O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Açidenti in sciô travaggio, doî mòrti à Arasce e in sce l’A12

Atri doî açidenti mortali in sciô travaggio in Liguria into gio de pöche oe. A-i 5 de frevâ un operäio de 58 anni, o Luciano Peirano, o l’é cheito d’in sce unna betonea inte un cantê à Arasce, o l’à piccou a testa in tæra e o l’à perso a vitta. À ninte l’é servio i soccorsci. A Procua de Saña a l’à averto unn’investigaçion pe ammassamento corposo. O giorno apreuvo un òmmo de 42 anni, o Basar Shames originäio do Bangladesh, o l’é mòrto inte un gròsso açidente in sce l’autostradda A12 à Rapallo tanto ch’o l’anava à louâ a-a Fincantieri de Riva Trigoso. O frugon ch’o portava lê e atri eutto colleghi o l’à sbandou e o l’é finio contra un miagion. Çerti son sciortii d’into mezzo e son stæti investii da-e machine che vegnivan de derê. Atri doî operäi an patio de lexoin grave. Dexe e vettue interessæ. Anche in sce sto caxo indaga a Procua: uña de ipòtexi a l’é che l’autista o fïse distræto da-o telefonin. I dependenti do stabilimento an averto unn’arrecuggeita de dinæ pe aggiuttâ a famiggia do Shames.

Traduçion italiaña

Incidenti sul lavoro, due morti ad Alassio e sulla A12

Altri due incidenti mortali sul lavoro in Liguria nel giro di poche ore. Il 5 febbraio un operaio di 58 anni, Luciano Peirano, è caduto da una betoniera in un cantiere ad Alassio, ha battuto la testa a terra e ha perso la vita. A niente sono serviti i soccorsi. La Procura di Savona ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. Il giorno seguente un uomo di 42 anni, Basar Shames originario del Bangladesh, è morto in un maxi incidente sull’autostrada A12 a Rapallo mentre andava a lavorare alla Fincantieri di Riva Trigoso. Il furgone che trasportava lui e altri otto colleghi ha sbandato ed è finito contro un muraglione. Alcuni sono usciti dal veicolo e sono stati investiti dalle auto che sopraggiungevano da dietro. Altri due operai hanno riportato lesioni gravi. Dieci le vetture coinvolte. Anche su questo episodio indaga la Procura: una delle ipotexi è che l’autista fosse distratto dal cellulare. I dipendenti dello stabilimento hanno aperto una colletta per aiutare la famiglia di Shames.

A nave Vulcano arrivâ a-a Spezza, 17 figgeu palestineixi à Zena

A l’é arrivâ a-a Spezza a nave Vulcano da Mæña militare: à bòrdo 60 figgeu palestineixi partii d’in Egitto pe ëse cuæ inti uspiæ italien. Tra de loiatri 17 son arrestæ à Zena, 13 son stæti recoveræ à l’uspiâ pediatrico Gaslini. E famigge an trovou allögio graçie a-a mobilitaçion di enti do terso settô comme a Caritas. I meghi che î an operæ an contou de casce da testa desfondæ e proiettili acciantæ inta carne. Unna primma squaddra de l’instituto zeneise a l’ea za partia à zenâ pe inandiâ o trasferimento, un segondo gruppo o l’ea anæto in miscion inti Emirati Arabi pe fâ di interventi de neurochirurgia ben ben diffiçili.

Traduçion italiaña

La nave Vulcano arrivata alla Spezza, 17 bambini palestinesi a Genova

È arrivata alla Spezia la nave Vulcano della Marina militare: a bordo 60 bambini palestinesi partiti dall’Egitto per essere curati negli ospedali italiani. Tra loro 17 sono rimasti a Genova, 13 sono stati ricoverati all’ospedale pediatrico Gaslini. Le famiglie sono state accolte grazie alla mobilitazione degli enti del terzo settore come la Caritas. I medici che li hanno operati hanno raccontato di crani sfondati e proiettili conficcati nella carne. Una prima équipe dell’istituto genovese era già partita a gennaio per organizzare il trasferimento, un secondo gruppo era andato in missione negli Emirati Arabi per eseguire interventi chirurgici di elevata complessità

