O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Dònna ammassâ inte un abergo do Spezzin, fermou o maio

Unna dònna de 53 anni, a Rossella Cominotti, rescidente into Cremoneise, a l’é stæta ammassâ inte un abergo de Mattaraña, fraçion de Carreu into Spezzin. O còrpo sensa vitta o l’é stæto attrovou inte unna stançia a-a mattin di 8 de dexembre. Da lì à quarche oa i carabinê an fermou o maio, o Alfredo Zenucchi de 57 anni, originäio do Bergamasco. I doî gestivan unna buttega da giornali inte un paise vexin à Cremoña, ma da-i 29 de novembre ean sparii, sensa fâse trovâ manco a-o telefono. Segondo çertidun a seu attivitæ a gh’aiva di problemi econòmichi. Da-i primmi açertamenti a Cominotti a saieiva mòrta pe unn’emorragia caxonâ da un fòrte corpo ò da-a feria de unn’arma da taggio.

Traduçion italiaña

Donna uccisa in un albergo dello Spezzino, fermato il marito

Una donna di 53 anni, Rossella Cominotti, residente nel Cremonese, è stata uccisa in un albergo di Mattara, frazione di Carrodano nello Spezzino. Il corpo senza vita è stato ritrovato in una stanza il mattino dell’8 dicembre. Dopo qualche ora i carabinieri hanno fermato il marito, il 57enne Alfredo Zenucchi, originario del Bergamasco. I due gestivano un’edicola in un paese vicino a Cremona, ma dal 29 novembre erano scomparsi, senza farsi trovare nemmeno al telefono. Secondo alcuni la loro attività aveva problemi economici. Dai primi accertamenti Cominotti sarebbe morta per un’emorragia provocata da un forte trauma o da una ferita da arma da taglio.

Dinæ pe-o sacräio Rsi, polemica in Commun à Zena

«Repiggio do sacräio in commemoraçion di cheiti da Repubrica Soçiale Italiaña». A l’é a frase, ligâ à un finançiamento de 1 mion e 750mia euro, attrovâ scrita inti papê di conti de previxon do Commun de Zena che inte sti giorni passan à l’examme do Conseggio pe l’approvaçion a-a fin de l’anno. O caxo, denonçiou da-o Partio Democratico, o l’à fæto scciuppâ a polemica in çittæ. Un cöo d’angoscia e indignaçion o s’é levou da tutta l’oppoxiçion, da l’Anpi e da-a Cgil. O viçescindico e assessô ai Travaggi pubrichi Pietro Piciocchi o l’à provou à mettighe unna pessa: «I loei an da fâ con tutto o scito à Staggen, gh’é stæto un errô, Zena a l’é antifascista fòrte». In sciâ fin tutte e fòrse politiche an scompartio un ordine do giorno ch’o l’impegna a zonta à levâ a referensa a-o «sacräio» e o scindico Marco Bucci ascì o l’à votou de scì. «No sò ninte, sciben che tutti dixan che a corpa a l’é a mæ», o l’à commentou avanti da riunion. I dinæ in discuscion se dovian spende pe rinforsâ o miagion ch’o reze o reparto isrælitico do çemetëio.

Traduçion italiaña

Fondi per il sacrario Rsi, polemica in Comune a Genova

«Restauro del sacrario in commemorazione dei caduti della Repubblica Sociale Italiana». È la frase, legata a un finanziamento da 1 milione e 750mila euro, trovata scritta nei documenti del bilancio previsionale del Comune di Genova che in questi giorni passano all’esame del Consiglio per l’approvazione a fine anno. Il caso, denunciato dal Partito Democratico, ha fatto esplodere la polemica in città. Un coro di disgusto e indignazione si è sollevato da tutta l’opposizione, Anpi e Cgil. Il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi ha provato a rimediare: «I lavori riguardano tutta l’area a Staglieno, c’è stato un fraintendimento, Genova è fortemente antifascista». Alla fine tutte le forze politiche hanno condiviso un ordine del giorno che impegna la giunta a eliminare il riferimento al «sacrario» e anche il sindaco Marco Bucci ha votato a favore. «Non so niente, anche se tutti dicono che è colpa mia», ha commentato prima della seduta. I soldi in discussione dovranno essere spesi per rinforzare il muraglione che regge il reparto israelitico del cimitero.

