O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Scrollon into çentrodrita in Liguria, venin tra o Toti e o Vaccarezza

Tæramòtto politico inta Region Liguria: o Angelo Vaccarezza o l’à annonçiou e dimiscioin da cappogruppo da Lista Toti in conseggio. «Son stæto misso feua de zeugo da-o mæ partio – o l’à dito –. Confermo a mæ confiansa pe-o governatô ma no gh’ò ciù a representansa». Dua a reaçion do Toti, ch’o no ne saiva ninte: «Son un pittin deluso e dubioso. A politica a l’é comme o ballon, çercâ o protagoniximo in campo tante vòtte o no l’aggiutta a squaddra». E ancon: «O dixe che gh’ò di grammi conseggê? I pezo conseggi me î à dæti lê». O Vaccarezza o l’à replicou inte un video: «Ghe veuggio ben o mæximo, ma quello ch’o l’à dito o l’é meschin». Oua se ciætezza de un seu passaggio à Forza Italia. Intanto into campo progrescista s’é za averto a discuscion in scê candidatue pe-e eleçion regionale do 2025. O passou ministro Andrea Orlando o l’à dæto a seu disponibilitæ, ma ascì o scindico de Boggiasco e deputou Luca Pastorino.

Traduçion italiaña

Scossone nel centrodestra in Liguria, veleni tra Toti e Vaccarezza

Terremoto politico in Regione Liguria: Angelo Vaccarezza ha annunciato le dimissioni da capogruppo della Lista Toti in consiglio. «Sono stato messo fuorigioco dal mio partito – ha detto –. Confermo la mia fiducia nel governatore ma non ho più la rappresentanza». Dura la reazione di Toti, che non ne sapeva niente: «Sono un po’ deluso e perplesso. La politica è come il calcio, cercare il protagonismo in campo molte volte non aiuta la squadra». E ancora: «Dice che ho cattivi consiglieri? I peggiori consigli me li ha dati lui». Vaccarezza ha replicato in un video: «Gli voglio bene lo stesso, ma quello che ha detto è ingeneroso». Ora si vocifera di un suo passaggio a Forza Italia. Intanto nel campo progressista si è già aperto il dibattito sulle candidature per le elezioni regionali del 2025. L’ex ministro Andrea Orlando ha dato la sua disponibilità, ma anche il sindaco di Bogliasco e deputato Luca Pastorino.

Violensa sessuale in sce unna figgia, doî zugoei de waterpölo indagæ

Avievan fæto unna violensa de gruppo in sce unna figgia dòppo unna seiaña in discoteca: pe questo doî zoeni de 22 e 24 anni, studenti universcitäi e zugoei de waterpölo, son indagæ da-a Procua de Zena. I fæti son do 2022. Segondo a reconstruçion da magistratua e da squaddra mòbile, i zoeni avieivan fæto imbriægâ a figgia e dapeu l’avieivan invitâ à cà d’un di doî. Lì a vittima a l’avieiva patio e violense, repiggiæ ascì co-i telefonin. Loiatri an sempre dito che lê a l’ea d’accòrdio. À seu carrego gh’é ascì l’accaxonamento d’avei spantegou in gio çerti video de rappòrti sessuali con de dònne, che inte quello caxo davan o consenso. I investigatoî son apreuvo à ciammâle pe poeile identificâ.

Traduçion italiaña

Violenza sessuale su una ragazza, due pallanuotisti indagati

Avrebbero commesso una violenza di gruppo su una ragazza dopo una serata in discoteca: per questo due giovani di 22 e 24 anni, studenti universitari e pallanuotisti, sono indagati dalla Procura di Genova. I fatti risalgono al 2022. Secondo la ricostruzione della magistratura e della squadra mobile, i giovani avrebbero fatto ubriacare la ragazza e poi l’avrebbero invitata a casa di uno dei due. Lì la vittima avrebbe subito le violenze, riprese anche coi cellulari. Loro hanno sempre detto che lei era d’accordio. A loro carico c’è anche l’accusa di aver diffuso alcuni video di rapporti sessuali con donne, in quel caso consenzienti. Gli investigatori le stanno convocando per poterle identificare.