Sandöia, o Marco Lanna o dà e dimiscioin da prescidente

Neuvo scrollon pe-a Sandöia, dòppo o drammatico passaggio da soçietæ da-o Ferrero à Radrizzani e Manfredi l’anno passou. O Marco Lanna o l’à dæto e dimiscioin da prescidente, incarrego ch’o l’aiva tegnuo da-o dexembre do 2021. A conferma a l’é arrivâ drita da Corte Lambruschini: «O l’à piggiou a prescidensa inte un momento di ciù diffiçili da stöia da Sandöia – se leze inte unna nòtta – con riëscî à garantî serietæ e equilibrio. A seu deçixon a l’ea in examme da pe coscì e inta programmaçion da restrutturaçion de l’açienda no manchià de seguo e opportunitæ pe avvexinâse torna. O rappòrto o no finisce ancheu». A-a fin da partia co-o Modena o Lanna o l’ea anæto à saluâ i tifoxi sotta a Sud, un gesto che oua o pâ avei a varsciua de un congê.

Traduçion italiaña

Sampdoria, Marco Lanna si dimette da presidente

Nuovo scossone per la Sampdoria, dopo il drammatico passaggio della società da Ferrero a Radrizzani e Manfredi l’anno scorso. Marco Lanna ha rassegnato le dimissioni da presidente, incarico che aveva mantenuto dal dicembre 2021. La conferma è arrivata direttamente da Corte Lambruschini: «Ha assunto la presidenza in uno dei momenti più difficili della storia blucerchiata – si legge in una nota – riuscendo a garantire serietà ed equilibrio. La sua decisione era al vaglio da tempo e nella programmazione della ristrutturazione dell’azienda non mancheranno di sicuro le opportunità per riavvicinarsi. Il rapporto non si esaurisce oggi». Alla fine della partita col Modena Lanna era andato a salutare i tifosi sotto la Sud, un gesto che ora sembra avere il valore di un commiato.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Ninte trattoî a-o Festival de Sanremmo, o governo o promette de mesue

A protesta di trattoî a l’é arrivâ a-o Festival de Sanremmo, ma à l’Ariston no l’é introu nisciun agricoltô: a Rai, d’inteisa co-o ministro de l’Interno Matteo Piantedosi, a l’à deçiso de fâ leze a-o Amadeus un messaggio concordou avanti. À Romma l’incontro à palaçio Chigi donde a prescidente Giorgia Meloni a l’à propòsto l’esençion de l’Irpef in scê rendie agräie, ma solo pe chi n’à de beseugno, saieiva à dî fin a-i 10mia euro. «O l’é un ponto de partensa ma son convinto che se pòsse fâ de ciù», o l’à respòsto o Matteo Salvini. A mesua a garantià o 90% e passa de impreise, o l’à azzonto o ministro de l’Agricoltua Francesco Lollobrigida. Un çentanâ de trattoî o l’à formou un corteo in sciô Grande raccordo anulare. Intanto l’Union Europea, in sce l’onda de proteste inte ciù Paixi, a l’à fæto marcia inderê in sciâ propòsta de un taggio a-i pestiçidi da chì a-o 2030.

Traduçion italiaña

Niente trattori al Festival di Sanremo, il governo promette misure

La protesta dei trattori è arrivata al Festival di Sanremo, ma all’Ariston non è entrato nessun agricoltore: la Rai, d’intesa col ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, ha deciso di far leggere ad Amadeus un messaggio concordato in anticipo. A Roma l’incontro a palazzo Chigi dove la presidente Giorgia Meloni ha proposto l’esenzione dell’Irpef sui redditi agrari, ma solo per chi ne ha bisogno, cioè fino ai 10mila euro. «È un punto di partenza ma sono convinto che si possa fare di più», ha risposto Matteo Salvini. La misura garantirà oltre il 90% delle imprese, ha aggiunto il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida. Un centinaio di trattori ha formato un corteo sul Grande raccordo anulare. Intanto l’Unione Europea, sull’onda delle proteste in più Paesi, ha fatto marcia indietro sulla proposta di un taglio ai pesticidi entro il 2030.