Qualitæ da vitta, Zena a preçipita in clascifica ma tutta a Liguria a va pezo

Zena a finisce a-o 47eximo pòsto inta clascifica da qualitæ da vitta de Il Sole 24 Ore, o pezo andamento tra e aree metropolitañe italiañe. Un sato à l’inderê de 20 poxiçioin, ma no va megio manco pe-e atre provinse da Liguria. A capitale a l’é penalizzâ da-i indicatoî Giustiçia e seguessa (86eximo pòsto) e Ricchessa e consummi (55eximo). Se chiña anche pe-o travaggio e a demografia, tutti doî a-o 36eximo pòsto, e l’inflaçion a se conferma a ciù erta do Paise. Impëia a l’é l’urtima da region à l’81eximo pòsto, ascì ch’a l’à o meglio climma d’Italia, ma in ponto seguessa a l’é uña de ciù pezo. Saña a perde sëi poxiçioin e a finisce 59exima, a Spezza a chiña de neuve e a s’afferma un pittin de d’ato, 57exima.

Traduçion italiaña

Qualità della vita, Genova precipita in classifica ma tutta la Liguria peggiora

Genova finisce al 47esimo posto nella classifica della qualità della vita de Il Sole 24 Ore, il peggior andamento tra le aree metropolitane italiane. Un salto all’indietro di 20 posizioni, ma non va meglio nemmeno per le altre province della Liguria. Il capoluogo è penalizzato dagli indicatori Giustizia e sicurezza (86esimo posto) e Ricchezza e consumi (55esimo). Si scende anche per il lavoro e la demografia, entrambi al 36esimo posto, e l’inflazione si conferma la più alta del Paese. Imperia è l’ultima della regione all’81esimo posto, anche se ha il clima migliore d’Italia, ma in tema di sicurezza è una delle peggiori. Savona perde sei posizioni e finisce 59esima, La Spezia cala di nove e si attesta poco sopra, 57esima.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Inte 10mia à Padova pe l’urtimo saluo a-a Giulia Cecchettin

Dexemia persoñe an parteçipou à Padova a-o morteuio da Giulia Cecchettin, a figgia ammassâ da-o passou galante Filippo Turetta à 22 anni. «Che a seu memöia a ne consegge de travaggiâ insemme contra a violensa, che a seu mòrte a ne sponce a cangiâ», o l’à dito o poæ Gino Cecchettin. Tantiscimi i zoeni in gexa e in sciâ ciassa pe saluâ a cascia gianca con cioccâghe de moen, ma anche con di sbraggi e di sunaggin pe «fâ do sciato» comm’a l’aiva domandou a seu Elena. «A varsciua e o rispetto da vitta van affermæ torna con determinaçion», o messaggio do prescidente da Repubrica Sergio Mattarella. Intanto l’é vegnuo feua che o Turetta o l’ea anæto pe çinque vòtte da un pscicòlogo pe parlâ di seu problemi. A-a meitæ de dexembre a seu machina a saià in Italia: l’analixi da röba che gh’é à bòrdo a porrieiva vegnî fondamentale pe-a contestaçion da premeditaçion.

Traduçion italiaña

In 10mila a Padova per l’ultimo saluto a Giulia Cecchettin

Diecimila persone hanno partecipato a Padova al funerale di Giulia Cecchettin, la ragazza uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta a 22 anni. «Che la sua memoria ci ispiri a lavorare insieme contro la violenza, che la sua morte ci spinga a cambiare», ha detto il padre Gino Cecchettin. Tantissimi i giovani in chiesa e sulla piazza per salutare la bara bianca con applausi, ma anche urla e campanelli per «fare rumore» come aveva chiesto la sorella Elena. «Il valore e il rispetto della vita vanno riaffermati con determinazione», il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Intanto è emerso che Turetta era andato per cinque volte da uno psicologo per parlare dei suoi problemi. A metà dicembre la sua auto sarà in Italia: l’analisi degli oggetti presenti a bordo potrebbe risultare fondamentale per la contestazione della premeditazione.

L’Euröpa a l’appreuva a revixon do Pnrr, urtimo scontro in sciô saläio minimo

O Conseggio d’economia e finansa de l’Union Europea o l’à dæto a luxe verde a-a revixon do Pnrr de 13 Paixi tra i quæ l’Italia. Donca l’approvaçion a l’é definitiva. Va avanti intanto a trattativa in sciâ reforma do patto de stabilitæ e fito porrieiva arrivâ anche a ratifica de l’Italia in sciô Mes, o mecaniximo europeo de stabilitæ, un di argomenti ciù spinoxi pe-a maggioransa de governo. Badaluffa in parlamento in sciô saläio minimo: con l’approvaçion da lezze delega s’é mandou à muggio a propòsta de l’oppoxiçion. «Un giorno triste», pe-a segrettäia do Pd Elly Schlein. O Giuseppe Conte, o prescidente do M5s, o l’à destreppou o testo in sala. «Pe dex’anni a-o governo no gh’é vegnuo in cheu de fâlo», a respòsta da prescidente Giorgia Meloni. Intanto a maneuvra a l’arrivià in Senato a-i 18 de dexembre con di emendamenti do governo.

