O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Mezzi Amt de badda, coe pe l’abbonamento e primme bollette

Exòrdio invexendou pe-e neuve tariffe de l’Amt de Zena. Da-i 15 de zenâ i ciù vegi de 70 anni (solo dòppo 9.30) e i ciù zoeni de 14 (delongo) peuan viægiâ de badda in scî mezzi. Ma into primmo giorno da mesua inte çentanæa se son presentæ a-i portelli pe ottegnî a tessia neçessäia pe ëse in regola. À Paxo l’é arrivou fiña a poliçia pe appaxentâ e gente in coa. Coscì o Commun e l’açienda an stabilio che fin a-i 30 d’arvî bastià un documento d’identitæ. L’é za arrivou e primme bollette a-i ançien sensa biggetto primma de l’oa consentia e ascì a-i turisti «à giabba» in metropolitaña: da-o 1° de zenâ, defæti, solo i rescidenti peuan piggiâla à tutte e oe sensa pagâ, pægio pe-i ascensoî e e funicolare.

Traduçion italiaña

Mezzi Amt gratis, code per l’abbonamento e prime multe

Esordio caotico per le nuove tariffe di Amt Genova. Dal 15 gennaio gli over 70 (solo dopo le 9.30) e gli under 14 (sempre) possono viaggiare gratis sui mezzi pubblici. Ma nel primo giorno della misura a centinaia si sono presentati agli sportelli per ottenere la tessera necessaria per essere in regola. A Palazzo Ducale è arrivata persino la polizia per calmare la gente in coda. Così il Comune e l’azienda hanno stabilito che fino al 30 aprile basterà un documento d’identità. Sono già arrivate le prime multe agli anziani senza biglietto prima dell’orario consentito e pure ai turisti «a scrocco» in metropolitana: dal 1° gennaio, infatti, solo i residenti possono prenderla in tutte le fasce orarie senza pagare, idem per gli ascensori e le funicolari.

Ponte Morandi bis, comensa o proçesso: ciammou 100 mioin de danni pe-i pedaggi

L’é comensou con l’udiensa preliminare o proçesso dito «Ponte Morandi bis» in scê presonte fäse relaçioin e i contròlli mancæ in sce ponti e gallerie. I utenti de autostradde da seçion de Zena an domandou de constituîse parte çivile pe un danno de 100 mioin caxonou da-i pedaggi stæti pagæ ma no investii pe-e manutençioin. Pe contra a Cgil, à differensa di atri scindicati confederali, a l’à annonçiou ch’a no veu intrâ into proçesso perché «i louanti an sempre fæto quello che ghe domandavan». Son 47 e persoñe imputæ, tra i quæ di cappi passæ de Autostrade e Spea, anche pe-o deruo do vòtto da galleria Bertê de l’A26.

Traduçion italiaña

Ponte Morandi bis, inizia il processo: chiesti 100 milioni di danni per i pedaggi

È iniziato con l’udienza preliminare il processo cosiddetto «Ponte Morandi bis» sui presunti falsi report e i mancati controlli su ponti e gallerie. Gli utenti delle autostrade del tronco di Genova hanno chiesto di costituirsi parti civili per un danno di 100 milioni causato dai pedaggi pagati ma non investiti per le manutenzioni. Invece la Cgil, a differenza degli altri sindacati confederali, ha annunciato che non vuole entrare nel processo perché «i lavoratori hanno sempre fatto quello che gli veniva richiesto». Sono 47 le persone imputate, tra cui ex dirigenti di Autostrade e Spea, anche per il crollo della volta della galleria Berté della A26.

