O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Approvou a maneuvra da Region Liguria, arriva o pscicòlogo de base

Approvou in Conseggio regionale a maneuvra da Liguria, 7 miliardi e passa pe-o 2024. A votaçion finale a l’é arrivâ inte unna giornâ de desmuo pe-a mòrte a-a cheita do conseggê spezzin Sauro Manucci de Fratelli d’Italia, piggiou da un patî à Zena inta seiaña di 20 de dexembre. Ninte rattelle graçie à l’accòrdio in scî emendamenti trovou da-o prescidente Toti con tutta l’oppoxiçion, levou a Lista Sansa. Tra e novitæ gh’é l’asilo nio de badda pe-e famigge con un Isee sotta i 35mia euro, l’introduçion do pscicòlogo de base inte Asl e unna nòrma ch’a permettià a-i meghi da sanitæ pubrica de travaggiâ inte struttue privæ. O Toti o l’à promisso 50 mioin pe taggiâ e liste d’atteisa. Da-o 2024 i treni saian de badda pe tutti i studenti liguri sotta i 19 anni, compreiso quelli zeneixi, e fin a-i 26 anni se porrià pagâ l’abbonamento a-a meitæ do prexo.

Traduçion italiaña

Approvata la manovra della Regione Liguria, arriva lo psicologo di base

Approvata in Consiglio regionale la manovra della Liguria, oltre 7 miliardi per il 2024. La votazione finale è arrivata in una giornata di lutto per la morte improvvisa del consigliere spezzino Sauro Manucci di Fratelli d’Italia, colto da un malore a Genova nella serata del 20 dicembre. Niente liti grazie all’accordo sugli ammendamenti trovato dal presidente Toti con tutta l’opposizione, eccetto la Lista Sansa. Tra le novità ci sono l’asilo nido gratuito per le famiglie con un Isee sotto i 35mila euro, l’introduzione dello psicologo di base nelle Asl e una norma che permetterà ai medici della sanità pubblica di lavorare nelle strutture private. Toti ha promesso 50 milioni per tagliare le liste d’attesa. Dal 2024 i treni saranno gratuiti per tutti gli studenti liguri sotto i 19 anni, inclusi quelli genovesi, e fino ai 26 anni si potrà pagare l’abbonamento a metà prezzo.

Assascinou con unna freccia inti carroggi, i avvocati: «O no voeiva ammassâlo»

«O Evaristo Scalco o no voeiva ammassâ, ma solo che mette poia: pe questo o no se meita a prexon à vitta». A l’é a texi di avvocati che defendan o meistro d’ascia accaxonou d’avei ammassou con unna freccia o Javier Alfredo Miranda Romero de 41 anni, ch’o festezzava a nascion do seu figgin, l’anno passou inti carroggi da Maddæña. Pe l’artexan de 63 anni a pm a l’aiva domandou a peña mascima perché no gh’ea de dubbi ch’o voëse corpî l’òmmo, ma pe-i legali e cöse no staieivan coscì: «O l’é stæto un evento no vosciuo – dixan –. Dovemmo domandâse se sta persoña paxe, ch’a travaggia, a l’agge da moî in galea». A sentensa a l’é prevista pe-i 11 de zenâ.

Traduçion italiaña

Assassinato con una freccia in centro storico, gli avvocati: «Non voleva ucciderlo»

«Evaristo Scalco non voleva uccidere, ma solo spaventare: per questo non si merita l’ergastolo». È la tesi degli avvocati che difendono il maestro d’ascia accusato di avere ucciso con una freccia il 41enne Javier Alfredo Miranda Romero, che festeggiava la nascita di suo figlio, l’anno scorso nei vicoli della Maddalena. Per l’artigiano 63enne la pm aveva chiesto la massima pena perché non c’erano dubbi che volesse colpire l’uomo, ma per i legali le cose non starebbero così: «È stato un evento non voluto – dicono –. Dobbiamo domandarci se questa persona mite, lavoratrice, debba morire in carcere». La sentenza è prevista per l’11 gennaio.

