O Zinâ

Ediçion

E notiçie da-a Liguria

Senti a verscion registrâ:

Scontro in sciâ sanitæ in Liguria, neutte in gianco in conseggio regionale

Battaggia in sciâ sanitæ in Liguria. Gh’é vosciuo 24 oe e passa de conseggio regionale pe l’approvaçion do cian sòçio-sanitäio da Region, o prinçipâ papê de programmaçion strategica da chì a-o 2025. Dòppo avei contestou de magagne inta proçedua l’oppoxiçion a l’à comensou à fâ de l’ostruçioniximo, coscì a maggioransa a l’à trovou un scorsaieu pe scassâ tutti i emendamenti e refuâ tutte e propòste da minoransa. «Emmo defeiso o cian, un atto de responsabilitæ», o l’à dito o prescidente Toti. Pe-i seu avversäi, «un provedimento veuo, ch’o no serve à ninte. Se porrià cuâ solo chi gh’à i dinæ». Intanto, quarche oa avanti, l’ea sciortio a denonçia do conseggê Gianni Pastorino ch’a mostrava di paçienti missi in tæra in sce di lettin da campo a-o pronto soccorso do Galliera. Un fæto caxonou, segondo a direçion de l’uspiâ, da l’arrivo de tante ambulanse tutte insemme.

Traduçion italiaña

Scontro sulla sanità in Liguria, notte in bianco in consiglio regionale

Battaglia sulla sanità in Liguria. Ci sono volute più di 24 ore di consiglio regionale per l’approvazione del piano sociosanitario della Regione, il principale documento di programmazione strategica da qui al 2025. Dopo aver contestato vizi procedurali l’opposizione ha iniziato a fare ostruzionismo, così la maggioranza ha trovato una scorciatoia per cancellare tutti gli emendamenti e rifiutare tutte le proposte della minoranza. «Abbiamo difeso il piano, un atto di responsabilità», ha detto il presidente Toti. Per i suoi avversari, «un provvedimento vuoto, che non serve a niente. Si potrà curare solo chi ha soldi». Intanto, qualche ora prima, era uscita la denuncia del consigliere Gianni Pastorino che mostrava pazienti collocati in terra su lettini da campo al pronto soccorso del Galliera. Un fatto causato, secondo la direzione dell’ospedale, dall’arrivo di molte ambulanze in contemporanea.

Ciavai, squascio inte un asilo: 75 figgeu in sarvo

A poeiva ëse unna tragedia quella avvegnua à l’asilo Della Torre de Ciavai, unna struttua privâ, a-a mattin di 21 de novembre. Tutt’assemme un tòcco do pavimento de un cian o l’é vegnuo zu arvindo un beuggio into mezo de un corridô. Pe fortuña o l’é capitou quande tutti i 75 figgeu ean inte stançie. L’instituto o l’é stæto desbarassou da-i pompê ch’an serrou a zöna do squascio, pròpio donde i piccin lasciavan e borse e i vestî. Oua vëgnan ospitæ inte un atro asilo. I scindicati domandan de fâ ciæo in scî travaggi pe-a seguessa de scheue e o caxo o l’é stæto denonçiou da-a politica anche à livello naçionale. Intanto da unn’analixi de Genova che osa sata feua che o 62% e passa de scheue o no gh’à manco o çertificou d’agibilitæ.

Traduçion italiaña

Chiavari, crollo in un asilo: 75 bambini in salvo

Poteva essere una tragedia quella avvenuta all’asilo Della Torre di Chiavari, una struttura privata, la mattina del 21 novembre. All’improvviso un pezzo del pavimento di un piano è crollato aprendo una voragine nel mezzo di un corridoio. Per fortuna è successo quando tutti i 75 bambini erano nelle aule. L’istituto è stato sgomberato dai pompieri che hanno chiuso la zona del cedimento, proprio dove i piccoli lasciavano gli zaini e i vestiti. Ora vengono ospitati in un altro asilo. I sindacati chiedono di fare chiarezza sui lavori per la sicurezza delle scuole e il caso è stato denunciato dalla politica anche a livello nazionale. Intanto da un’analisi di Genova che osa emerge che oltre il 62% delle scuole non ha nemmeno il certificato di agibilità.