Traduçion italiaña

L’Europa approva la revisione del Pnrr, ultimo scontro sul salario minimo

Il Consiglio di economia e finanza dell’Unione Europea ha dato il via libera alla revisione del Pnrr di 13 Paesi tra cui l’Italia. Quindi l’approvazione è definitiva. Continua intanto la trattativa sulla riforma del patto di stabilità e presto potrebbe arrivare anche la ratifica dell’Italia sul Mes, il meccanismo europeo di stabilità, uno dei temi più spinosi per la maggioranza di governo. Bagarre in parlamento sul salario minimo: con l’approvazione della legge delega è stata affossata la proposta dell’opposizione. «Un giorno triste» per la segretaria del Pd Elly Schlein. Giuseppe Conte, presidente del M5s, ha strappato il testo in aula. «Per dieci anni al governo non gli è venuto in mente di farlo», la risposta della presidente Giorgia Meloni. Intanto la manovra approderà in Senato il 18 dicembre con emendamenti del governo.

Sanremmo, presentou i 27 grendi ma sceuppa o caxo Le Sad

O Amadeus o l’à annonçiou i 27 grendi in regatta à l’ediçion intrante do Festival de Sanremmo, in scena da-i 6 de frevâ. Tra de loiatri gh’é i Negramaro, Annalisa, Fiorella Mannoia, Il Volo, Mahmood, Emma, i Ricchi e Poveri. A-a lista s’azzonzià i trei zoeni pe un totale de 30 parteçipanti. «Son liatri i vëi super-òspiti, i vëi protagonisti – o l’à dito o presentatô –. Ò reçevuo e son stæto à sentî 400 tòcchi e passa, çerne l’é delongo diffiçile, ma me prego de resegondâ i exiti de urtime ediçioin». Ma o festival o l’é za into mezo de polemiche perché tra i gruppi in regatta gh’é ascì i Le Sad, accaxonæ de propoñe di testi che çelebran a violensa in scê dònne. O Codacons o l’à domandou de taggiâli feua, o Fiorello o l’à asseguou a-a seu mainea: «O Amadeus o î tëgne in cà seu, o l’é apreuvo à fâghe fâ di corsci de catechiximo…».

Traduçion italiaña

Sanremo, presentati i 27 big ma scoppia il caso Le Sad

Amadeus ha annunciato i 27 big in gara alla prossima edizione del Festival di Sanremo, in scena dal 6 febbraio. Tra loro ci sono i Negramaro, Annalisa, Fiorella Mannoia, Il Volo, Mahmood, Emma, i Ricchi e Poveri. Alla lista si aggiungeranno i tre giovani per un totale di 30 partecipanti. «Sono loro i veri superospiti, i veri protagonisti – ha detto il presentatore –. Ho ricevuto e ascoltato oltre 400 brani, scegliere è sempre difficile, ma mi auguro di ripetere i risultati delle ultime edizioni». Ma il festival è già nel mezzo delle polemiche perché tra i gruppi in gara ci sono anche i Le Sad, accusati di proporre testi che esaltano la violenza sulle donne. Il Codacons ha chiesto di escluderli, Fiorello ha rassicurato a modo suo: «Amadeus li tiene in casa sua, gli sta facendo fare dei corsi di catechismo…».

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra Isræle-Hamas, attacco co-i cari armæ à Gazza: dexeñe de prexonê

Isræle à l’attacco co-i cari armæ inte tutta a Striscia de Gazza. I media an mandou in gio e imagine de dexeñe de prexonê assettæ in tæra e presentæ comme di «combattenti de Hamas che se son reixi tutti insemme à l’exerçito». Ma segondo i attivisti pe-i driti umoen saieivan incangio di çivili arrestæ abuxivamente inte doe scheue e tra de loiatri ghe saieiva ascì un giornalista. Pe l’Onu à Gazza «semmo arrivæ a-o ponto da-o quæ no se torna ciù inderê» e «a soçietæ a l’é in scî pissi de un deruo totale». I deslögiæ arrivan destruti a-o passo de Rafah, donde no gh’é manco di pòsti pe dormî. «Aniemo avanti fin a-a vittöia», o l’à dito o ministro da Defeisa d’Isræle Gallant. Da-i 7 d’ottobre e vittime son squæxi 16mia, di quæ o 70% son dònne e figgeu.