Zena a descreuve torna a seu Etæ de Mezo, presentou o programma de Ianua

Un anno intrego de conferense, spettacoli e eventi ch’arrivan a-o mascimo tra-i 11 e i 13 d’ottobre con de avertue straordenäie e vixite guiddæ inti sciti de ciù gran prexo, in sciô modello di Rolli Days. À Zena l’é stæto presentou o programma de Ianua, un progetto de coltua ch’o portià tutti à descrovî torna o tesöo stramesuou ch’o n’é arrivou da l’Etæ de Mezo, periodo fondante da stöia da çittæ. «Unna stöia ancon viva, ma no assæ conosciua – commenta o Antonio Musarra, professô de l’universcitæ La Sapienza de Romma e cuatô scientifico de l’iniçiativa –. L’intençion a l’é d’addesciâ torna e consciense di zeneixi». S’incomensa fito, a-i 19 e 20 de zenâ, con un convëgno à Paxo tegnuo da di studioxi de sveuga internaçionale, tra i quæ o Alessandro Barbero.

Traduçion italiaña

Genova riscopre il suo Medioevo, presentato il programma di Ianua

Un anno intero di conferenze, spettacoli ed eventi che culmineranno tra l’11 e il 13 ottobre con aperture straordinarie e visite guidate nei luoghi di maggiore pregio, sul modello dei Rolli Days. A Genova è stato presentato il programma di Ianua, un progetto culturale che porterà tutti a riscoprire l’immenso tesoro giunto fino a noi dal Medioevo, periodo fondante della storia della città. «Una storia ancora viva, ma non abbastanza conosciuta – commenta Antonio Musarra, professore dell’università La Sapienza di Roma e curatore scientifico dell’iniziativa –. L’obiettivo è risvegliare le coscienze dei genovesi». Si inizia presto, il 19 e 20 gennaio, con un convegno a Palazzo Ducale tenuto da studiosi di fama internazionale, tra cui Alessandro Barbero.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Salui fascisti a-a commemoraçion da strage de Acca Larentia, indaga a Procua

Salui fascisti, manifesti neigri pe-i «camiaddi cheiti» e crii «presente». I fæti avvegnui a-i 7 de zenâ a-a commemoraçion da strage de Acca Larentia à Romma, feua da-a çeimònia instituçionale, an misso sciù un neuvo caxo politico. Un ascado ch’o l’arriva into mezo de tenscioin de drento a-a maggioransa in scê candidatue pe-e eleçioin regionale. A Procua da capitale a l’à averto unn’investigaçion con unna dozzeña d’indagæ pe apologia de fasciximo, apreuvo à l’informativa depoxitâ da-a Digos ch’a l’aiva identificou un çentanâ de persoñe. «Desfæ i gruppi neofascisti», inscistan da-o Pd. O ministro de l’Interno Piantedosi o l’esprimme indignaçion ma o l’azzonze: «Proibî o faieiva ancon ciù danno». O prescidente do Senato La Russa o domanda a-a Cassaçion de fâ ciæo in sciô saluo roman, o cappo do Ppe Manfred Weber o commenta: «In Euröpa no gh’é spaçio pe-i salui fascisti».

Traduçion italiaña

Saluti fascisti alla commemorazione della strage di Acca Larentia, indaga la Procura

Saluti fascisti, manifesti neri per i «camerati caduti» e urla «presente». I fatti avvenuti il 7 gennaio alla commemorazione della strage di Acca Larentia a Roma, fuori dalla cerimonia istituzionale, hanno generato un nuovo caso politico. Un impiccio che arriva nel mezzo delle tensioni interne alla maggioranza sulle candidature per le elezioni regionali. La Procura della capitale ha aperto un’inchiesta con una dozzina di indagati per apologia di fascismo, a seguito dell’informativa depositata dalla Digos che aveva identificato un centinaio di persone. «Sciogliere i gruppi neofascisti», insistono dal Pd. Il ministro dell’Interno Piantedosi esprime indignazione ma aggiunge: «Vietare sarebbe controproducente». Il presidente del Senato La Russa chiede alla Cassazione di fare chiarezza sul saluto romano, il leader del Ppe Manfred Weber commenta: «In Europa non c’è spazio per i saluti fascisti».

Tragedia in Trentin: o l’ammassa a compagna a cotellæ e o se leva a vitta

O l’à ammassou a compagna, moæ di seu trei figgeu, e dapeu o s’é appiccou pe levâse a vitta. A tragedia a s’é consummâ inte un paisetto da Valle de Fiemme, in Trentin. I doî rattellavan delongo e ormai viveivan spartii. L’òmmo, Igor Moser de 46 anni, o l’à acciappâ in cà e o gh’à ciantou unna cotellâ inta goa: lê, Ester Palmieri de 38 anni, a l’é mòrta arrestâ sensa sangue pe-o taggio da caròtide. O compagno o l’à piggiou a machina, o l’é tornou inta seu casetta de campagna e o s’é ammassou. À descrovî cöse l’ea capitou i genitoî da dònna, allarmæ da-o fæto ch’a no l’ea anæta à piggiâ i figgi da-a scheua: l’an trovâ inte unna possa de sangue che no gh’ea ciù ninte da fâ.