O Scagni impio de bòtte inta prexon de Sanremmo: o l’é grave

O Alberto Scagni, l’òmmo ch’o l’à ammassou a seu Alice à Chinto a-o 1° de mazzo do 2022, o l’é stæto massacrou de bòtte da doî detegnui inta prexon de Sanremmo donde o l’ea apreuvo à scontâ a condanna à 24 anni e mezo. O Scagni, sarvou da l’intervento da poliçia penitençiäia, o l’é arrivou à l’uspiâ Borea in còdiçe rosso co-o naso e a ganascia rotti: sottopòsto à l’operaçion de reconstruçion, o l’é stæto misso in cöma farmacològico. A no l’é a primma vòtta: za inta prexon de Marasci o l’ea stæto piccou, sciben con meno violensa, e pe quello l’aivan fæto anâ in Valle Armea. I doî aggressoî, d’origine magrebiña, son accaxonæ de tentou assascinio e sequestro de persoña.

Traduçion italiaña

Scagni violentemente aggredito nel carcere di Sanremo: è grave

Albero Scagni, l’uomo che ha ucciso la sorella Alice a Quinto il 1° maggio 2022, è stato massacrato di botte da due detenuti nel carcere di Sanremo dove stava scontando la condanna a 24 anni e mezzo. Scagni, salvato dall’intervento della polizia penitenziaria, è arrivato all’ospedale Borea in codice rosso con naso e mandibola rotti: sottoposto a intervento di ricostruzione, è stato messo in coma farmacologico. Non è la prima volta: già nel carcere di Marassi era stato picchiato, sebbene con meno violenza, e per questo lo avevano trasferito in Valle Armea. I due aggressori, di origine magrebina, sono accusati di tentato omicidio e sequestro di persona.

E notiçie da l’Italia

Senti a verscion registrâ:

Ammassâ da-o passou galante à 22 anni, a stöia da Giulia Cecchettin a scròlla l’Italia

Tutta l’Italia sciätâ da-a mòrte da Giulia Cecchettin, a figgia de 22 anni ammassâ à cotellæ in Veneto da-o passou galante Filippo Turetta, da mæxima etæ. Quella ch’a paiva unna fuga ben fito a s’é mostrâ un assascinio. O còrpo o l’é stæto attrovou a-i 18 de novembre inte unn vallon in provinsa de Pordenon. Da lì à pöco o zoeno o l’é stæto affermou in Germania, dond’o l’ea arrestou sensa dinæ e sensa benziña. A Cecchettin a l’é stæta aggredia doe vòtte e corpia con unna vinteña de cotellæ dòppo unna çeña insemme da McDonald’s. Pe mez’oa a l’à çercou de defendise. O Turetta o l’à confessou: «Voeiva fâla finia, ma no gh’ò avuo o cheu». O poæ o l’à ciammou perdon: «Mæ figgio o dovià pagâ». «Tutti i mascci an da fâse un examme de consciensa», a l’à dito a Elena, a seu da Giulia. A vittima inte un messaggio vocale a l’aiva contou: «Vorrieiva che o Filippo o sparisse da-a mæ vitta, ma ò troppa poia ch’o pòsse fâse do mâ». Intanto sponta o caxo de unna telefonâ a-o 112 de un testimònio ch’o l’avieiva visto doe persoñe rattellâ inte un parchezzo, sensa nisciun intervento de forse de l’ordine.

Traduçion italiaña

Uccisa dall’ex fidanzato a 22 anni, la storia di Giulia Cecchettin scuote l’Italia

Tutta l’Italia sconvolta dalla morte di Giulia Cecchettin, la ragazza di 22 anni uccisa a coltellate in Veneto dall’ex fidanzato Filippo Turetta, suo coetaneo. Quella che sembrava una fuga ben presto si è rivelata un assassinio. Il corpo è stato trovato il 18 novembre in un canalone in provincia di Pordenone. Poco dopo il giovane è stato fermato in Germania, dove era rimasto senza soldi e senza benzina. Cecchettin è stata aggredita due volte e colpita con una ventina di coltellate dopo una cena insieme da McDonald’s. Per mezz’ora ha cercato di difendersi. Turetta ha confessato: «Volevo farla finita, ma non ho avuto coraggio». Il padre ha chiesto perdono: «Mio figlio dovrà pagare». «Tutti i maschi devono farsi un esame di coscienza», ha detto Elena, sorella di Giulia. La vittima in un messaggio vocale aveva raccontato: «Volevo che Filippo sparisse dalla mia vita, ma ho troppa paura che possa farsi del male». Intanto spunta il caso di una telefonata al 112 di un testimone che avrebbe visto due persone litigare in un parcheggio, senza nessun intervento delle forze dell’ordine.

