O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Dònna cheita da-o barcon à Sestri Ponente, o maio arrestou pe l’assascinio

Unn’atra dònna ammassâ, à Zena, davanti à seu figgio. L’é capitou a-i 7 de marso: a Sharmin Sultana, de 32 anni originäia do Bangladesh, a l’ea mòrta dòppo cheita da-o barcon à Sestri Ponente. In scê primme paiva ch’a se fïse cacciâ da pe lê. Ma apreuvo à di meixi d’investigaçioin i carabinê an arrestou o maio, o Ahmed Mustak, de 44 anni e do mæximo Paise. Un scenäio differente o l’é vegnuo feua da-o dissegno do ciù grande di doî figgi, un de 9 e l’atra de 7 anni. «O papà o l’à sbattuo a testa da mamà», o l’à contou, confermando d’aveila vista anâ zu da-o barcon. L’é vegnuo feua che l’òmmo o l’ea gioso e ossescivo, comme contava a mæxima vittima a-e seu amighe. I vexin î sentivan de spesso rattellâ e i figgeu cianzeivan. Oua son tutti doî inte unna struttua pe-i minoî. O Mustak o no l’à respòsto à l’interrogatöio ma à l’avvocata o l’à contou che seu moggê «a no cuava a cà e i figgi e a stava delongo a-o telefono».

Traduçion italiaña

Donna caduta dalla finestra a Sestri Ponente, il marito arrestato per l’omicidio

Un’altra donna uccisa, a Genova, davanti a suo figlio. È successo il 7 marzo: Sharmin Sultana, 32enne originaria del Bangladesh, era morta dopo essere caduta dalla finestra a Sestri Ponente. Inizialmente sembrava che si fosse buttata da sola. Ma dopo mesi di indagini i carabinieri hanno arrestato il marito, Ahmed Mustak, connazionale di 44 anni. Uno scenario differente è emerso dal disegno del più grande dei due figli, uno di 9 e l’altra di 7 anni. «Papà ha sbattuto la testa della mamma», ha raccontato, confermando di averla vista precipitare dalla finestra. È venuto fuori che l’uomo era geloso e ossessivo, come raccontava la vittima stessa alle sue amiche. I vicini li sentivano spesso litigare e i bambini piangevano. Ora sono entrambi in una struttura per minori. Mustak non ha risposto all’interrogatorio ma all’avvocata ha raccontato che sua moglie «non curava la casa e figli e stava sempre al telefono».

Funivia do Fòrte Begæ, a Sorvintendensa a domanda d’invexendâ o progetto

Brutta sorpreisa pe-o progetto da funivia che o Commun o veu construe tra-a Staçion Marittima e o Fòrte Begæ. A Sorvintendensa de Zena a l’à depoxitou o seu pai, ch’o l’é poxitivo, ma o domanda de cangiâ ben ben o progetto. In particolâ se ponta o dio contra l’ertessa, a forma e a poxiçion di pilloin, a cea de staçioin e a recheita in sciô patrimònio Unesco. Unna riga de prescriçioin assæ pesante che porrieivan dâ di gròsci problemi a-i tecnichi. A funivia a l’é finançiâ con 40 mioin d’into Pnrr e a dovià ëse finia do 2026. «Semmo contenti che a Sorvintendensa a n’agge dæto de indicaçion – o l’à commentou l’assessô Piciocchi – noiatri no voemo fâ solo unna funivia ma unn’euvia d’arte».

Traduçion italiaña

Funivia di Forte Begato, la Soprintendenza chiede di stravolgere il progetto

Brutta sorpresa per il progetto della funivia che il Comune vuole costruire tra la Stazione Marittima e Forte Begato. La Soprintendenza di Genova ha depositato il suo parere, che è positivo, ma chiede di cambiare notevolmente il progetto. In particolare si punta il dito contro l’altezza, la forma e la posizione dei piloni, l’aspetto delle stazioni e l’impatto sul patrimonio Unesco. Una serie di prescrizioni abbastanza pesanti che potrebbero dare grossi problemi ai tecnici. La funivia è finanziata con 40 milioni dal Pnrr e dovrà essere finita nel 2026. «Siamo contenti che la Soprintendenza ci abbia dato indicazioni – ha commentato l’assessore Piciocchi – noi non vogliamo fare solo una funivia ma un’opera d’arte».