Figgia de 13 anni violentâ inte un parco à Catania

Unna figgia de 13 anni a l’é stæta violentâ da un gruppo de zoeni inti bagni de un parco pubrico à Catania. Con lê gh’ea ascì o galante, ch’o l’é stæto menassou e tegnuo lontan tanto che doî de loiatri â costrenzeivan à patî di abuxi e i atri ammiavan a scena de de d’ato. Dòppo a segonda violensa a figgia a l’é arriëscia à scappâ e a l’à ciammou aggiutto inta stradda. Sette e persoñe ch’avieivan parteçipou, di quæ trei minoî. «O Stato o gh’é e o garantià che se fasse giustiçia», a l’à dito a prescidente do Conseggio Giorgia Meloni. O Salvini o l’à propòsto torna a crastaçion chimica pe-i responsabili.

Traduçion italiaña

Ragazza di 13 anni violentata in un parco a Catania

Una ragazza di 13 anni è stata violentata da un gruppo di giovani nei bagni di un parco pubblico a Catania. Con lei c’era anche il fidanzato, che è stato minacciato e tenuto lontano mentre due di loro la costringevano a subire abusi e gli altri guardavano la scena dall’alto. Dopo la seconda violenza la ragazza è riuscita a fuggire e ha chiesto aiuto in strada. Sette le persone che avrebbero partecipato, di cui tre minori. «Lo Stato c’è e garantirà che sia fatta giustizia», ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Salvini ha proposto di nuovo la castrazione chimica per i responsabili.

Tenscion in sciâ Stellantis, comensa a mobilitaçion à Mirafiori

Monta a tenscion inta fabrica de Mirafiori apreuvo che l’amministratô delegou da Stellantis Carlos Tavares o l’à dito che «l’Italia a dovieiva fâ de ciù pe proteze i seu pòsti de travaggio» e che «se no se dà di aggiutti pe accattâ di mezzi elettrichi se mette à reisego i stabilimenti». O John Elkann, prescidente da Stellantis, o l’à incontrou o prescidente Mattarella e asseguou che o gruppo o l’arresta in Italia. Ma i operäi an comensou à fâ di sciòperi: «Mescemmose comme i agricoltoî, l’avvegnî o l’é inçerto e no ne dan de respòste». Pe de ciù l’é arrivou a notiçia che da-i 31 de marso finià a produçion do Maserati Levante. I scindicati inscistan perché s’arve unna discuscion con l’açienda e o governo.

Traduçion italiaña

Tensione su Stellantis, inizia la mobilitazione a Mirafiori

Sale la tensione della fabbrica di Mirafiori dopo che l’amministratore delegato di Stellantis Carlos Tavares ha detto che «l’Italia dovrebbe fare di più per proteggere i suoi posti di lavoro» e che «se non si danno sussidi per acquistare veicoli elettrici si mettono a rischio gli stabilimenti». John Elkann, presidente di Stellantis, ha incontrato il presidente Mattarella e assicurato che il gruppo rimane in Italia. Ma gli operai hanno iniziato a scioperare: «Mobilitiamoci come gli agricoltori, il futuro è incerto e non ci danno risposte». Inoltre è arrivata la notizia che dal 31 marzo terminerà la produzione del Maserati Levante. I sindacati insistono affinché si apra una discussione con l’azienda e il governo.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra Isræle-Hamas, o Netanyahu o refua a tregua e o l’inandia un attacco à Rafah

Nisciuña tregua con Hamas: o prescidente isrælian Benjamin Netanyahu o bòccia l’ipòtexi d’accòrdio co-a mediaçion do Qatar e o definisce un «stralabio» e condiçioin pòste da-i islamisti che vorrieivan a fin areo di combattimenti à Gazza. «Semmo vexin a-a vittöia, a no l’é costion d’anni», o l’à azzonto o prescidente che intanto o l’à comandou a l’exerçito d’anâ verso Rafah, donde gh’é a ciù gran parte da popolaçion da Striscia, e o l’à dispòsto o cian pe stramuâ i çivili. «Un attacco à Rafah – o l’à dito o segrettäio generale de l’Onu Guterres – o faieiva cresce quello ch’o l’é za un peson umanitäio, con de conseguense che no se peuan manco contezzâ». I Stati Unii ascì an avvertio: «O saieiva un desastro».