Delitto Nada Cella, a Procua a veu o proçesso pe-a Cecere

A Procua de Zena a l’à domandou de mandâ à giudiçio a Annalucia Cecere, a dònna accaxonâ d’avei ammassou a-i 6 mazzo do 1996 a segrettaia Nada Cella into studio do commerçialista Marco Soracco a Ciavai. Pe lê ascì e pe-a moæ Marisa Bacchioni l’é stæto ciammou o proçesso. A Cerere a l’é indagâ pe ammassamento volontäio aggravou da-a crudelitæ e da raxoin de nisciun conto: a l’avieiva ammassou a Cella perché a voeiva piggiâ o seu pòsto in sciô travaggio e inta predileçion do Soracco. A-o commerçialista e à seu moæ se contesta e fäse deciaraçioin e a façilitaçion, perché avieivan mentio inti interrogatöi di meixi passæ.

Traduçion italiaña

Delitto Nada Cella, la Procura vuole il processo per Cecere

La Procura di Genova ha chiesto di rinviare a giudizio Annalucia Cecere, la donna accusata di avere ucciso il 6 maggio 1996 la segretaria Nada Cella nello studio del commercialista Marco Soracco a Chiavari. Anche per lui e per la madre Marisa Bacchioni è stato chiesto il processo. Cerere è indagata per omicidio volontario aggravato dalla crudeltà e dai futili motivi: avrebbe ucciso Cella perché voleva prendere il suo posto sul lavoro e nella predilezione di Soracco. Al commercialista e a sua madre si contestano le false dichiarazioni e il favoreggiamento, perché avrebbero mentito negli interrogatori dei mesi scorsi.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

A Camia a no l’appreuva o Mes, a maggioransa a se scciappa

A Camia a l’à bocciou a ratifica do Mes, o meccaniximo europeo de stabilitæ. Se scciappa a maggioransa: Fratelli d’Italia e Lega an votou de scì, Forza Italia a s’é astegnua. Ma ascì l’oppoxiçion a s’é spartia: Pd, Italia Viva, Azione e +Europa d’accòrdio, Verdi-Sinistra astegnui e i 5 Stelle contra. A motivaçion dæta da-i cappigruppo de maggioransa a l’é che e Camie no porrieivan controllâ e recheite in sciâ finansa pubrica. A propòsta a l’ea za stæta approvâ da atri 26 Paixi de l’Union Europea. L’é arrivou incangio l’inteisa in sciô patto de stabilitæ tra-i ministri de l’Economia europëi, compreiso l’Italia. «Emmo ottegnuo tanto, o l’é un accòrdio de bon sostegnî pe-o nòstro Paise», o l’à dito o ministro Giorgetti.

Traduçion italiaña

La Camera non approva il Mes, la maggioranza si spacca

La Camera ha bocciato la ratifica del Mes, il meccanismo europeo di stabilità. Si spacca la maggioranza: Fratelli d’Italia e Lega hanno votato a favore, Forza Italia si è astenuta. Ma anche l’opposizione si è divisa: Pd, Italia Viva, Azione e +Europa favorevoli, Verdi-Sinistra astenuti e i 5 Stelle contro. La motivazione data dai capigruppo di maggioranza è che le Camere non potrebbero controllare le ricadute sulla finanza pubblica. La proposta era stata approvata da altri 26 Paesi dell’Unione Europea. È arrivata invece l’intesa sul patto di stabilità tra i ministri dell’Economia europei, compresa l’Italia. «Abbiamo ottenuto molto, è un accordo sostenibile per il nostro Paese», ha detto il ministro Giorgetti.

