O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Investigaçion pe corruçion: arrestou o Toti, o Spinelli e o Signorini

O prescidente da Liguria Giovanni Toti o l’é stæto arrestou in cà a-i 7 de mazzo pe corruçion apreuvo à unna gròssa investigaçion da Procua de Zena. Mæxima mesua pe l’imprenditô Aldo Spinelli, incangio o Paolo Emilio Signorini, passou prescidente de l’Autoritæ portuale, o l’é finio in prexon. Segondo i magistrati, ch’an coordinou e attivitæ da Guardia de finansa, o Toti e o Signorini avieivan ottegnuo di finançiamenti elettorali e di guägni in cangio de conçescioin di spaçi in pòrto a-o Spinelli e di atri piaxei a-o Mauro Vianello. Accaxonou ascì un conseggê d’amministraçion de l’Esselunga, o Francesco Moncada, e o cappo de gabinetto do Toti, o Matteo Cozzani, pe-o quæ s’ipotizza anche l’aggravante mafiosa pe avei promisso di pòsti de travaggio in cangio di voti da communitæ siçiliaña de Certosa vexiña à Cosa Nostra. O Toti o l’é sospeiso da l’incarrego, à fâ e seu fonçioin o l’é o Alessandro Piana. Nisciuña respòsta inte l’interrogatöio de garançia, ma into caxo do retio di arresti gh’é l’ipòtexi de dimiscioin, ciammæ à gran voxe da l’oppoxiçion. «Ascciæiemo tutto», o l’à dito l’avvocato Stefano Savi.

Traduçion italiaña

Inchiesta per corruzione: arrestati Toti, Spinelli e Signorini

Il presidente della Liguria Giovanni Toti è stato messo agli arresti domiciliari il 7 maggio per corruzione in seguito a una maxi inchiesta della Procura di Genova. Stessa misura per l’imprenditore Aldo Spinelli, mentre Paolo Emilio Signorini, ex presidente dell’Autorità portuale, è finito in carcere. Secondo i magistrati, che hanno coordinato le attività della Guardia di finanza, Toti e Signorini avrebbero ottenuto finanziamenti elettorali e vantaggi in cambio di concessioni di aree portuali a Spinelli e altri favori a Mauro Vianello. Accusati anche un consigliere d’amministrazione di Esselunga, Francesco Moncada, e il capo di gabinetto di Toti, Matteo Cozzani, per cui si ipotizza anche l’aggravante mafiosa per aver promesso posti di lavoro in cambio di voti della comunità siciliana di Certosa vicina a Cosa Nostra. Toti è sospeso dall’incarico, a fare le sue funzioni è Alessandro Piana. Nessuna risposta nell’interrogatorio di garanzia, ma in caso di revoca degli arresti c’è l’ipotesi di dimissioni, chieste a gran voce dall’opposizione. «Chiariremo tutto», ha detto l’avvocato Stefano Savi.

Depòxiti chimichi, o Tar o l’à bocciou o progetto do stramuo

O Tar da Liguria o l’à açettou o recorso contra o stramuo di depòxiti chimichi de Mortiou à San Pê d’Æña. Segondo i giudiçi amministrativi a proçedua a no l’anava portâ avanti con un adattamento tecnico-fonçionale, comm’a l’à fæto l’Autoritæ portuale, ma ghe voeiva unna variante a-o cian de regolaçion do pòrto. O cammin de l’autorizzaçion oua o dovieiva partî torna da-o prinçipio. In ciù, a sentensa do Tar a dixe che o commissäio Marco Bucci o no poeiva addeuviâ 30 mioin d’euro do decreto Zena pe-i depòxiti chimichi. Vittöia pe-i comitati da delegaçion e o Muniçipio delongo stæto conträio a-o progetto. «Troviemo unna neuva proçedua ch’a vagghe ben – o l’à commentou o scindico – ma i depòxiti no peuan stâ à çinque metri da-e case».