Eleçioin, à Sanremmo o çentro-drita o va à reisego de scciappâse

S’ascada l’äia in vista de eleçioin amministrative in Liguria e into çentro-drita l’é scciuppou o caxo Sanremmo. A Lega e Fratelli d’Italia an dæto a seu benediçion a-a candidatua do Gianni Rolando, çernuo in particolâ da-o senatô Gianni Berrino. «L’ò lezuo in scî giornali, unna mainea innovativa de scompartî – o commento fastidiou do prescidente Toti –. Pe dex’anni emmo perso à Sanremmo, no vorrieiva che ste deçixoin ne portessan à un exito pægio». I çivichi defæti pontavan in sce l’avvocato Alessandro Mager e oua o reisego o l’é quello de unna scciappeuia inta coaliçion. O governatô però o l’à asseguou che o dialogo o l’é ancon averto e ch’o tendieiva à escludde a presensa de unna lista co-o seu nomme.

Traduçion italiaña

Elezioni, a Sanremo il centrodestra rischia di spaccarsi

Si scalda l’aria in vista delle elezioni amministrative in Liguria e nel centrodestra è esploso il caso Sanremo. Lega e Fratelli d’Italia hanno dato la loro benedizione alla candidatura di Gianni Rolando, scelto in particolare dal senatore Gianni Berrino. «L’ho letto sui giornali, un metodo innovativo di condivisione – il commento infastidito del presidente Toti –. Per dieci anni abbiamo perso a Sanremo, non vorrei che queste decisioni ci portassero allo stesso risultato». I civici infatti puntavano sull’avvocato Alessandro Mager e adesso il rischio è quello di una spaccatura nella coalizione. Il governatore però ha assicurato che il dialogo è ancora aperto e che tenderebbe a escludere la presenza di una lista col suo nome.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Dònna a s’ammassa dòppo a polemica pe unna reçenscion in sciô seu ristorante

A l’é stæta trovâ mòrta in sciâ riva do sciumme Lambro a Giovanna Pedretti, a baccaña de un ristorante da provinsa de Lodi ch’a l’ea finia into mezo de unna tempesta in scî social pe avei respòsto à unna reçenscion omòfoba in sciâ Ræ. A dònna, de 59 anni, a l’ea stæta investia da-e polemiche apreuvo a-i scriti da giornalista e influencer Selvaggia Lucarelli e do galante Lorenzo Biagiarelli, ch’aivan sostegnuo che a reçenscion pubricâ a fïse fäsa. A Procua de Lodi a l’indaga pe instigaçion a-o suiçidio. A figgia da Pedretti a l’à attaccou a Lucarelli in sce Instagram: «Graçie pe avei massacrou mæ moæ». Lê a l’à replicou: «Nisciun se poñe o problema che scrive de cöse no vee peu mette à reisego». E a l’à denonçiou d’avei reçevuo de menasse.

Traduçion italiaña

Donna si uccide dopo la polemica per una recensione sul suo ristorante

È stata trovata morta sulla riva del fiume Lambro Giovanna Pedretti, la titolare di un ristorante della provincia di Lodi che era finita al centro di una tempesta social per aver risposto a una recensione omofoba online. La donna, 59enne, era stata travolta dalle polemiche dopo i post della giornalista e influencer Selvaggia Lucarelli e del compagno Lorenzo Biagiarelli, che avevano sostenuto che la recensione pubblicata fosse falsa. La Procura di Lodi indaga per istigazione al suicidio. La figlia di Pedretti ha attaccato Lucarelli su Instagram: «Grazie per aver massacrato mia madre». Lei ha replicato: «Nessuno si pone il problema che scrive cose non vere può essere pericoloso». E ha denunciato di aver ricevuto minacce.