Moæ de 27 anni ammassâ à cotellæ da l’òmmo ch’a l’aiva denonçiou pe stalking

Ennexima dònna ammassâ in Italia. A vittima a l’é a Vanessa Ballan, moæ de 27 anni, corpia con eutto cotellæ into peto davanti a-a pòrta de cà inte un paise do Veneto. A l’aiva un figgeu de quattro anni, che a-o momento de l’assascinio o l’ea à l’asilo, e a l’aspëtava o seu segondo figgio. À levâghe a vitta un òmmo de 41 anni, Bujar Fandaj, originäio do Kòssovo, ch’o sta inte un commun da arente e che a dònna a l’aiva za denonçiou pe stalking à ottobre. I carabinê an recuggeito di indiçi che no lascian di dubbi: inte un video registrou da-e telecamere de guardia se vedde un òmmo con di vestî comme quelli sexii a-o Fandaj che inta mattinâ di 19 de dexembre, o giorno do delitto, o scompassa a cioenda da villetta. Inta borsa gh’an trovou un cotello con unna lamma de 20 citti, lavou in parte.

Traduçion italiaña

Madre di 27 anni uccisa a coltellate dall’uomo che aveva denunciato per stalking

Ennesima donna uccisa in Italia. La vittima è Vanessa Ballan, madre di 27 anni, colpita con otto coltellate al torace davanti alla porta di casa in un paese del Veneto. Aveva un figlio di quattro anni, che al momento dell’omicidio era all’asilo, e aspettava il suo secondo figlio. A toglierle la vita un uomo di 41 anni, Bujar Fandaj, originario del Kosovo, che abita in un comune nei pressi e che la donna aveva già denunciato per stalking a ottobre. I carabinieri hanno raccolto indizi che non lasciano dubbi: in un video registrato dalle telecamere di sorveglianza si vede un uomo con abiti come quelli sequestrati a Fandaj che nella mattinata del 19 dicembre, il giorno del delitto, scavalca la recinzione della villetta. Nella borsa gli è stato trovato un coltello con una lama di 20 centimetri, parzialmente lavato.

Energia elettrica, o mercou avvardou o resciste fin à luggio

Se tramanda a-o 1° de luggio a fin do mercou avvardou de l’energia elettrica. O prescidente de l’Arera, l’autoritæ de regolaçion de l’energia, o l’à firmou a delibera ch’a postiçipa o termine fissou pe marso. «Unna notiçia poxitiva pe-i consummatoî – dixe l’Assoutenti – con 9 mioin e passa de famigge ch’avian doî meixi de ciù pe gödî do mercou avvardou». De atre assoçiaçioin domandan de prolongâ o regimme de proteçion segge pe-a luxe che pe-o gazzo, pe-o quæ o termine ancheu o l’é fissou a-o 1° de zenâ.

Traduçion italiaña

Energia elettrica, il mercato tutelato resiste fino a luglio

Slitta al 1° luglio la fine del mercato tutelato dell’energia elettrica. Il presidente di Arera, l’autorità di regolazione dell’energia, ha firmato una delibera che posticipa il termine fissato per marzo. «Una notizia positiva per i consumatori – dice Assoutenti – con oltre 9 milioni di famiglie che avranno due mesi in più per godere del mercato tutelato». Altre associazioni chiedono di prolungare il regime di protezione sia per la luce sia per il gas, per cui il termine oggi è fissato al 1° gennaio.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Terrô à Praga, zoeno o spara da l’universcitæ: 15 mòrti e 24 ferii

Strage à l’universcitæ de Praga: un studente ceco de 24 anni, o David Kozak, o l’à ammassou o poæ e dapeu l’à averto o feugo in scê gente da-o teito do palaçio in ciassa Jan Palach. O conto o l’é de 24 mòrti e 15 ferii. O zoeno in sciâ fin o s’é ammassou davanti a-i poliçiòtti ch’ean arrivæ pe fermâlo. «No gh’é nisciuña indicaçion che sto crimine o l’agge quarche ligammo co-o terroriximo internaçionale», o l’à affermou o ministro de l’Interno da Repubrica Ceca Vit Rakusan con çercâ d’appaxentâ a popolaçion sciätâ da quella ch’a l’é tegnua pe-a tragedia ciù grave inta stöia do Paise. O Kozak in sciô Telegram o l’avieiva dito ch’o l’ea stanco da vitta, che tutti ghe voeivan mâ e lê ascì à tutti, e o l’aiva annonçiou de voei sparâ inte unna scheua e ammassâse.

