O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Airopòrto de Zena, arriva l’interesse de çinque privæ

L’airopòrto de Zena o s’arve a-i privæ e o ponta in sce l’integraçion co-o pòrto, segge pe-a merçe che pe-i passaggê. A-o serrâse da cria son çinque i soggetti ch’an mandou unna manifestaçion d’interesse pe acquixî de açioin da soçietæ de gestion: gh’é e compagnie de croxee Costa e Msc, o fondo d’investimento american 777 Partners (o mæximo ch’o l’à accattou o Zena, ma ligou ascì à di operatoî d’airoplen à bon patto), o Spinelli insemme à Hapag Lloyd e a Levorato Marcevaggi, açienda de traspòrto de merçe à erto reisego. Oua comensa o cammin ch’o portià à unna cæga pubrica pe-a vendia de unna quöta de minoransa. O contròllo o dovieiva arrestâ a-o pubrico, saieiva à dî l’Autoritæ de scistema portuale ch’a detëgne o 60%. Intanto i dæti do 2023 mostran un megioamento pe-i traffeghi da l’anno passou ma ancon un frazzo a-o confronto co-o 2019, primma da pandemia de Covid.

Traduçion italiaña

Aeroporto di Genova, arriva l’interesse di cinque privati

L’aeroporto di Genova si apre ai privati e punta sull’integrazione col porto, sia per le merci sia per i passeggeri. Alla chiusura del bando sono cinque i soggetti che hanno inviato una manifestazione d’interesse per acquisire azioni della società di gestione: ci sono le compagnie crocieristiche Costa e Msc, il fondo d’investimento americano 777 Partners (lo stesso che ha comprato il Genoa, ma legato anche a operatori aerei low cost), Spinelli insieme a Hapag Lloyd e la Levorato Marcevaggi, azienda di trasporto di merci pericolose. Ora inizia il cammino che porterà a una gara pubblica per la vendita di una quota di minoranza. Il controllo dovrebbe restare al pubblico, cioè l’Autorità di sistema portuale che detiene il 60%. Intanto i dati del 2023 mostrano un miglioramento per i traffici dall’anno scorso ma ancora un calo rispetto al 2019, prima della pandemia di Covid.

Skymetro, un emendamento da Lega o l’allonga i tempi do progetto

A Lega a mette a-o sosto o Skymetro in sciô Besagno con un emendamento a-o decreto Milleproroghe ch’o postiçipa l’urtimo termine pe l’aggiudicaçion a-a fin do 2025. Pe-o progetto da metropolitaña sorvelevâ da Brignoe à Moassaña, contestâ da-i comitati, s’aspeta ancon o pai do Conseggio supeiô di travagghi pubrichi che inte unna communicaçion addressâ à Tursci o l’aiva definio «pin de mancanse». Con sta maneuvra ghe saià ciù tempo pe aggiornâlo ma o lou o va à reisego d’ëse finio do 2028-29, con doî anni de retardio. «A pratica a l’é arrestâ ferma a-o ministëio pe 6 meixi, no se capisce perché se dovieiva strenze i tempi – o l’à commentou o viçeministro di Traspòrti Edoardo Rixi –. Penso che sto travaggio o segge fondamentale pe-a valle do Besagno e o seu entrotæra». O scindico Bucci o l’insciste: «Veuggio veddilo finio do 2027».

Traduçion italiaña

Skymetro, un emendamento della Lega allunga i tempi del progetto

La Lega mette al riparo lo Skymetro sul Bisagno con un emendamento al decreto Milleproroghe che posticipa l’ultimo termine per l’aggiudicazione alla fine del 2025. Per il progetto della metropolitana sopraelevata da Brignole a Molassana, contestata dai comitati, si attende ancora il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici che in una comunicazione indirizzata a Tursi lo aveva definito «lacunoso». Con questa manovra ci sarà più tempo per aggiornarlo ma l’opera rischia di essere terminata nel 2028-29, con due anni di ritardo. «La pratica è rimasta ferma al ministero per 6 mesi, non si capisce perché si dovrebbero stringere i tempi – ha commentato il viceministro dei Trasporti Edoardo Rixi –. Penso che quest’opera sia fondamentale per la Valbisagno e il suo entroterra». Il sindaco Bucci insiste: «Voglio vederlo finito nel 2027».