L’occupaçion in Liguria a cresce ma i dependenti son ciù pöchi

Ciæo e scuo in sciô travaggio in Liguria. Segondo i dæti de l’Istat pe-o terso trimestre do 2023 i occupæ montan de 6mia unitæ à peto do 2022, l’1% in ciù. A desoccupaçion a chiña do 6%. Pe-o prescidente da Region Giovanni Toti son de «boñe notiçie» che «premian a politica ligure pe l’occupaçion». Però no gh’é solo da stâ contenti: comm’a l’à denonçiou a Cgil, o travaggio dependente o perde 10mia unitæ in sce l’anno passou, contra a tendensa naçionale. E a crescita de l’occupaçion a l’é ciù bassa che into Nord-Òvest. L’occupaçion feminiña a cresce 4 vòtte de meno che a media do Nord-Òvest e 6 vòtte de meno che a media italiaña.

Traduçion italiaña

L’occupazione in Liguria cresce ma i dipendenti sono meno

Luci e ombre sul lavoro in Liguria. Secondo i dati Istat per il terzo trimestre del 2023 gli occupati aumentano di 6mila unità rispetto al 2022, l’1% in più. La disoccupazione cala del 6%. Per il presidente della Regione Giovanni Toti sono «buone notizie» che «premiano la politica ligure per l’occupazione». Però non c’è solo da rallegrarsi: come ha denunciato la Cgil, il lavoro dipendente perde 10mila unità sull’anno scorso, contro la tendenza nazionale. E la crescita dell’occupazione è più bassa che nel Nord-Ovest. L’occupazione femminile cresce 4 volte meno della media del Nord Ovest e 6 volte meno della media italiana.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Suiçidio ascistio da-a sanitæ pubrica, à Trieste o primmo caxo in Italia

Primmo caxo de suiçidio ascistio in Italia co-o Serviçio sanitäio naçionale. Unna dònna triestiña de 55 anni ch’a pativa de scleroxi multipla progresciva, unna moutia da-a quæ no se peu tornâ inderê, a l’é mòrta à cà seu a-i 28 de novembre apreuvo a-a somministraçion autònoma de unna meixiña letale, a-a presensa de un mego. A diagnoxi a l’ea do 2010 e ormai a dependeiva areo da l’ascistensa. Da un anno in sà a domandava de poeise dâ a mòrte ascistia de seu voentæ. A l’ea anæta primma à l’Asl, ma a no l’aiva ottegnuo ninte, coscì a l’à fæto denonçia pe refuo d’atti d’offiçio e a s’é presentâ a-o tribunâ de Trieste ch’o l’à comandou de verifiche. In sciâ fin a commiscion medica a gh’à dæto raxon.

Traduçion italiaña

Suicidio assistito dalla sanità pubblica, a Trieste il primo caso in Italia

Primo caso di suicidio assistito in Italia col Servizio sanitario nazionale. Una donna triestina di 55 anni che soffriva di sclerosi multipla progressiva, una malattia irreversibile, è morta a casa sua il 28 novembre in seguito alla somministrazione autonoma di un farmaco letale, alla presenza di un medico. La diagnosi era del 2010 e ormai dipendeva completamente dall’assistenza. Da un anno chiedeva di potersi procurare la morte assistita di propria volontà. Era andata prima all’Asl, ma non aveva ottenuto nulla, così ha sporto denuncia per rifiuto di atti d’ufficio e si è presentata al tribunale di Trieste che ha ordinato verifiche. Alla fine la commissione medica le ha dato ragione.

O Pappa: «Ò za inandiou a mæ tomba e ò fæto semplificâ o morteuio».

«Ò za inandiou a mæ tomba in Santa Maria Maggiore». A l’é a revelaçion che o Pappa Françesco o l’à fæto inte unn’intervista con unna televixon mescicaña. «Quande arriva a vegiaia e i limiti beseugna indandiâse – o l’à dito o pontefiçe – pe questo ò incontrou o çeimoniê pe semplificâ o morteuio». O Bergoglio però o l’à dito che, ascì co-i seu problemi de sanitæ, o no l’à mai pensou de dimettise. O Ratzinger, o l’à azzonto, «o l’ea un òmmo grande e umio, che quand’o s’é accòrto di seu limiti o l’à avuo o cheu de dî basta». A deçixon de fâse assotterrâ donde gh’é za i pappi Pio V e Paolo V a l’é ligâ a-a devoçion pe-a Vergine Salus Populi Romani representâ inta Cappella Paoliña.