Traduçion italiaña

Guerra Israele-Hamas, Netanyahu rifiuta la tregua e prepara un attacco a Rafah

Nessuna tregua con Hamas: il presidente israeliano Benjamin Netanyahu boccia l’ipotesi di accordo con la mediazione del Qatar e definisce un «delirio» le condizioni poste dagli islamisti che vorrebbero la fine completa dei combattimenti a Gaza. «Siamo vicini alla vittoria, non è questione di anni», ha aggiunto il presidente che intanto ha ordinato all’esercito di dirigersi verso Rafah, dove c’è la maggior parte della popolazione della Striscia, e ha disposto un piano per evacuare i civili. «Un attacco a Rafah – ha detto il segretario generale dell’Onu Guterres – aumenterebbe quello che è già un incubo umanitario, con conseguenze incalcolabili». Anche gli Stati Uniti hanno avvertito: «Sarebbe un disastro».

O re Carlo o l’é mouto de cancao, a Gran Bretagna in anscëtæ

O re Carlo o gh’à un cancao. A notiçia a l’à invexendou a Gran Bretagna. A moutia a gh’é stæta diagnosticâ apreuvo à un intervento inta London Clinic. «O l’é stæto piggiou pe tempo», o l’à asseguou o primmo ministro Rishi Sunak: o Carlo, de 75 anni, o l’à za comensou à sottopoñise à di «trattamenti regolari» che ô constrenzian à piggiâse unna pösa da-i impegni offiçiæ. O prinçipe William, erede a-o tröno, o l’é tornou à fâse vedde in pubrico, sciben che e fonçioin de cappo do Stato arrestan tutte à carrego do poæ. Ma oua l’abdicaçion, da quello che se dixe, o no l’é ciù un argomento proibio.

Traduçion italiaña

Re Carlo è malato di cancro, la Gran Bretagna in ansia

Re Carlo ha un cancro. La notizia ha sconvolto la Gran Bretagna. La malattia gli è stata diagnosticata dopo un intervento nella London Clinic. «È stato colto in tempo», ha assicurato il primo ministro Rishi Sunak: Carlo, 75 anni, ha già iniziato a sottoporsi a «trattamenti regolari» che lo costringeranno a prendersi una pausa dagli impegni ufficiali. Il principe William, erede al trono, è tornato a farsi vedere in pubblico, sebbene le funzioni di capo dello Stato rimangano tutte a carico del padre. Ma ora l’abdicazione, da quello che si vocifera, non è più un tabù.

Stati Unii, di repubrichen veuan remeuve o Biden: «O no l’é ciù bon»

Di esponenti repubrichen an domandou de valuâ a proçedua pe remeuve o prescidente di Stati Unii Joe Biden in base a-o 25eximo emendamento da constituçion, introduto dòppo l’assascinio do Kennedy, ch’o ne prevedde a sostituçion pe inabilitæ. O l’é o mæximo emendamento tiou à mezo ciù vòtte pe levâ d’in carrega o Donald Trump inti anni do seu governo. Segondo un gruppo de deputæ e senatoî o Biden o no saieiva ciù bon à fâ e seu fonçioin pe-e seu mancanse de memöia. Pe applicâ sta nòrma basta che o viçeprescidente e a maggioransa do governo mandan unna lettia a-o Congresso. Se o prescidente o s’oppoñe, tocca a-a Camia deçidde con doî tersci di voti.

Traduçion italiaña

Stati Uniti, repubblicani vogliono rimuovere Biden: «Non è più in grado»

Alcuni esponenti repubblicani hanno chiesto di valutare la procedura per rimuovere il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in base al 25esimo emendamento della costituzione, introdotto dopo l’assassinio di Kennedy, che ne prevede la sostituzione per incapacità. È lo stesso emendamento chiamato in causa più volte per destituire Donald Trump negli anni del suo governo. Secondo un gruppo di deputati e senatori Biden non sarebbe in grado di esercitare le sue funzioni per i suoi deficit di memoria. Per applicare questa norma basta che il vicepresidente e la maggioranza del governo inviino una lettera al Congresso. Se il presidente si oppone, spetta alla Camera decidere con due terzi dei voti.