A propòsta à Sestri Levante: 5 euro pe anâ in sciâ mæña

O scindico de Sestri Levante Francesco Solinas o veu fâ pagâ un biggetto da 5 euro pe anâ in sciâ mæña de Pòrtobello – a Baia do Scilençio, comme se ghe dixe – inti meixi de stæ, feua che i rescidenti, che porrieivan delongo intrâ de badda. Unna propòsta ch’a fa discutte into paise do Tigullio. L’amministraçion a pensa à un bando da 400mia euro pe-a gestoin do serviçio con un numeo fisso astimmou à 400 persoñe. Gh’é de quelli, però, che ghe saieiva ciù cao mantegnî l’intrâ sensa pagâ perché an poia che a ciazza a pòsse vegnî unna gran conçescion privâ.

Traduçion italiaña

La proposta a Sestri Levante: 5 euro per andare in spiaggia

Il sindaco di Sestri Levante Francesco Solinas vuole far pagare un biglietto da 5 euro per andare sulla spiaggia di Portobello – la cosiddetta Baia del Silenzio – nei mesi estivi, esclusi i residenti, che potrebbero accedere sempre gratis. Una proposta che fa discutere nel paese del Tigullio. L’amministrazione pensa a un bando da 400mila euro per la gestione del servizio con un numero chiuso stimato a 400 persone. Alcuni, però, preferirebbero mantenere l’entrata senza pagare perché temono che la spiaggia possa diventare una grande concessione privata.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Attivista italiaña a-o proçesso in cadeñe, l’Italia ciamma Budapest

A l’é intrâ inta sala do tribunâ co-e magnette a-i pôsci e i pê ligæ con di lucchetti, rebellâ pe unna cadeña. S’é averto coscì o proçesso a-a Ilaria Salis, l’attivista italiaña accaxonâ d’avei aggredio doî estremmisti da drita à Budapest. «Mæ figgia a l’é stæta trattâ comme unna bestia», o l’à dito o poæ Roberto. L’Italia a s’é mesciâ perché a pòsse scontâ de peñe differente in patria. A prescidente Meloni a l’à telefonou a-o Orban pe domanda o rispetto di driti, pe-o prescidente do Senato La Russa «l’é giusto intervegnî». Ma à açende a polemica l’é stæto a Lega, ch’a l’à tiou feua unna presonta aggrescion da Salis à un gazebo do partio do 2017. Pe-o Salvini «l’é asciurdo ch’a fasse a meistra». Pe quello caxo, però, l’attivista a l’aiva avuo l’assoluçion, e à mostrâlo ghe saieiva un video. «O l’é accaxonou de sequestro e o fa o ministro», a replica da segrettäia do Pd Elly Schlein.

Traduçion italiaña

Attivista italiana a processo in catene, l’Italia chiama Budapest

È entrata nell’aula del tribunale con le manette ai polsi e i piedi legati con lucchetti, trascinata per una catena. Si è aperto così il processo a Ilaria Salis, l’attivista italiana accusata di aver aggredito due estremisti di destra a Budapest. «Mia figlia è stata trattata come un animale», ha detto il padre Roberto. L’Italia si è mossa perché possa scontare pene differenti in patria. La presidente Meloni ha telefonato a Orban per chiedere il rispetto dei diritti, per il presidente del Senato La Russa «è giusto intervenire». Ma ad accendere la polemica è stata la Lega, che ha tirato fuori una presunta aggressione di Salis a un gazebo del partito nel 2017. Per Salvini «è assurdo che faccia la maestra». Per quel caso, però, l’attivista aveva avuto un’assoluzione, e a dimostrarlo ci sarebbe un video. «È accusato di sequestro e fa il ministro», la replica della segretaria del Pd Elly Schlein.

O Sgarbi o se dimette da sottosegrettäio: «O Sangiuliano o no gh’à de dignitæ»

Tæramòtto politico into governo Meloni: o Vittorio Sgarbi o l’à dæto e dimiscioin da sottosegretäio a-a Coltua. L’annonçio o l’é arrivou a-i 2 de frevâ inte l’occaxon de un evento à Milan presentou da-o giornalista Nicola Porro. «L’Antitrust – o l’à dito o Sgarbi – o l’à spedio unna lettia compricâ e confusa con dî ch’aivan reçevuo doe lettie anònime, che o ministro da Coltua o l’à mandou à l’Antitrust, donde gh’ea scrito che mi no pòsso fâ unna conferensa da-o Porro». Dapeu l’attacco a-o ministro Sangiuliano: «No se parlemmo da-i 23 d’ottobre, i òmmi ch’an da dignitæ no recheuggian de lettie anònime». A prononçia de l’Autoritæ in sce l’incompatibilitæ tra e seu attivitæ e o ròllo into ministëio a s’aspeta pe-i 15 de frevâ. Intanto i 5 Stelle festezzan: «Feua da-o governo, in sciâ fin ghe l’emmo fæta».