Traduçion italiaña

Il Papa: «Ho già preparato la mia tomba e ho fatto semplificare il funerale».

«Ho già preparato la mia tomba in Santa Maria Maggiore». È la rivelazione che Papa Francesco ha fatto in un’intervista con una televisione messicana. «Quando arrivano la vecchiaia e i limiti bisogna prepararsi – ha detto il pontefice – per questo ho incontrato il cerimoniere per semplificare il funerale». Bergoglio però ha detto che, nonostante i suoi problemi di salute, non ha mai pensato di dimettersi. Ratzinger, ha aggiunto, «era un uomo grande e umile, che quando si è accorto dei suoi limiti ha avuto il coraggio di dire basta». La decisione di farsi seppellire dove ci sono già i papi Pio V e Paolo V è legata alla devozione per la vergine Salus Populi Romani rappresentata nella Cappella Paolina.

Chiara Ferragni e Balocco, a battòsta de l’Antitrust in scî pandori pe-a reçerca

Unna bolletta da un mioin pe-e soçietæ ligæ a-a Chiara Ferragni e 420mia euro pe-i pandori da Balocco co-o marco de l’influencer. A l’é a deçixon de l’Antitrust ch’a l’arriva à squæxi un anno de distansa da-a campagna de l’industria di dôsci ch’a l’aiva misso in vendia unn’ediçion limitâ, o Pandoro Pink Christmas, pe sostegnî a reçerca e l’uspiâ Regiña Margaita de Turin. Segondo l’autoritæ se lasciava intende a-i consummatoî che avieivan contribuio à unna donaçion pe accattâ un neuvo machinäio, pe contra e soçietæ Fenice e TBS Crew an incasciou un mion e passa pe-a liçensa di marchi da Ferragni, sensa dâ ninte à l’uspiâ. A donaçion l’aiva za fæta a Balocco avanti, sensa dâ a mente a-i pandori vendui. «Me fa mâprô se quarchedun l’à capio mâ – a l’à deciarou l’influencer annonçiando ch’a faià recorso –. Mi e a mæ famiggia aniemo avanti a fâ do ben comm’emmo fæto delongo».

Traduçion italiaña

Chiara Ferragni e Balocco, stangata dell’Antitrust sui pandori per la ricerca

Una multa da un milione per le società legate a Chiara Ferragni e 420mila euro per i pandori della Balocco col marchio dell’influencer. È la decisione dell’Antitrust che arriva a quasi un anno di distanza dalla campagna dell’industria dolciaria che aveva messo in vendita un’edizione limitata, il Pandoro Pink Christmas, per sostenere la ricerca e l’ospedale Regina Margherita di Torino. Secondo l’autorità si lasciava intendere ai consumatori che avrebbero contribuito a una donazione per acquistare un nuovo macchinario, invece le società Fenice e TBS Crew hanno incassato oltre un milione per la licenza dei marchi di Ferragni, senza dare alcunché all’ospedale. La donazione l’aveva già fatta prima la Balocco, a prescindere dai pandori venduti. «Mi dispiace se qualcuno ha capito male – ha dichiarato l’influencer annunciando che farà ricorso –. Io e la mia famiglia continueremo a fare beneficenza come abbiamo sempre fato».

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra à Gazza, Isræle e Stati Unii sempre ciù a-e curte

«Isræle o l’é apreuvo a perde o sostëgno do mondo». À dîlo l’é stæto o prescidente american Joe Biden, accaxonando o seu pægio Benjamin Netanyahu de no voei «a soluçion à doî Stati». A guæra à Gazza contra Hamas a l’anià avanti «fin a-a vittöia, anche sensa o sostëgno do mondo», o l’à respòsto o prescidente isrælian con denegâ a poscibilitæ che l’Autoritæ naçionale palestineise a pòsse controllâ a Striscia inte l’avvegnî. E dapeu o l’à azzonto: «A guæra a saià longa, a no porrià duâ pe pöchi meixi. E in sciâ fin guägniemo». O ministro da Defeisa o se l’à piggiâ co-a Croxe Rossa in scî ostaggi: «Ògni giorno ch’o passa o l’é un fallimento». Intanto l’Onu a l’à approvou l’abbòsso ch’o ciamma un «fermæ o feugo umanitäio a-a spedia» pe-a «scituaçion catastròfica à Gazza».