Traduçion italiaña

Terrore a Praga, giovane spara dall’università: 15 morti e 24 feriti

Strage all’università di Praga: uno studente ceco di 24 anni, David Kozak, ha ucciso il padre e poi ha aperto il fuoco sulla folla dal tetto del palazzo in piazza Jan Palach. Il bilancio è di 24 morti e 15 feriti. Il giovane alla fine si è ucciso davanti ai poliziotti che erano arrivati per fermarlo. «Non c’è nessuna indicazione che questo crimine abbia qualche collegamento col terrorismo internazionale», ha affermato il ministro dell’Interno della Repubblica Ceca Vit Rakusan cercando di tranquillizzare la popolazione scossa da quella che è considerata la tragedia più grave nella storia del Paese. Kozak su Telegram avrebbe detto che era stanco della vita, che tutti lo odiavano e anche lui odiava tutti, e aveva annunciato di volere sparare in una scuola e uccidersi.

Isræle-Hamas, l’Onu a l’appreuva a resoluçion in scî aggiutti à Gazza

O Conseggio de seguessa de l’Onu, con l’astenscion de Stati Unii e Ruscia, o l’à approvou a resoluçion à sostëgno di Emirati Arabi Unii ch’a prevedde de fâ passâ ciù aggiutti à Gazza con garantî a seguessa di operatoî, ma sensa a fin di combattimenti. O conto di mòrti inta Striscia o passa e 20mia vittime e i 53mia ferii da-i 7 d’ottobre. Isræle intanto o propoñe à Hamas doe settemañe de tregua pe fâ liberâ di atri ostaggi. Segondo l’exerçito 2mia terroristi e passa sono stæti ammassæ da-a fin da tregua.

Traduçion italiaña

Israele-Hamas, l’Onu approva la risoluzione sugli aiuti a Gaza

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu, con l’astensione di Stati Uniti e Russia, ha approvato la risoluzione a favore degli Emirati Arabi Uniti che prevede di far passare più aiuti a Gazza garantendo la sicurezza degli operatori, ma senza la fine dei combattimenti. Il bilancio dei morti nella Striscia supera le 20mila vittime e i 53mila feriti dal 7 ottobre. Israele intanto propone a Hamas due settimane di tregua per far liberare altri ostaggi. Secondo l’esercito 2mila terroristi sono stati uccisi dalla fine della tregua.

L’Euröpa a dixe de scì a-a Superliga, o ballon into ravaxo

O mondo do ballon o l’é torna into ravaxo. A Corte Europea a l’à dæto raxon a-i club da Superliga e a l’à deciarou che gh’é un «abuso de poxiçion dominante» da parte de Uefa e Fifa inte l’organizzaçion di tornëi in Euröpa e inta gestion di driti. O Real Madrid e o Barçeloña lödan a deçixon, tutti i atri se dixan contra. In Italia solo o prescidente do Napoli De Laurentiis o mostra unn’avertua, ma s’aspeta de conosce l’opinion da neuva dirigensa da Juventus, protagonista do progetto (fallio) inte l’epoca di Agnelli. «Che fassan, saian inta doî», o commento do prescidente de l’Uefa Ceferin. E o cappo da Fifa Infantino o ghe va apreuvo: «Con tutto o rispetto, no cangia ninte».

Traduçion italiaña

L’Europa dice sì alla Superlega, calcio nel caos

Il mondo del calcio è di nuovo nel caos. La Corte Europea ha dato ragione ai club della Superlega e ha dichiarato che c’è un «abuso di posizione dominante» da parte di Uefa e Fifa nell’organizzazione di tornei in Europa e nella gestione dei diritti. Il Real Madrid e il Barcellona lodano la decisione, tutti gli altri si dicono contrari. In Italia solo il presidente del Napoli De Laurentiis, ma si attende di conoscere l’opinione della nuova dirigenza della Juventus, protagonista del progetto (fallito) nell’era Agnelli. «Facciano pure, saranno in due», il commento del presidente della Uefa Ceferin. E il numero uno della Fifa Infantino gli fa eco: «Con tutto il rispetto, non cambierà niente».