L’Ue a manda inderê a maneuvra e a promeuve a revixon do Pnrr

L’Union Europea a l’à mandou inderê a maneuvra finançiäia do governo italian pe-o 2024. O papê o l’é stæto giudicou «no areo conforme», pægio che atri 8 Paixi. «Pe l’Italia nisciuña bocciatua ma un invito a-o sæximo», o l’à dito o commissäio Gentiloni. «Tutto comme previsto», segondo o ministro de l’Economia Giancarlo Giorgetti. Da-a Commiscion europea arriva però a luxe verde in sciâ revixon do Pnrr e a quarta fraçion di pagamenti. Intanto o Governo o l’à convocou i scindicati in sciâ maneuvra pe-i 24 de novembre, quande l’ea za fissou o sciòpero e ben ben de manifestaçioin: l’incontro o l’é stæto postiçipou a-i 28.

Traduçion italiaña

L’Ue rimanda la manovra e promuove la revisione del Pnrr

L’Unione Europea ha rimandato la manovra finanziaria del governo italiano per il 2024. Il documento è stato giudicato «non del tutto in linea», ugualmente ad altri 8 Paesi. «Per l’Italia nessuna bocciatura ma un invito alla prudenza», ha detto il commissario Gentiloni. «Tutto come previsto», secondo il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. Dalla Commissione europea arriva però il via libera alla revisione del Pnrr e alla quarta rata dei pagamenti. Intanto il Governo ha convocato i sindacati sulla manovra per il 24 novembre, quando erano già fissati lo sciopero e molte manifestazioni: l’incontro è stato posticipato al 28.

O ministro Lollobrigida torna inta boriaña: o l’à fæto fermâ un treno pe lê

O ministro de l’Agricoltua Francesco Lollobrigida, in viægio pe ëse presente à l’inauguraçion do neuvo parco de Caivano, o l’à fæto fâ unna fermâ straordenäia à un treno Frecciarossa ch’o l’ea in retardio. A notiçia, pubricâ da-o Fatto Quotidiano, a l’à fæto scciuppâ a polemica. L’oppoxiçion a l’à domandou unn’informativa urgente do governo. «Comportamento indegno», a l’attacca a segrettäia do Pd Elly Schlein. «S’à l’é vea ciammiemo e dimiscioin», o l’à azzonto o Matteo Renzi, cappo de Italia Viva. Pe-o Giuseppe Conte, prescidente do Movimento 5 Stelle, «un segnâ devastante». «O treno o s’é affermou à Ciampino, tutti an posciuo chinâ, no solo mi», s’é defeiso o ministro. «Nisciun retardio in ciù pe-i passaggê e nisciun costo in azzonta pe l’açienda», se leze inte unna nòtta de Trenitalia.

Traduçion italiaña

Il ministro Lollobrigida di nuovo nella bufera: ha fatto fermare un treno per sé

Il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, in viaggio per presenziare all’inaugurazione del nuovo parco di Caivano, ha fatto fare una fermata straordinaria a un treno Frecciarossa che era in ritardo. La notizia, pubblicata dal Fatto Quotidiano, ha fatto scoppiare la polemica. L’opposizione ha chiesto un’informativa urgente del governo. «Comportamento indegno», attacca la segretaria del Pd Elly Schlein. «Se è vero chiederemo le dimissioni», ha aggiunto Matteo Renzi, leader di Italia Viva. Per Giuseppe Conte, presidente del Movimento 5 Stelle, «un segnale devastante». «Il treno si è fermato a Ciampino, tutti sono potuti scendere, non solo io», si è difeso il ministro. «Nessun ritardo in più per i passeggeri e nessun costo aggiuntivo per l’azienda», si legge in una nota di Trenitalia.

E notiçie da-o mondo

Senti a verscion registrâ:

Guæra Isræle-Hamas, tregua à Gazza pe-o scangio di prexonê

L’é comensou a-a mattin di 24 de novembre a tregua tra Isræle e Hamas à Gazza. A fermâ de arme a dua 4 giorni pe permette o scangio di prexonê, 13 ostaggi isrælien pe 39 detegnui palestineixi, inte tutti doî i caxi dònne e figgeu. Pe-o primmo ministro Gallant a saià «unna pösa curta avanti d’atri doî meixi de guæra». Segondo de vivagne locale di palestineixi son stæti ferii into çercâ de mesciâse de drento a-a Striscia, doî de loiatri son mòrti à l’uspiâ. A sospenscion a l’avieiva da fâ anche co-o confin à settentrion d’Isræle, dòppo ben ben de scontri tra l’exerçito e i Hezbollah libaneixi. I primmi cammi co-i aggiutti umanitäi destinæ à Gazza son intræ da-o passo de Rafah.