Traduçion italiaña

Guerra a Gaza, Israele e Stati Uniti sempre più ai ferri corti

«Israele sta perdendo il sostegno del mondo». A dirlo è stato il presidente americano Joe Biden, accusando il suo omologo Benjamin Netanyahu di non volere «la soluzione a due Stati». La guerra a Gaza contro Hamas andrà avanti «fino alla vittoria, anche senza il sostegno del mondo», ha risposto il presidente israeliano negando la possibilità che l’Autorità nazionale palestinese possa controllare la Striscia in futuro. E poi ha aggiunto: «La guerra sarà lunga, non potrà durare pochi mesi. E alla fine vinceremo». Il ministro della Difesa se l’è presa con la Croce Rossa sugli ostaggi: «Ogni giorno che passa è un fallimento». Intanto l’Onu ha approvato la bozza che chiede un «cessate il fuoco umanitario subito», per la «situazione catastrofica a Gaza».

Scì a-e negoçiaçion pe l’intrâ de l’Ucraina inte l’Union Europea

O Conseggio europeo o l’à dæto a luxe verde pe-e negoçiaçion con l’Ucraina in vista de l’adexon à l’Union. In sciâ fin o primmo ministro ongareise Orban, ch’o l’aiva pòsto o veto in scê eçeçioin a-e regole pe l’allargamento, o l’à lasciou a riunion a-o momento de votâ e o l’à commentou: «Deçixon errâ, che vaggan avanti da soli». O Zelensky o s’é recillou: «Unna vittöia pe noiatri e pe tutta l’Euröpa». Pe-o prescidente ruscio Vladimir Putin «a paxe in Ucraina a ghe saià quande a Ruscia a saià arrivâ a-i seu obiettivi», òsæ a «denazificaçion» e a «demilitarizzaçion» do Paise. Pe-o segrettäio da Nato Jens Stoltenberg o Putin o s’inandia à unna guæra «longa e dua».

Traduçion italiaña

Sì ai negoziati per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea

Il Consiglio europeo ha dato il via libera ai negoziati con l’Ucraina in vista dell’adesione all’Unione. Alla fine il primo ministro ungherese Orban, che aveva posto il veto sulle eccezioni alle regole per l’allargamento, ha lasciato la riunione al momento di votare e ha commentato: «Decisione sbagliata, vadano avanti da soli». Zelensky ha esultato: «Una vittoria per noi e per tutta l’Europa». Per il presidente russo Vladimir Putin «la pace in Ucraina ci sarà quando la Russia avrà raggiunto i suoi obiettivi», ossia la «denazificazione» e la «demilitarizzazione» del Paese. Per il segretario della Nato Jens Stoltenberg Putin si prepara a una guerra «lunga e dura».

Ambiente, a-a Cop28 l’accòrdio «stòrico» in scî combustibili fòscili

Redue o consummo e a produçion de combustibili fòscili inte unna mainea «giusta» pe arrivâ à zero avanti ò d’in gio a-o 2050, comme arrecomanda a sciensa. Con st’accòrdio chì s’é serrou a Cop28, a conferensa in sciô climma de Naçioin Unie à Dubai. Unn’inteisa definia «stòrica» da ciù parte perché pe-a primma vòtta se parla ciæo de fòscile, sciben che into papê finale no se minsoña ciù a poula «sciortia». Cioccæ de moen da tutti i 198 delegæ. «E generaçioin che vëgnan ve ringraçian pe-a vòstra deçixon», o l’à commentou o prescidente da Cop28 Sultan Al Jaber.

Traduçion italiaña

Ambiente, alla Cop28 l’accordo «storico» sui combustibili fossili

Ridurre il consumo e la produzione di combustibili fossili in maniera «giusta» per arrivare a zero prima o intorno al 2050, come raccomanda la scienza. Con questo accordo si è chiusa la Cop28, la conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Dubai. Un’intesa definita «storica» da più parti perché per la prima volta si parla chiaramente di fossile, sebbene nel documento finale non si citi più la parola «uscita». Applausi da tutti i 198 delegati. «Le generazioni venture vi ringraziano per la vostra decisione», ha commentato il presidente della Cop28 Sultan Al Jaber.