Traduçion italiaña

Sgarbi si dimette da sottosegretario: «Sangiuliano non ha dignità»

Terremoto politico nel governo Meloni: Vittorio Sgarbi ha rassegnato le dimissioni da sottosegretario alla Cultura. L’annuncio è arrivato il 2 febbraio in occasione di un evento a Milano presentato dal giornalista Nicola Porro. «L’Antitrust – ha detto Sgarbi – ha spedito una lettera complicata e confusa dicendo che avevano ricevuto due lettere anonime, che il ministro della Cultura ha mandato all’Antitrust, dove c’era scritto che io non posso fare una conferenza da Porro». Poi l’attacco al ministro Sangiuliano: «Non ci parliamo dal 23 ottobre, gli uomini che hanno dignità non accolgono lettere anonimo». La pronuncia dell’Antitrust sull’incompatibilità tra le sue attività e il ruolo nel ministero è attesa per il 15 febbraio. Intanto i 5 Stelle esultano: «Fuori dal governo, alla fine ce l’abbiamo fatta».

O Sinner o guägna l’Australian Open e o l’intra inta stöia do spòrt italian

O Jannik Sinner o l’intra inta stöia do tennis: con unna gran remontâ o l’à battuo o ruscio Daniil Medvedev e o l’à guägno l’Australian Open, o primmo Slam da seu carrea. L’urtimo italian à arriëscîghe o l’ea stæto o Adriano Panatta co-a vittöia do Roland Garros à Pariggi do 1976. «Prego à tutti i figgeu de vive sto seunno e d’avei a libertæ che m’à dæto i mæ genitoî», o l’à commentou. O Amadeus o l’à invitou a-o Festival de Sanremmo, ma lê o l’à refuou: «Saiò za à travaggiâ», o l’à dito. Do resto a seu rescidensa a no l’é guæi lontan: «À Monego me sento à cà, gh’é de struttue perfette pe allenâse». Dapeu o Sinner insemme a-i compagni da Coppa Davis o l’é stæto reçevuo a-o Quirinale da-o prescidente Mattarella, ch’o l’à burlou: «Pe fortuña ò comensou à ammiâ a finale da-o quarto set, coscì son stæto seguo ch’o guägnieiva…».

Traduçion italiaña

Sinner vince l’Australian Open ed entra nella storia dello sport italiano

Jannik Sinner entra nella storia del tennis: con una grande rimonta ha battuto il russo Daniil Medvedev e ha vinto l’Australian Open, il primo Slam della sua carriera. L’ultimo italiano a riuscirci era stato Adriano Panatta con la vittoria del Roland Garros a Parigi nel 1976. «Auguro a tutti i bambini di vivere questo sogno e di avere la libertà che mi hanno dato i miei genitori», ha commentato. Amadeus lo ha invitato al Festival di Sanremo, ma lui ha rifiutato: «Sarò già a lavorare», ha detto. Del resto la sua residenza non è molto lontano: «A Monaco mi sento a casa, ci sono strutture perfette per allenarsi». Poi Sinner insieme ai compagni della Coppa Davis è stato ricevuto al Qurinale dal presidente Mattarella, che ha scherzato: «Per fortuna ho iniziato a guardare la finale dal quarto set, così sono stato certo che avrebbe vinto…».

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Gazza, fonçionäi americhen e europëi: «Reisego genoçidio». Se travaggia pe unna tregua

Ciù de 800 fonçionäi e diplomatichi de Stati Unii e 11 Paixi europëi an firmou un papê donde accaxoñan Isræle de «grave violaçioin do drito internaçionale» à Gazza e domandan unna reaçion ciù fòrte a-i seu governi, sedonca gh’é o reisego «de rendise comprixi d’uña de ciù gren catastrofe umanitäie do secolo» fin à di scenäi de «genoçidio». Intanto i Stati Unii son apreuvo à valuâ o reconoscimento do Stato palestineise e vëgne feua unna propòsta d’accòrdio tra Isræle e Hamas, co-a mediaçion de l’America, l’Egitto e o Qatar, pe unna tregua de sëi settemañe à Gazza co-a liberaçion di ostaggi isrælien. O governo de Netanyahu o se scciappa in sciô cian ch’o mettieiva fin a-a guæra: pe-o ministro da seguessa o saieiva «inresponsabile».