Traduçion italiaña

Tragedia in Trentino: uccide la compagna a coltellate e si toglie la vita

Ha ucciso la compagna, madre dei suoi tre bambini, poi si è impiccato per togliersi la vita. La tragedia si è consumata in un piccolo paese della Val di Fiemme, in Trentino. I due rattellavano di continuo e ormai vivevano separati. L’uomo, Igor Moser di 46 anni, l’ha raggiunta in casa e le ha inferto una coltellata alla gola: lei, Ester Palmieri di 38 anni, è morta dissanguata per il taglio della carotide. Il compagno ha preso la macchina, è tornato nel suo casolare e si è suicidato. A scoprire cos’era successo i genitori della donna, allarmati dal fatto che non era andata a prendere i figli a scuola: l’hanno trovata in una pozza di sangue quando non c’era più niente da fare.

Caxo pandori, a Chiara Ferragni oua a l’é indagâ pe sfrouxo aggravou

Neuvi guäi pe-a Chiara Ferragni, l’influencer za investia da-a boriaña di pandori Pink Christmas da Balocco, a vendia di quæ a no serviva pe finançiâ a reçerca. Dòppo a sançion da un mion de l’Agcom pe-e seu soçietæ – e e gròsse recheite mediatiche – oua a l’é indagâ pe sfrouxo aggravou da-a Procua de Milan, e con lê a Alessandra Balocco ascì, amministratoa delegâ de l’açienda de dôsci. «Son seña, me son sempre comportâ in consciensa e me fio areo da magistratua», a l’à commentou a Ferragni, che intanto a l’à donou un mion pe in davei à l’uspiâ Regiña Margaita de Turin. Apreuvo à sto caxo l’Autoritæ de communicaçioin a l’à avou de neuve regole in scî social network: i influencer dovian azzonze unna scrita ch’a mette in ciæo a natua pubriçitäia di contegnui.

Traduçion italiaña

Caso pandori, Chiara Ferragni ora è indagata per truffa aggravata

Nuovi guai per Chiara Ferragni, l’influencer già travolta dalla bufera dei pandori Pink Christmas della Balocco, la cui vendita non serviva a finanziare la ricerca. Dopo la sanzione da un milione dell’Agcom per le sue società – e le gravi ricadute mediatiche – ora è indagata per truffa aggravata dalla Procura di Milano, e con lei anche Alessandra Balocco, amministratrice delegata dell’azienda dolciaria. «Sono serena, ho sempre agito in buona fede e mi fido totalmente della magistratura», ha commentato Ferragni, che intanto ha donato un milione per davvero all’ospedale Regina Margherita di Torino. Dopo questo caso l’Autorità delle comunicazioni ha varato nuove regole sui social network: gli influencer dovranno aggiungere una scritta che chiarisca la natura pubblicitaria dei contenuti.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

I Stati Uniti e a Gran Bretagna attaccan into Mâ Rosso, Isræle a-o proçesso pe genoçidio

I Stati Unii e a Gran Bretagna an indandiou di attacchi contra e postaçioin di Houthi into Yemen dòppo che i miliçien sostegnui da l’Iran an piggiou l’asmia in scê nave mercantile into Mâ Rosso. De repicca l’Iran o l’à acciappou unna nave da petròlio into Gorfo d’Oman. Hamas o l’à menassou de «conseguense», o Erdogan o parla de un uso sproporçionou da fòrsa. A Nato incangio a ê giustifica comme «açioin de defeisa pe avvardâ a libertæ de navegaçion inte uña de stradde d’ægua ciù importante a-o mondo». Intanto l’é comensou a-a Corte internaçionale de Giustiçia de l’Aia o proçesso contra Isræle pe genoçidio, apreuvo à l’instansa presentâ da-o Sudafrica in scî attacchi à Gazza. «No semmo noiatri à fâ un genoçidio, ma Hamas – a replica do prescidente Netanyahu –. Aniemo avanti co-a nòstra guæra de defeisa, a seu legittimitæ a no l’é in discuscion».