Traduçion italiaña

Depositi chimici il Tar ha bocciato il progetto di trasferimento

Il Tar della Liguria ha accolto il ricorso contro il trasferimento dei depositi chimici di Multedo a Sampierdarena. Secondo i giudici amministrativi la procedura non andava portata avanti con un adeguamento tecnico-funzionale, come ha fatto l’Autorità portuale, ma era necessaria una variante al piano regolatore portuale. L’iter autorizzativo ora dovrebbe ripartire dall’inizio. Inoltre, la sentenza del Tar dice che il commissario Marco Bucci non poteva utilizzare 30 milioni di euro del decreto Zena per i depositi chimici. Vittoria per i comitati della delegazione e il Municipio, da sempre contrario al progetto. «Troveremo una nuova procedura che vada bene – ha commentato il sindaco – ma i depositi non possono stare a cinque metri dalle case».

Settemaña de violense tra tifoxi de Zena e Sandöia

Escalation de violensa tra i tifoxi de Zena e Sandöia. A-i 5 de mazzo gh’é stæto di scontri inte stradde da Foxe donde di rossobleu ean apreuvo à ammiâ a partia in ciassa Alimonda, inta seiaña un gruppo tornou da Milan o l’à devastou o club Ultras Tito Cucchiaroni à Staggen tanto che no gh’ea nisciun. I pompê son intervegnui pe asmortâ o feugo. O giorno apreuvo quattro tifoxi do Döia son intræ inte un bar de Nervi, an accotellou a-o brasso un tifoso do Zena e an dannezzou o locale: inta sëi son stæti arrestæ. Dapeu ancon menasse e tenscioin, fallio o tentativo de unna tregua.

Traduçion italiaña

Settimana di violenze tra tifosi di Genoa e Sampdoria

Escalation di violenza tra i tifosi di Genoa e Sampdoria. Il 5 maggio si sono verificati scontri nelle strade della Foce dove alcuni rossoblu stavano guardando la partita in piazza Alimonda, in serata un gruppo tornato da Milano ha devastato il club Ultras Tito Cucchiaroni a Staglieno mentre non c’era nessuno. I vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere un incendio. All’indomani quattro tifosi blucerchiati sono entrati in un bar di Nervi e hanno accoltellato al braccio un tifoso del Genoa e hanno danneggiato il locale: in sei sono stati arrestati. Poi ancora minacce e tensioni, fallito il tentativo di una tregua.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Neuva strage in sciô travaggio, 5 operäi mòrti in Siçilia

Ancon unna strage in sciô travaggio. Çinque operäi da-i 26 a-i 71 anni son mòrti e doî son arrestæ atteuscegæ inte un coniggio à Casteldaccia, in provinsa de Palermo. A dita a l’ea apreuvo à fâ di loei inte chintañe pe conto de unn’atra açienda ch’a l’aiva piggiou l’incarrego da l’Amap, a soçietæ ch’a gestisce a ræ idrica de Palermo. Ean deschinæ inta primma stançia pe çercâ de sbloccâ unna sonda. Dòppo de oe de tentativi, o tappo de liquammi o l’é sätou tutt’assemme: i operäi son stæti investii da-o gazzo teuscego, gh’é vegnuo da patî e son cheiti zu pe trei metri inta vasca de sotta. L’autopscia a l’à confermou che i seu pormoin ean pin d’açido sorfidrico. A l’é a tersa tragedia in sciô travaggio do 2024, dòppo quelle do cantê de l’Esselunga à Firense (5 mòrti) e da çentrale de Suviana in Emilia (7 mòrti).

Traduçion italiaña

Nuova strage sul lavoro, 5 operai morti in Sicilia

Ancora una strage sul lavoro. Cinque operai tra i 26 e i 71 anni sono morti e due sono rimasti intossicati in un tombino a Casteldaccia, in provincia di Palermo. La ditta stava facendo lavori nelle fognature per conto di un’altra azienda che aveva acquisito l’appalto dall’Amap, la società che gestisce la rete idrica di Palermo. Erano scesi nella prima stanza per cercare di sbloccare una sonda. Dopo ore di tentativi, il tappo di liquami è saltato all’improvviso: gli operai sono stati investiti dal gas tossico, hanno perso i sensi e sono caduti per tre metri nella vasca inferiore. L’autopsia ha confermato che i loro polmoni erano pieni di acido solfidrico. È la terza tragedia sul lavoro del 2024, dopo quelle del cantiere di Esselunga a Firenze (5 morti) e della centrale di Suviana in Emilia (7 morti).