Traduçion italiaña

Gaza, funzionari americani ed europei: «Rischio genocidio». Si lavora a una tregua

Più di 800 funzionari e diplomatici di Stati Uniti e 11 Paesi europei hanno firmato un documento in cui accusano Israele di «gravi violazioni del diritto internazionale» a Gaza e chiedono una reazione più forte ai loro governi, altrimenti c’è il rischio «di rendersi complici di una delle più grandi catastrofi umanitarie del secolo» fino a scenari di «genocidio». Intanto gli Stati Uniti stanno valutando il riconoscimento dello Stato palestinese ed emerge una proposta di accordo tra Israele e Hamas, con la mediazione di America, Egitto e Qatar, per una tregua di sei settimane a Gaza con la liberazione degli ostaggi israeliani. Il governo di Netanyahu si spacca sul piano che metterebbe fine alla guerra: per il ministro della sicurezza sarebbe «irresponsabile».

A protesta di agricoltoî co-i trattoî a blòcca l’Euröpa

S’allarga à ciù Paixi a protesta di agricoltoî che blòccan e stradde, i pòrti e e çittæ contra o Green Deal e e politiche de l’Union Europea. I trattoî an invaso o çentro de Bruxelles, donde i manifestanti an tiou de bottigge e de euve contra o palaçio do Parlamento europeo e açeiso di feughi. Atre iniçiative pæge in Fransa, Spagna e Olanda con çentanæa de mezzi. In Italia se bruxa e bandee europee e s’inandia unna neuva protesta à Romma: «Ghe saià di asciddi», dixe i organizzatoî. «Peuan contâ in sciô nòstro arrembo», a l’à asseguou a prescidente da Commiscion Ursula von der Leyen: l’Euröpa oua a preuva à ammermâ a tenscion e a l’annonçia o reneuvo de deroghe in sce l’agricoltua.

Traduçion italiaña

La protesta degli agricoltori coi trattori blocca l’Europa

Si allarga a più Paesi la protesta degli agricoltori che bloccano le strade, i porti e le città contro il Green Deal e le politiche dell’Unione Europea. I trattori hanno invaso il centro di Bruxelles, dove i manifestanti hanno tirato bottiglia e uova contro il palazzo del Parlamento europeo e appiccato incendi. Altre iniziative analoghe in Francia, Spagna e Olanda con centinaia di mezzi. In Italia si bruciano le bandiere europee e si prepara una nuova protesta a Roma: «Ci saranno disagi», dicono gli organizzatori. «Possono contare sul nostro appoggio», ha assicurato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen: l’Europa ora prova a stemperare la tensione e annuncia il rinnovo delle deroghe sull’agricoltura.

L’annonçio do Musk: installou o primmo microchip into çervello de un uman

Pe-a primma vòtta un microchip o l’é stæto installou into çervello de un uman. À annonçiâlo l’é stæto o Elon Musk, fondatô e finançiatô da Neuralink, l’açienda ch’a l’à sviluppou o progetto. A tecnologia a se ciamma Telepathy: a no leze davei into pensceo, ma a cheugge i segnali ligæ à l’intençion de fâ un movimento e a î traduxe de mainea che un robot a-o de feua o pòsse compî quell’açion, prexempio pe un paçiente paralizzou. O microchip o l’é grande comme un pommello e o l’òspita un miggiâ d’elettrodi ch’amplifican o segnale di neuroin e î trasmettan sensa fî à un appægio esterno. Ma l’obiettivo pe l’avvegnî o l’é ancon quello de «poei controllâ o telefono ò o computer co-o pensceo».

Traduçion italiaña

L’annuncio di Musk: installato il primo microchip nel cervello di un umano

Per la prima volta un microchip è stato installato nel cervello di un essere umano. Ad annunciarlo è stato Elon Musk, fondatore e finanziatore di Neuralink, l’azienda che ha sviluppato il progetto. La tecnologia si chiama Telepathy: non legge davvero nel pensiero, ma coglie i segnali legati all’intenzione di fare un movimento e li traduce in modo che un robot all’esterno possa compiere quell’azione, per esempio per un paziente paralizzato. Il microchip ha le dimensioni di un bottone e ospita un migliaio di elettrodi che amplificano il segnale dei neuroni e li trasmettono senza fili a un dispositivo esterno. Ma l’obiettivo per il futuro è ancora quello di «poter controllare il telefono o il computer col pensiero».