Traduçion italiaña

Guerra Israele-Hamas, attacco coi carri armati a Gaza: decine di prigionieri

Israele all’attacco coi carri armati in tutta la Striscia di Gaza. I media hanno diffuso le immagini di decine di prigionieri seduti a terra e presentati come «combattenti di Hamas che si sono arresi in massa all’esercito». Ma secondo gli attivisti per i diritti umani sarebbero invece civili arrestati arbitrariamente in due scuole e tra loro ci sarebbe anche un giornalista. Per l’Onu a Gaza «siamo arrivati al punto di non ritorno» e «la società è sull’orlo di un collasso totale». Gli sfollati arrivano sfiniti al varco di Rafah, dove non ci sono nemmeno posti per dormire. «Andremo avanti fino alla vittoria», ha detto il ministro della Difesa di Israele Gallant. Dal 7 ottobre le vittime sono quasi 16mila, di cui il 70% sono donne e bambini.

O Biden: «O Putin o l’attacchià l’Euröpa, doviemo intervegnî»

Se i aggiutti americhen no arrivian inti pròscimi giorni o saià un «regallo de Dënâ» a-o Putin ch’o no se fermià à Kiev ma o pontià a piggiâse l’Euröpa, co-a conseguensa che a-i Stati Unii ghe tocchià d’intervegnî pe defende i seu amixi. Coscì o prescidente Joe Biden o l’à avvertio da unna parte o Congresso e da l’atra a Ruscia, con fâ capî che Washington a l’é pronta à mette in campo i seu battaggioin in osservansa de l’articolo 5 da Nato. O Putin intanto o l’à annonçiou ch’o se candidià torna a-e eleçioin do 2024, da quello ch’à sentio i parteçipanti à unna çeimònia a-o Cremlin. O prescidente de l’Ucraina Volodymyr Zelensky a-o G7 o l’à dito che «a Ruscia a conta in sciô deruo de l’Occidente l’anno intrante» e o l’à contou che l’exerçito de Mosca o l’à tiou sciù a prescion in sciô fronte.

Traduçion italiaña

Biden: «Putin attaccherà l’Europa, dovremo intervenire»

Se gli aiuti americani non arriveranno nei prossimi giorni sarà un «regalo di Natale» a Putin che non si fermerà a Kiev ma punterà a prendersi l’Europa, con la conseguenza che gli Stati Uniti dovranno intervenire per difendere i loro alleati. Così il presidente Joe Biden ha avvertito da una parte il Congresso e dall’altra la Russia, facendo capire che Washington è pronta a schierare le sue truppe in osservanza dell’articolo 5 della Nato. Putin intanto ha annunciato che si ricandiderà alle elezioni del 2024, da quello che hanno sentito i partecipanti a una cerimonia al Cremlino. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky al G7 ha detto che «la Russia conta sul collasso dell’Occidente l’anno prossimo» e ha spiegato che l’esercito di Mosca ha aumentato la pressione sul fronte.

A Taylor Swift Persoña de l’Anno de Time, a l’é a primma cantante

A Taylor Swift a l’é a Persoña de l’Anno de Time «pe avei portou de l’allegria inte unna soçietæ ch’a n’à un beseugno despiou». A cantante americaña, primma esponente do mondo do spettacolo çernua inte squæxi çent’anni, a l’à battuo in finale i prescidenti da Ruscia Vladimir Putin e da Ciña Xi Jinping. A Swift, ch’a faià 34 anni de dexembre, a l’é a quarta Persoña de l’Anno nasciua inte l’urtimo mezo secolo. Segondo Time «o seu ròllo into spantegâ o soft power di Stati Unii o l’à avuo un peiso». Inte 17 anni da-o debutto a l’à produto ciù album da primmo pòsto in clascifica che quæsesegge atra cantante, a l’à impio i staddi e i cini e a l’à sponciou miggiæa de fan à registrâse pe-e eleçioin che vëgnan.

Traduçion italiaña

Taylor Swift Persona dell’Anno di Time, è la prima cantante

Taylor Swift è la Persona dell’Anno di Time «per aver portato gioia in una società che ne ha disperatamente bisogno». La cantante americana, prima esponente del mondo dello spettacolo scelta in quasi cent’anni, ha battuto in finale i presidenti della Russia Vladimir Putin e della Cina Xi Jinping. Swift, che compirà 34 anni a dicembre, è la quarta Persona dell’Anno nata nell’ultimo mezzo secolo. Secondo Time «il suo ruolo nel diffondere il soft power degli Stati Uniti ha avuto un peso». In 17 anni dal debutto ha prodotto più album da primo posto in classifica di qualunque altra cantante, ha riempito gli stadi e i cinema e ha spinto migliaia di fan a registrarsi per le prossime elezioni.