O caxo da ministra Roccella contestâ: «Un atto de çensua»

A ministra da Famiggia Eugenia Roccella a l’é stæta contestâ into comensâ à parlâ a-i Stati generali da Natalitæ à Romma. Protagonisti i studenti do collettivo transfemminista Aracne ch’an sbraggiou di cöi e mostrou di cartelli co-a scritta «in sciô mæ còrpo deçiddo mi». A Roccella a l’à provou à piggiâ a poula, ma a l’à lasciou o parco da lì à pöco: «O l’é un atto de çensua», a l’à commentou. «Un spettacolo ignòbile, s’impan a bocca de libertæ, rispetto e autodeterminaçion de dònne ma impediscian à unna dònna de parlâ», o commento da prescidente Giorgia Meloni. Ma o Mattarella ascì o l’é intervegnuo: «Voei mette à taxei chi â pensa despægia o va contra a-a Constituçion».

Traduçion italiaña

Il caso della ministra Roccella contestata: «Un atto di censura»

La ministra della Famiglia Eugenia Roccella è stata contestata mentre iniziava a parlare agli Stati generali della Natalità a Roma. Protagonisti gli studenti del collettivo transfemminista Aracne che hanno urlato cori e mostrato cartelli con la scritta «sul mio corpo decido io». Roccella ha provato a prendere la parola, ma ha lasciato il palco poco dopo: «È un atto di censura», ha commentato. «Uno spettacolo ignobile, si riempiono la bocca di libertà, rispetto e autodeterminazione delle donne ma impediscono a una donna di parlare», il commento della presidente Giorgia Meloni. Ma anche Mattarella è intervenuto: «Voler mettere a tacere chi la pensa diversamente contrasta la Costituzione».

Zoeno italian arrestou e ligou à Miami, i genitoî: «O l’é scampou a-a tortua»

Indignaçion pe l’arresto de un zoeno italian à Miami. I fæti son de frevâ e son stæti segnalæ da-a famiggia a-o consolato italian. O Matteo Falcinelli, stæto fermou pe avei oppòsto rescistensa a-i poliçiotti, o l’é stæto cacciou in tæra e ligou con cavigge e brasse derê a-e spalle pe 13 menuti, comme mostra un video repiggiou da-a bodycam de un agente. «Con scampâ a-a tortua o l’à guägno a seu battaggia ciù importante», a l’à dito seu moæ. O poæ o l’à confermou ch’o l’é apreuvo à fâ un trattamento alternativo a-a prexon. «Son corpio da mai tanta violensa», o l’à dito o ministro de l’Estranxeo Antonio Tajani ch’o l’à ciammou a mascima attençion da l’ambasciou american in Italia. A Procua de Romma a l’à averto unn’investigaçion e da chì à un pö o Falcinelli o tornià in Italia.

Traduçion italiaña

Giovane italiano arrestato e legato a Miami, i genitori: «È sopravvissuto alla tortura»

Indignazione per l’arresto di un giovane italiano a Miami. I fatti risalgono a febbraio e sono stati segnalati dalla famiglia al consolato italiano. Matteo Falcinelli, fermato per aver opposto resistenza ai poliziotti, è stato buttato a terra e legato con caviglie e braccia dietro le spalle per 13 minuti, come mostra un video ripreso dalla bodycam di un agente. «Sopravvivendo alla tortura ha vinto la sua battaglia più importante», ha detto sua madre. Il padre ha confermato che sta svolgendo un trattamento alternativo al carcere. «Sono colpito da tanta violenza», ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani che ha invocato la massima attenzione dall’ambasciatore americano in Italia. La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta e a breve Falcinelli tornerà in Italia.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Isræle à Rafah, o Biden pronto à taggiâghe e arme in caxo d’invaxon

Isræle o l’à piggiou o contròllo do passo de Rafah e o l’à serrou à l’ipòtexi d’accòrdio propòsta da Egitto e Qatar e açettâ da Hamas. O prescidente american Joe Biden o s’é dito pronto à fermâ a fornitua de arme d’offeisa in caxo d’invaxon da çittæ. L’isrælian Netanyahu o l’insciste: «Anemmo avanti anche da soli, no gh’é alternativa à batte Hamas fiña drento Rafah». L’assemblea generale de l’Onu a l’à approvou unna resoluçion ch’a reconosce a Palestiña comme qualificâ pe vegnî un componente à titolo pin de Naçioin Unie e a l’arrecomanda a-o Conseggio de seguessa d’appensâseghe torna. «Un premio a-i terroristi» pe-o ministro de l’Estranxeo isrælian.