Lezze in sciâ fin de vitta, in Veneto a s’afferma pe un voto

A l’é stæta fermâ a lezze in sciô fin de vitta da Region Veneto portâ in Conseggio da l’assoçiaçion Luca Coscioni con 9mia firme. O conto di voti o l’é finio 25-25: serviva a-o manco un scì de ciù. O prescidente Luca Zaia o l’aiva annonçiou o seu pai poxitivo, ma o l’aiva lasciou libertæ de consciensa a-i seu. L’é stæto determinante træ astenscioin, doe da Lista Zaia e uña do Pd. Se a lezze a fïse passâ, o Veneto o saieiva stæto a primma Region à dâse unna normativa in sciô suiçidio ascistio. A novitæ ciù importante a l’ea l’impoxiçion de un termine mascimo de 27 giorni perché e Asl respondessan a-i mouti con de patologie che no se peuan cuâ che domandan a-a sanitæ pubrica de fâ o trattamento pe-a mòrte de seu voentæ. O Salvini o l’à strinou o Zaia: «Mi ascì aviæ votou de no».

Traduçion italiaña

Legge sul fine vita, in Veneto si ferma per un voto

È stata fermata la legge sul fine vita della Regione Veneto portata in Consiglio dall’associazione Luca Coscioni con 9mila firme. La conta dei voti è finita 25-25: serviva almeno un in più. Il presidente Luca Zaia aveva annunciato il suo parere positivo, ma aveva lasciato libertà di coscienza ai suoi. Sono state determinanti tre astensioni, due della Lista Zaia e una del Pd. Se la legge fosse passato, il Veneto sarebbe stato la prima Regione a darsi una normativa sul suicidio assistito. La novità più importante era l’imposizione di un termine massimo di 27 giorni perché le Asl rispondessero ai malati con patologie irreversibili che chiedono alla sanità pubblica di accedere al trattamento per la morte volontaria. Salvini ha gelato Zaia: «Anche io avrei votato no».

O Dombrovskis à Davos: «L’Italia a no l’é in linea co-e recomandaçion de l’Ue»

«L’Italia a no l’é in linia co-e recomandaçioin de l’Union Europea». L’urtima bacchezzâ in scî conti de Romma a l’é arriva in sciâ fin do World Economic Forum de Davos da-a bocca do Valdis Dombrovskis, o viçeprescidente da Commiscion. «Emmo domandou à l’Italia d’intraprende de deviaçioin e de mettise torna in riga», e seu poule nette abasta. Ma da lì à pöco un pòrtavoxe o l’à aggiustou o tio: «A poxiçion a l’é a mæxima de novembre, a no l’é cangiâ». L’Italia a l’ea stæta missa into gruppo di Paixi sotta osservaçion, che devan tegnîse pronti à portâ de correçioin a-e seu maneuvre finançiäie.

Traduçion italiaña

Dombrovskis à Davos: «L’Italia non è in linea con le raccomandazioni Ue»

«L’Italia non è in linea con le raccomandazioni dell’Unione Europea». L’ultima bacchettata sui conti di Roma è arrivata in chiusura del World Economic Forum di Davos per bocca di Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione. «Abbiamo chiesto all’Italia di intraprendere deviazioni e rimettersi in riga», le sue parole piuttosto nette. Ma poco dopo un portavoce ha aggiustato il tiro: «La posizione è la stessa di novembre, non è cambiata». L’Italia era stata inserita nel gruppo dei Paesi sotto osservazione, che devono tenersi pronti ad apportare correttivi alle proprie manovre finanziarie.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Neuve tenscioin into Levante de Mezo. O Netanyahu: «No ghe saià un stato palestineise»

S’arve di neuvi fronti into Levante de Mezo. L’Iran o l’à tiou di miscili contra l’Iraq e a Sciria, ma o l’à attaccou anche in Baluchistan, in sciô territöio do Pakistan, ch’o l’à respòsto inta çittæ de Saravan. Ma se travaggia za à unn’intesa pe unna de-escalation. Intanto Hamas o l’à annonçiou a mòrte de doî ostaggi ch’ean stæti mostræ inte un video, con dâ a corpa à di bombezzi d’Isræle. O Netanyahu o l’insciste à dî che no ghe saià nisciun stato palestineise dòppo finio a guæra, o conträio de quello che vorrieiva o governo american.

