’é mai intervegnuo, sciben ch’o l’é stæto un di protagonisti da guæra do Yom Kippur. Tra i seu urtimi impegni pubrichi un incontro à Washington à cà de l’ambasciatoa italiaña co-a prescidente Giorgia Meloni a stæ passâ.

Traduçion italiaña

Morto l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, aveva 100 anni

È morto a 100 anni Henry Kissinger, ex segretario di Stato americano, uno dei personaggi più controversi della storia del Novecento. Ritenuto da alcuni un genio della diplomazia, è stato molto criticato per l’invasione della Cambogia, l’appoggio al golpe di Pinochet in Cile, il suo rapporto con Mao Zedong. Sulla guerra tra Israele e Hamas non è mai intervenuto, sebbene fosse stato uno dei protagonisti della guerra dello Yom Kippur. Tra i suoi ultimi impegni pubblici un incontro a Washington a casa dell’ambasciatrice italiana con la presidente Giorgia Meloni l’estate scorsa.