Traduçion italiaña

Israele a Rafah, Biden pronto a tagliargli le armi in caso di invasione

Israele ha preso il controllo del valico di Rafah e ha chiuso all’ipotesi di accordo proposta da Egitto e Qatar e accettata da Hamas. Il presidente americano Joe Biden si è detto pronto a fermare la fornitura delle armi offensive in caso di invasione della città. L’israeliano Netanyahu insiste: «Andiamo avanti anche da soli, non c’è alternativa a sconfiggere Hamas fin dentro Rafah». L’assemblea generale dell’Onu ha approvato una risoluzione che riconosce la Palestina come qualificata per diventare un componente a pieno titolo delle Nazioni Unite e raccomanda al Consiglio di sicurezza di riconsiderare la questione. «Un premio ai terroristi» per il ministro degli Esteri israeliano.

Ruscia, o Putin o comanda de exerçitaçioin nucleare: allarme in Euröpa

O prescidente ruscio Vladimir Putin o l’à comandou de exerçitaçioin con de arme tattiche nucleare vexin a-o confin de l’Ucraina comme respòsta a-e «menasse» de l’Occidente, dixe o Cremlin. Mosca a l’à convocou i ambascioei de Fransa e Gran Bretagna, allarme inte l’Union europea. «Faiemo de tutto pe schivâ un scontro globale ma no permettiemo à nisciun de menassâne», o l’à avvertio o Putin. O Financial Times o l’à scrito che a Ruscia a l’indandia di «violenti atti de sabotaggio» inte tutta l’Euröpa. O prescidente ucraino Volodymyr Zelensky o l’é stæto misso inta lista de persoñe çercæ da-o ministëio de l’Interno ruscio, coscì comme o passou prescidente Petro Poroshenko.

Traduçion italiaña

Russia, Putin ordina esercitazioni nucleari: allarme in Europa

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato esercitazioni con armi tattiche nucleari vicino al confine dell’Ucraina come risposta alle «minacce» dell’Occidente, dice il Cremlino. Mosca ha convocato gli ambasciatori di Francia e Gran Bretagna, allarme nell’Unione europea. «Faremo di tutto per evitare uno scontro globale ma non permetteremo a nessuno di minacciarci», ha avvertito Putin. Il Financial Times ha scritto che la Russia prepara «violenti atti di sabotaggio» in tutta Europa. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è stato messo nella lista delle persone ricercate dal ministero dell’Interno russo, così come l’ex presidente Petro Poroshenko.

Alluvion in Braxî, ciù de 100 mòrti e 400mia scorrii d’in casa

Ciù de 100 mòrti in Braxî pe l’alluvion devastante ch’a l’à corpio o stato do Rio Grande do Sul. Segondo a Proteçion çivile i ferii son 700 e passa, pöcassæ 150 i despersci. I sciummi son anæ de sorvia e son arrivæ a-i primmi cen de case, rendendo ciù diffiçile i interventi de sarvamento. À pezoâ a scituaçion e temperatue deruæ inti urtimi giorni fin à 10 graddi de minima, co-o reisego de neuve inondaçioin. E persoñe deslögiæ son 400mia, di quæ 70mia ospitæ inte struttue d’emergensa averte da-e autoritæ. Squæxi 2 mioin i çittæn ch’an patio di danni pe caxon do tempo grammo.

Traduçion italiaña

Alluvione in Brasile, più di 100 morti e 400mila sfollati

Più di 100 morti in Brasile per l’alluvione devastante che ha colpito lo stato del Rio Grande do Sul. Secondo la Protezione civile i feriti sono oltre 700, circa 150 i dispersi. I fiumi sono esondati e sono arrivati ai primi piani delle case, rendendo più difficoltosi gli interventi di salvataggio. A peggiorare la situazione le temperature crollate negli ultimi giorni fino a 10 gradi di minima, col rischio di nuove inondazioni. Le persone sfollate sono 400mila, di cui 70mil ospitate nelle strutture d’emergenza aperte dalle autorità. Quasi 2 milioni i cittadini che hanno subito danni a causa del maltempo.