Traduçion italiaña

Nuove tensioni in Medio Oriente. Netanyahu: «Non ci sarà uno stato palestinese»

Si aprono nuovi fronti in Medio Oriente. L’Iran ha lanciato missili contro Iraq e Siria, ma ha attaccato in Baluchistan, sul territorio del Pakistan, che ha risposto nella città di Saravan. Ma si lavora già a un’intesa per una de-escalation. Intanto Hamas ha annunciato la morte di due ostaggi che erano stati mostrati in un video, dando la colpa ai bombardamenti di Israele. Netanyahu insiste a dire che non ci sarà nessuno stato palestinese una volta finita la guerra, il contrario di ciò che vorrebbe il governo americano.

Exerçitaçion da Nato contra a Ruscia, o Putin: «No se retiemo mai»

A Nato a l’à inandiou a ciù grande exerçitaçion contra a Ruscia da-a fin da Guæra Freida. L’operaçion, ciammâ Steadfast Defender 2024, a l’incomensià a-i urtimi giorni de zenâ co-a parteçipaçion de 90mia sordatti da-i stati amixi e da-a Sveçia, e a l’anià avanti fin à mazzo. O scenäio scimulou o l’é quello da «respòsta à unna menassa militare». O prescidente do comando militare da Nato, l’armiraggio Rob Bauer, o l’à avvertio che «a paxe a no se peu ciù dâ pe segua» e che «a guæra a l’é un fenòmeno ch’o tia drento tutta a soçietæ», ch’a l’à da sostegnî i militari con «di òmmi e di mezzi». Intanto però o Putin o mette in ciæo: «No se retiemo mai da l’Ucraina». E i Paixi baltichi, inta poia de unn’invaxon, an annonçiou a construçion de struttue de defeisa inti anni che vëgne.

Traduçion italiaña

Esercitazione Nato contro la Russia, Putin: «Non ci ritireremo mai»

La Nato ha avviato la più grande esercitazione contro la Russia dalla fine della Guerra Fredda. L’operazione, chiamata Steadfast Defender 2024, inizierà negli ultimi giorni di gennaio con la partecipazione di 90mila soldati dagli stati alleati e dalla Svezia, e continuerà fino a maggio. Lo scenario simulato è quella di una «risposta a una minaccia militare». Il presidente del comando militare della Nato, l’ammiraglio Rob Bauer, ha avvertito che «la pace non si può più dare per scontata» e che «la guerra è un fenomeno che coinvolge tutta la società», che deve sostenere i militari con «uomini e mezzi». Intanto però Putin chiarisce: «Non ci ritireremo mai dall’Ucraina». E i Paesi baltici, temendo un’invasione, hanno annunciato la costruzione di strutture di difesa nei prossimi anni.

Stati Unii, o Trump o trionfa a-e primäie in Iowa

O Donald Trump, o passou prescidente di Stati Unii, o l’à guägno ben ben a-o primmo gio de eleçioin primäie in Iowa con pöco ciù da meitæ di voti e unna distansa de 30 ponti. A-o segondo pòsto o Ron DeSantis. «Son recoviou da sta vittöia – o l’à commentou o tycoon –. Oua che l’America a torne unia». O Biden o l’à reconosciuo che o Trump o l’é o ciù avvoxou pe l’investitua repubricaña, ma into caxo ch’o vegnisse torna o prescidente o temme «di attacchi da bruttô, de böxie infinie e de gren speise».

Traduçion italiaña

Stati Uniti, Trump trionfa alle primarie in Iowa

Donald Trump, ex presidente degli Stati Uniti, ha vinto largamente al primo turno delle elezioni primarie in Iowa con poco più della metà dei voti e un distacco di 30 ponti. Al secondo posto Ron DeSantis. «Sono rinvigorito da questa vittoria» – ha commentato il tycoon –. Ora l’America torni unita. Biden ha riconosciuto che Trump è il favorito per l’investitura repubblicana, ma qualora tornasse presidente teme «attacchi vili, bugie infinite e spese ingenti».