Traduçion italiaña

Stati Uniti e Gran Bretagna attaccano nel Mar Rosso, Israele a processo per genocidio

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno avviato attacchi contro le postazioni di Houthi in Yemen dopo che i miliziani sostenuti dall’Iran hanno preso di mira le navi mercantili nel Mar Rosso. Per rappresaglia l’Iran ha sequestrato una petroliera nel Golfo d’Oman. Hamas ha minacciato «conseguenze», Erdogan parla di un uso sproporzionato della forza. La Nato invece le giustifica come «azioni di difesa per salvaguardare la libertà di navigazione in una delle vie d’acqua più importanti al mondo». Intanto è iniziato alla Corte internazionale di Giustizia dell’Aja il processo contro Israele per genocidio, in seguito all’istanza presentata dal Sudafrica per gli attacchi a Gaza. «Non siamo noi a commettere un genocidio, ma Hamas – la replica del presidente Netanyahu –. Continueremo la nostra guerra di difesa, la sua legittimità non è in discussione».

L’Ecuador inte moen di narcos, o prescidente Noboa o deciara l’emergensa

L’Ecuador sotta l’attacco de bande di narcos: unn’ondâ de violense sensa pægi a l’à investio o Paise dòppo l’evaxon do Adolfo Macías, dito Fito, o cappo de Los Chineros. O governo o l’à mandou i mezzi militari de pe-e stradde e i gruppi criminali an respòsto con sollevaçioin inte prexoin, inçendi, ammassamenti e sequestri. O prescidente Daniel Noboa o l’à deciarou o stato d’emergensa e o conflitto armou interno: «I terroristi saian trattæ da terroristi», o l’à avvertio con refuâ a poscibilitæ de negoçiâ. Se parla de 13 morti, dexeñe de ferii, çentanæa d’arresti. Inte settemañe che vëgnan i Stati Unii mandian di fonçionäi e di componenti de l’exerçito à dâ unna man.

Traduçion italiaña

L’Ecuador in balia dei narcos, il presidente Noboa dichiara l’emergenza

L’Ecuador sotto attacco delle bande di narcos: un’ondata di violenze senza precedenti ha investito il Paese dopo l’evasione di Adolfo Macías, detto Fito, il capo dei Los Chineros. Il governo ha mandato i mezzi militari per le strade e i gruppi criminali hanno risposto con rivolte nelle prigioni, incendi, omicidi e sequestri. Il presidente Daniel Noboa ha dichiarato lo stato d’emergenza e il conflitto armato interno: «I terroristi saranno trattati da terroristi», ha avvertito respingendo la possibilità di negoziare. Si parla di 13 morti, decine di feriti, centinaia di arresti. Nelle prossime settimane gli Stati Uniti manderanno funzionari e componenti dell’esercito a dare una mano.

Copernicus o conferma: o 2023 o l’é stæto l’anno ciù cado da-o 1850

A conferma a l’arriva da Copernicus, o programma d’osservaçion da Tæra de l’Agençia spaçiale europea e da Commiscion europea: o 2023 o l’é l’anno ciù cado mai registrou fin da-o 1850. A temperatua media globale a l’é montâ de 1,48 graddi da-o livello pre-industriale da segonda meitæ de l’Euttoçento. Squæxi a meitæ di giorni an registrou unn’anomalia ciù erta de 1,5 graddi, e doî giorni de novembre, pe-a primma vòtta, son stæti ciù cadi de 2 graddi e passa. O Carlo Buontempo, direttô de Copernicus, o l’à invitou à «decarbonizzâ a-a spedia a nòstra economia». Pe-o pòrtavoxe do segrettäio generale de l’Onu, o Stephane Dujarric, sto chì o l’é «solo che un assazzo de un avvegnî catastròfico».

Traduçion italiaña

Copernicus conferma: il 2023 è stato l’anno più caldo dal 1850

La conferma arriva da Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’Agenzia spaziale europea e della Commissione europea: il 2023 è l’anno più caldo mai registrato dal 1850. La temperatura media globale è aumentata di 1,48 gradi dal livello preindustriale della seconda metà dell’Ottocento. Quasi la metà dei giorni hanno registrato un’anomalia più alta di 1,5 gradi, e due giorni di novembre, per la prima volta, sono stati più caldi di oltre 2 gradi. Carlo Buontempo, direttore di Copernicus, ha invitato a «decarbonizzare rapidamente la nostra economia». Per il portavoce del segretario generale dell’Onu, Stephane Dujarric, questo è «solo un assaggio di un futuro catastrofico».