Traduçion italiaña

Guerra Israele-Hamas, tregua a Gaza per lo scambio dei prigionieri

È iniziata la mattina del 24 novembre la tregua tra Israele e Hamas a Gaza. Il fermo delle armi dura 4 giorni per permettere lo scambio dei prigionieri, 13 ostaggi israeliani per 39 detenuti palestinesi, in entrambi i casi donne e bambini. Per il primo ministro Gallant sarà «una pausa breve prima di altri due mesi di guerra». Secondo fonti locali alcuni palestinesi sono stati feriti cercando di spostarsi all’interno della Striscia, due di loro sono morti all’ospedale. La sospensione riguarderebbe anche il confine settentrionale di Israele, dopo molti scontri tra l’esercito e gli Hezbollah libanesi. I primi camion con gli aiuti umanitari destinati a Gaza sono entrati dal varco di Rafah.

Argentiña e Paixi Basci gian a drita, festezza i leader da-o Putin a-o Orban

Festezza a drita inte tutto o mondo dòppo e vittöie a-e eleçioin in Argentiña e inti Paixi Basci. À Bonesaire l’ultraliberista Javier Milei o l’é o neuvo prescidente apreuvo a-o segondo gio de votaçioin co-o 56% de preferense contra o peronista progrescista Sergio Massa. «Comensa a fin da descheita, comensemmo à construe torna e à vortâ a pagina da nòstra stöia», o l’à dito o Milei çelebrou da-o Trump, da-o Bolsonaro e da-o Putin. E in Euröpa l’olandeise Geert Wilders, ultranaçionalista e contra l’Islam, o l’é arrivou pe-o primmo davanti a-i soçialisti e verdi do Frans Timmermans, passou viçeprescidente da Commiscion europea: «Governiemo – o l’à commentou –. A prioritæ a l’é redue l’inmigraçion». Pe lê e congratulaçioin do Orban, da Le Pen e do Salvini.

Traduçion italiaña

Argentina e Paesi Bassi svoltano a destra, esultano i leader da Putin a Orban

Festeggia la destra in tutto il mondo dopo le vittorie alle elezioni in Argentina e nei Paesi Bassi. A Buenos Aires l’ultraliberista Javier Milei è il nuovo presidente a seguito del ballottaggio col 56% delle preferenze contro il peronista progressista Sergio Massa. «Inizia la fine della decadenza, iniziamo a ricostruire e a voltare pagina della nostra storia», ha detto Milei celebrato da Trump, da Bolsonaro e da Putin. E in Europa l’olandese, ex vicepresidente della Commissione europea: «Governeremo – ha commentato –. La priorità è ridurre l’immigrazione». Per lui le congratulazioni di Orban, Le Pen e Salvini.

Intelligensa artifiçiale, o progetto de OpenAI ch’o mettieiva à reisego l’umanitæ

O Sam Altman, fondatô e amministratô delegou da OpenAI, a start-up de reçerca in sce l’intelligensa artifiçiale ch’a l’à sviluppou ChatGPT, o l’é stæto scorrio à sorpreisa da quattro componenti do conseggio d’amministraçion insemme a-o prescidente Greg Brockman. A raxon, segondo e notiçie reportæ da-a Reuters, a saieiva un progetto ciammou Q* do quæ no se saieiva studdiou i effetti in sce l’umanitæ avanti da commerçializzaçion. O neuvo modello, in particolâ, o saieiva bon à resòlve di problemi matematichi, unn’abilitæ ch’a portieiva l’intelligensa artifiçiale à sobaccâ quella umaña, con de gròsse conseguense in sciâ reçerca scientifica e pe-a soçietæ areo.

Traduçion italiaña

Intelligenza artificiale, il progetto di OpenAI che metterebbe in pericolo l’umanità

Sam Altman, fondatore e amministratore delegato di OpenAI, la start-up di ricerca sull’intelligenza artificiale che ha sviluppato ChatGPT, è stato licenziato a sorpresa da quattro componenti del consiglio d’amministrazione insieme al presidente Greg Brockman. La motivazione, secondo le notizie riportate dalla Reuters, sarebbe un progetto chiamato Q* di cui non si sarebbero studiati gli effetti sull’umanità prima della commercializzazione. Il nuovo modello, in particolare, sarebbe in grado di risolvere problemi matematici, un’abilità che porterebbe l’intelligenza artificiale a superare quella umana, con grosse conseguenze sulla ricerca scientifica e per la società in generale.